Clizia Fornsasier: “Dall’amore con Attilio nasce la scelta del nome Blu per nostro figlio che è in arrivo”


    QF6A2943

La vedremo nella prossima stagione autunno-inverno nella fiction “Di padre in figlia” nel ruolo di Nadia, una lavoratrice della distilleria, location principale di tutti gli eventi di questa saga familiare. Inoltre Clizia ha progetti musicali con il suo compagno e adesso come priorità c’è la nascita del suo primogenito Blu.

di Silvia Giansanti

Il dolce è troppo dolce e il piccante è troppo piccante, Clizia è per i sapori semplici. Non possiamo non stimare chi arriva ad alti livelli, mantenendo i piedi ben saldi per terra, senza dimenticare le origini. Ne è l’esempio la giovane attrice che è partita dal concorso di Miss Italia edizione 2004, incoraggiata dal padre, strano ma vero. Profonda, semplice e con la voglia di prendere a morsi la vita, ci ha regalato questa intervista mentre nel pancione qualcosa mi muove…

Clizia, dando un’occhiata alla tua biografia, mi sembra di capire che all’inizio hai puntato molto sulla bellezza.

”Ho partecipato al concorso di bellezza Miss Italia per fare un regalo a mio padre, che, caso strano, ha sempre desiderato che vi partecipassi. Mi sono sentita in imbarazzo quando è stato preso in considerazione il mio lato estetico, perché in realtà non mi sono mai presa sul serio. Dentro sono più clownesca che reginetta. Sono riuscita comunque ad arrivare in finale e ad iniziare il mio percorso di attrice”.

Qual è stato il momento in cui hai capito che ce l’avresti fatta?

“Si ha continuamente bisogno di questi momenti. Ho sempre sperato di andare avanti come attrice. Tre anni fa ho sostenuto un provino a Venezia per ‘Il diavolo veste Prada’ e il regista insieme al suo casting mi hanno detto che ero un’attrice eccellente e lì ci ho creduto veramente”.

Hai obiettivi precisi o preferisci lasciare al caso?

“Lasciare completamente al caso no, anche se mi sono resa conto che è inutile fare progetti troppo definiti perché nella vita può accadere di tutto. Il mio obiettivo rimane lo stesso, percorrere questo sentiero, affermandomi potendo anche affrontare ruoli diversi per poter dare del mio”.

Dove ti senti pienamente te stessa?

“Nella scrittura, ho pubblicato anche un romanzo. Le idee non mi mancano mai”.

La tua filosofia di vita?

“Una frase che mi ripeto spesso è ‘sono fiera del mio armadio’, nel senso che sono disordinata e ho tante cose dentro. Il fatto di essere libera da segreti oscuri, mi rende fiera di avere un percorso alla luce del sole”.

Hai debuttato al cinema con “Notte prima degli esami – Oggi”, sei d’accordo sul fatto che la vita sia piena di prove? Com’è la tua?

“Assolutamente sì. Crescendo mi sono resa conto che sono andata anche oltre a certi limiti che mi ero data. Ogni volta che si sperimenta qualcosa di nuovo, si è sempre sotto un occhio scrutatore. E’ un continuo esame per una persona libera come me che si può permettere di osare un po’”.

A chi sei molto legata nel tuo ambito lavorativo?

“A Emanuela Grimalda, ad Adelmo Togliani, figlio di Achille e al grande Carlo Verdone”.

Sei nata nella città di Alex Del Piero, lo conosci bene?

“A dir la verità no, anche per differenze generazionali”.

Com’era la tua vita prima di tutto questo?

“Ero una studentessa molto diligente. Sono cresciuta in un paese molto piccolo di nome Arcade e quindi ho condotto la vita semplice di una ragazza di campagna”.

Sei riuscita ad integrarti bene in una città così caotica e immensa come Roma?

“Sì, all’inizio i miei parenti avevano il timore di lasciarmi andare in una città così. Sono riuscita a vedere Roma costituita da tanti piccoli paesi, i quartieri. Non ho notato diffidenza da parte dei romani che hanno una notevole capacità di adozione. Ormai è una città di tutti. Ho sempre desiderato venire nella Capitale ma mio padre non mi ci ha mai portato e allora sono venuta da sola”.

