Marco Falaguasta

_falagusta

“Le donne, un affascinante mistero”

E’ reduce dal successo a teatro con “So tutto sulle Donne”, di cui è stato anche autore. L’abbiamo visto nella fiction tv “Il Restauratore”, di cui si accinge a girare la seconda serie e in questo momento è impegnato con le riprese di “Come un Delfino 2”, in cui veste i panni del preparatore atletico di Raoul Bova



more 1 Comment aprile 5 2012 at 13:26


Federica Vincenti

_vincenti

Una vita e tre ruoli

Alla scoperta di un’attrice unica nel suo genere. Federica Vincenti è in onda nella serie tv “Nero Wolfe” e sta girando un altro film. E’ un personaggio impegnato su più fronti, compreso quello di mamma, e non ultimo nella produzione cinematografica, grazie ad un’idea del suo compagno Michele Placido. 



more No Comments aprile 5 2012 at 13:11


Rimi Beqiri

_bequiri

Ieri, oggi, domani

E’ un giovane attore nato in Albania, dove ha vissuto un’infanzia difficile e incerta. Ma lui non ha mollato ed oggi mostra fiero ciò che sta facendo, anche se la strada è ancora molto lunga…



more No Comments aprile 5 2012 at 13:06


Laura Adriani

_laura_adriani

“Un musical a Broadway e poi posso morire”

Ha appena compiuto diciotto anni. E’ Miriam de “I Cesaroni”, la ragazzina che ha fatto breccia nel cuore di Rudy. Nonostante la giovane età, ha le idee chiarissime sulla vita e sul futuro. Conosciamola meglio attraverso questa originale intervista alfabetica



more No Comments aprile 5 2012 at 13:01


Tatiana Sorokina

_sorokina

Modella per caso

E’ un’affermata modella internazionale. Vive e lavora a Milano e calca le passerelle più importanti. Ci parla del suo lavoro, della sua famiglia e del problema dell’anoressia



more No Comments aprile 5 2012 at 12:57


Maria Grazia Mattei

_M_G_Mattei

Il “dietro le quinte” della Pixar

Una mostra realizzata in collaborazione con The Walt Disney Company Italia, presenta al grande pubblico la fase creativa nascosta dei maestri dell’animazione mondiale e il ruolo essenziale che l’arte e il design tradizionale rivestono nei prodotti Pixar che, seppur tecnologicamente complessi, hanno sempre inizio con il semplice gesto di un tratto di matita su un foglio di carta



more No Comments aprile 5 2012 at 12:54


Enrico Silvestrin

_silvestrin

“Vi presento Claudio”

Il noto conduttore e attore è protagonista al cinema con “Good as you”, la prima gay comedy tutta italiana. “E’ un film che merita di essere visto, ho accettato con entusiasmo perché mi piaceva la sceneggiatura”, dice Enrico



more No Comments aprile 5 2012 at 12:50


Elena Arvigo

_arvigo

“Faccio quello che mi piace”

E’ un momento importante per questa giovane attrice. A febbraio l’abbiamo vista ne “Il Restauratore” a fianco di Lando Buzzanca, mentre a marzo ha iniziato le riprese del film “Se chiudi gli occhi sono qui” insieme a Beppe Fiorello



more No Comments aprile 5 2012 at 12:46


Claudio Lia

_lia

Artista in divisa

E’ metà poliziotto e metà pittore. Ha avuto il merito di portare l’arte all’interno della Polizia, fondando, insieme a Giorgio Bisanti e a Roberta Di Chiara, l’associazione Arte InDivisa. Ma si sente un artista al cento per cento

di Alessandro Cerreoni

In quelle mura si respira arte. In quelle mura suo papà faceva il restauratore di mobili d’arte. Oggi in quelle mura nascono le sue opere. Si chiude lì ore ed ore e crea, esprimendo la sua interiorità, la sua intimità e il suo talento. Nasce così l’artista Claudio Lia, metà poliziotto e metà pittore. Una doppia anima che convive all’interno di questo personaggio d’altri tempi. Incontro Claudio in un sabato mattina d’inverno nel suo studio di via dei Glicini, nel cuore di Centocelle, uno dei quartieri più popolosi della Capitale. Mentre sorseggiamo un caffè in un bar della zona, Claudio incontra e saluta i suoi amici d’infanzia, tutti con quei soprannomi tipici di una Roma che non c’è più, perché lì ci è cresciuto prima di partire in Polizia e lì ritorna quasi ogni giorno per chiudersi in quelle quattro mura e dipingere. Se lo vedi non diresti che sia un poliziotto. Non ha quei metodi autoritari che hanno molti di coloro che indossano la divisa. Dal suo volto sprigionano allegria e passione per l’arte. Un’artista al cento per cento.

