Chiara Squaglia: La cover story di maggio 2017


    chiara-squaglia_vdc0722

La brillante e simpaticissima inviata di “Striscia la Notizia” arriva da Lucca e sa come bucare lo schermo da inviata. Chiara Squaglia ha debuttato in tv nel 2008 nella sua Toscana. “Oggi con Striscia è come lavorare all’interno di una grande famiglia”

di Silvia Giansanti

Caparbia e con la voglia di misurarsi con qualcosa di complicato, Chiara Squaglia ha voluto fare tutto un altro percorso da quello che le avevano indicato tempo fa i suoi genitori, l’architetto a Lucca. Sogna di lavorare nel grande schermo e si sta dedicando anche ad un cortometraggio. Non solo, al momento ha riposto la sua laurea nel famoso cassetto, ma ha scelto anche un tipo di lavoro che la vede sempre in movimento e lontana dalla sua città. Poco tempo insomma per amici e famiglia, questioni di scelte e di voglia di scalare montagne con sentieri impervi, ma che portano ad un grande risultato finale. Chi non riesce a comprendere tutto ciò, meriterebbe sicuramente un bel tapiro.

Chiara, come hai iniziato a lavorare per Striscia la notizia?

“Ho iniziato nel novembre del 2014 facendo la parodia della moglie di Renzi, un personaggio che già interpretavo su Radio Italia e di cui ho realizzato dei video che ho pubblicato su YouTube. La mia parodia fu inserita all’interno di una rubrica ideata dagli autori di Striscia, andata in onda per due mesi. Dopo poco, uscì il bando per la ricerca di nuovi inviati. Mi misi immediatamente a  preparare la puntata zero da proporre, che consegnai a febbraio e a giugno venni selezionata. Dopo tanto lavoro, finalmente un sogno che si realizzava”.

Ti sei subito trovata a tuo agio con autori e colleghi?

“Subito. Innanzitutto perché molti erano già amici, quando andavo a trovarli in studio mi accoglievano sempre con un tale affetto che io la sentivo già come una famiglia, quindi trovarmi a lavorare con loro è stato veramente un sogno che si è realizzato. In più il mio primo autore era proprio di Lucca, assurdo, di tutta Italia un autore esattamente della mia città natale, forse un altro segno del destino?”.

Chi ti diverte di più del cast?

“Impossibile scegliere. Siamo tutti molto affiatati e il clima che si respira all’interno del programma è quello di una grande famiglia”.

Come si svolge il tuo lavoro lì?

“Per prima cosa ricevo le segnalazioni che possono arrivare da diversi canali: soprattutto dall’SOS Gabibbo, ma anche via mail o attraverso i social. Poi si verificano con telefonate e sopralluoghi e infine ci presentiamo di persona sul luogo. L’obiettivo è sempre quello di risolvere il problema, la filosofia di Striscia è quella di contribuire alla risoluzione della magagna”.

Pro e contro del mestiere dell’inviata.

“Partiamo dai contro: essere sempre in viaggio, con la valigia pronta, avere poco tempo per la famiglia, gli amici e la vita privata. I pro: moltissimi, avere una vita ricchissima di esperienze stimolanti, sempre in movimento, mai monotona, visitare luoghi nuovi, conoscere persone nuove, realtà nuove, accrescere la propria cultura e aprire i propri orizzonti geografici e mentali”.

Un aneddoto da raccontare nelle tue esperienze da inviata?

“Mi viene in mente di quando mi sono occupata degli spacciatori nella pineta di Viareggio. Durante la registrazione del servizio ero da sola, di sera, con il mio operatore e ci siamo ritrovati circondati dai pusher… Un margine di rischio nel nostro lavoro c’è ma lo trovo stimolante. Quello che conta è che è uscito un bel servizio”.

Quali sono i tuoi miti nel mondo dello spettacolo? Personaggi a cui ti ispiri?