Cosa ami in particolare?

“Sei in città ma ci sono polmoni verdi stupendi come le sue ville che ti consentono di scappare dai rumori. Amo anche i suoi silenzi notturni”.

Quali sono i tuoi gusti musicali?

“Sono stata da sempre attratta dalle colonne sonore e comunque ascolto un po’ di tutto, da Battisti ai gruppi più sconosciuti”.

Opere cinematografiche o teatrali che ti interessano?

“Sicuramente ci sono certe tematiche che hanno potere sulla mia immaginazione. Ho deciso di diventare attrice vedendo un film fantasy del 1986 ‘Labyrinth’. Quando nei film c’è di mezzo il tema dell’infanzia, vengo catturata. Cito anche tra gli altri ‘Mammina cara’ con Faye Dunaway. Ho anche una grande passione per Dario Argento e sono attratta dai film movie italiani anni ’70 che sono una fucina di idee incredibili”.

Sei una persona che riesce ad essere felice con poco?

“Sì, sono molto semplice e adoro le piccole cose, non tanto perché mi accontento di poco, ma perché ci trovo un calore grande dentro”.

Da dove deriva la scelta del nome Blu per il tuo bimbo che sta per nascere?

“Da romanticherie legate alla storia d’amore con Attilio. Il blu è uno dei tre colori fondamentali ed è il colore delle cose più belle che uno possa immaginare. Mi piace anche come suona questo nome”.

Come hai conosciuto il tuo compagno e cosa ti ha colpito di lui?

“Ci siamo conosciuti in un programma televisivo che era ‘Tale e Quale Show’, mascherati completamente. Quello che mi ha colpito di lui è stato il modo di lavorare molto simile al mio”.

A proposito di “Tale e Quale Show”, da dove nasce la passione di imitatrice?

“In casa fin da ragazzina, quando imitavo i parenti e le scene di famiglia e poi a scuola. Ecco perché, come ti dicevo, non mi sono mai presa sul serio esteticamente parlando”.

Credi nel destino?

“Nasciamo con una scia e poi sta a noi seguirla”.

Hai paura del parto imminente?

“No, ci penserò al momento. Ho sempre desiderato la maternità e quindi il mio corpo è in totale armonia con il desiderio. Pensa che non ho mai avuto nessun disturbo”.

Auguri!

“Grazie”.

CHI E’ CLIZIA FORNSASIER

Clizia Fornasier è nata a Conegliano Veneto il 4 aprile del 1986 sotto il segno dell’Ariete con ascendente Leone. Caratterialmente Clizia si definisce impegnativa, leale, dolce e simpatica. Ama la liquirizia, tifa per il Verona e ha come hobby la scrittura e il disegno. Al momento non possiede animali domestici, quando però viveva in campagna aveva di tutto, dai conigli, ai criceti e perfino una tarantola. Il suo compagno è Attilio Fontana da cui aspetta un bambino di nome Blu. Il suo anno fortunato è stato il 2006 quando è avvenuto il primo ciak. La sua avventura è partita dal concorso di Miss Italia del 2004. Ha debuttato nel 2007 in “Notte prima degli esami – Oggi” di Fausto Brizzi. Nello stesso anno ha girato “Ultimi della classe” e “Grande grosso e…Verdone”. Dopo aver terminato le riprese della serie tv “Tutti pazzi per amore” nel 2009, ha preso parte nella fiction “Piper”. Nel 2010 è tra gli attori di “Un medico in famiglia 7” e due anni dopo ha lavorato nei film “La finestra di Alice”, “Tutto tutto niente niente” e “Aspirante vedovo”. Nel 2013 ha debuttato come concorrente a “Tale e Quale Show”. Nel 2015 è iniziata la co-conduzione settimanale del magazine “Top – tutto quanto fa tendenza” per Rai Uno ed è stata ospite fissa di “Quelli che il calcio”. In autunno la vedremo recitare nella fiction “Di padre in figlia”.


Your Comments

0 Responses to Clizia Fornsasier: “Dall’amore con Attilio nasce la scelta del nome Blu per nostro figlio che è in arrivo”



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000