E’ nato a Roma il 16 aprile del 1964, è un Ariete e del suo segno ha preso l’ostinazione e la caparbietà. Ingredienti senza i quali è difficile emergere nel mondo dell’arte. E’ entrato in Polizia nell’ormai lontano 1983, quando era già forte l’amore per la pittura…

Claudio, come è nato il tuo senso artistico?

“L’ho sempre avuto sin da bambino, grazie a mio padre, che conosceva e frequentava artisti e galleristi. E così mi sono ritrovato presto a respirare l’odore dei colori, fin quando ho iniziato a prendere fogli e a disegnarci sopra qualsiasi cosa”.

Artisticamente qual è stata la tua formazione?

“Ho frequentato il Liceo Artistico e l’Accademia delle Belle Arti. Nel frattempo, prima di entrare in Accademia, sono entrato in Polizia e ho conseguito anche una laurea in Psicologia. Avevo la sensazione che la mia vita avesse bisogno di altro”.

Quando frequentavi l’Accademia, ti è mai sopraggiunto il pensiero, l’idea, di lasciare la Polizia?

“Sì. D’altronde erano così diversi gli ambiti in cui vivevo. Da una parte sognavo e dall’altra ero ‘costretto’ in uno spazio dove non era possibile sognare. Pian piano sono riuscito a far convivere i due ambiti e alla fine in un certo senso ho portato la Polizia nell’arte”.

Ovvero?

“Insieme a due colleghi poliziotti, Giorgio Bisanti e Roberta Di Chiara, abbiamo fondato l’associazione Arte InDivisa, nella quale con il tempo sono confluiti altri artisti-poliziotti”.

A che punto è la tua arte?

“Sto sperimentando tecniche nuove, dagli smalti sintetici ad un’apertura sui lavori in tela e sul metallo. In questo posso dire che è fondamentale la contaminazione con altri grandi artisti. Sono soddisfatto di quello che sto realizzando. Sono presente alla Biennale, grazie al placet di Vittorio Sgarbi, al quale sono piaciute mie opere”.

Con quale stile hai iniziato?

“Con una pittura espressionista dove il colore dominava sulla forma. Il mio desiderio era ed è quello di far parlare, attraverso i colori, ciò che ho dentro. La mia è un’opera che va letta tra le righe”.

Quante opere hai realizzato finora?

“Dalle 600 alle 700. Alcune di queste sono esistite ed ora non esistono più, ma le ho fotografate. Sono come il poeta che scrive e poi strappa le sue poesie”.

L’artista che apprezzi di più?

“Tra i contemporanei due in particolare: Velasco e Roberto Coda Zabetta”.

Quanto tempo dedichi all’arte?

“Tutti i giorni, da quando esco dall’ufficio fino alla sera e talvolta anche la domenica. In tutto questo devo dividermi con la famiglia”.

Il complimento più bello che ti hanno fatto?

“Qualcuno mi ha detto: riconosco un tuo quadro anche se non l’hai firmato”.

Progetti futuri da artista?

“Come associazione stiamo portando avanti la mostra ‘Grandi Stazioni’, sul tema della mafia, che sta girando e girerà l’Italia. E poi sto lavorando ad una ‘personale’ da fare il prossimo anno a Roma”.

 

 



more 1 Comment marzo 13 2012 at 11:22


Liliana Pintilei

_pintilei

La nuova stella del Bagaglino

E’ stata una delle protagoniste al Salone Margherita con “Bambole non c’è un euro”. E’ nata in Romania e vive nel nostro Paese dal 1996. Il suo sogno era quello di fare l’attrice e ci sta riuscendo…



more No Comments marzo 13 2012 at 11:17


s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000