“Il mio mito è Terence Hill, guardavo sempre i suoi film con Bud Spencer… Lo sposerei anche ora. E come fonte ispiratrice Meryl Streep, non solo come attrice, ma come donna. L’ammiro perché è riuscita a crearsi una famiglia “normale”, riservata, al di fuori di qualsiasi gossip nonostante la sua fama mondiale”.

Che servizio realizzeresti per la tua città natale Lucca?

“Beh, spero non un servizio di Striscia, visto che in genere andiamo a scovare le magagne e mi piacerebbe che lì non ce ne fossero, anche se so che non è vero”.

Prima di lavorare per Striscia la notizia hai collaborato per il centro Epson Meteo e con il colonnello Giuliacci. Cosa ricordi di quell’esperienza?

“Sono molto grata al colonnello Mario Giuliacci e a suo figlio Andrea perché mi hanno dato fiducia e mi hanno permesso di trasferirmi a Milano. Poi ho scoperto molte cose sul meteo e ho conosciuto tanti amici, persone speciali che mi hanno sostenuto sempre anche nei momenti più difficili, tifano per me e sono felici dei miei traguardi”.

Se ti chiedessero di “sostituire” per un giorno Staffelli, a chi consegneresti il Tapiro?

“Ai miei genitori, perché me l’hanno fatta sudare! Mi hanno sempre scoraggiato, volevano che facessi l’architetto, visto che sono laureata in architettura, e che vivessi a Lucca, insomma che seguissi la strada più sicura e comoda ma non sempre è quella migliore, anzi è proprio quella piena di curve e ostacoli, difficoltà e salite che ti fa crescere. Credo che abbiano accettato la mia scelta solo quando ho raggiunto Striscia, che quindi devo ringraziare anche per questo”.

Che rapporto avete voi inviati con i conduttori di Striscia?

“Sono tutti stupendi, sempre nell’ottica di Striscia ovviamente, che è quella di scherzare con noi e su di noi. Dietro la loro comicità, però, si nota la grande solidarietà e il rispetto per il lavoro degli inviati. Si avverte la complicità, il senso di squadra. È questo il segreto del successo di questo programma, siamo tutti una grande famiglia”.

Ti vedresti come conduttrice di Striscia? E chi ti piacerebbe avere come co-conduttore, senza nulla togliere agli altri?

“Conduttrice? Sarebbe troppo bello per essere vero.  Come co-conduttrice mi vedrei bene con Cristiano Militello visto che parliamo la stessa lingua… ci sarebbe da ridere!”.

CHI E’ CHIARA SQUAGLIA

Chiara Squaglia è nata a Lucca il 26 maggio sotto il segno dei Gemelli con ascendente Gemelli. Caratterialmente è brillante e determinata. Ha come hobby fare sport e ultimamente pratica molta palestra. Non ha una squadra del cuore, ama mangiare il pesce e adora la parmigiana di melanzane. La sua città preferita è Milano. Al momento non ha animali domestici per il poco tempo a disposizione. Nel passato ci sono una laurea in architettura e due diplomi di recitazione. Dopo la laurea, si è trasferita a Parigi dove ha lavorato come architetto part-time, affrontando le prime esperienze teatrali. Il suo debutto televisivo è avvenuto nel 2008, in qualità di inviata di un tg regionale in Toscana, che le ha permesso di fare un po’ di gavetta, occupandosi di tutto. Nel frattempo ha avuto piccoli ruoli in fiction tv. Nel 2010 è stata scelta come volto femminile dal Centro Epson Meteo per le reti Mediaset e su diverse radio locali e nazionali. Ha collaborato con il colonnello Giuliacci . Nel 2014 è passata nella trasmissione “Roulette Show Live” in onda su Winga Tv. Contemporaneamente in quel periodo la scelta del personaggio di Agnese Renzi su Radio Italia, si è rivelata lungimirante. Ha deciso di fare dei video da caricare su YouTube, facendosi apprezzare dagli autori di “Striscia la Notizia”. Il passo come inviata è stato breve nel momento giusto.


Your Comments

0 Responses to Chiara Squaglia: La cover story di maggio 2017



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000