Dario Bandiera


    _dario_bandiera

Semplicemente bravo

E’ uno dei protagonisti del nuovo film “Workers – Pronti a tutto” di Lorenzo Vignolo. Si sta affermando come un bravissimo attore e dei suoi esordi ricordiamo il suo essere poliedrico: cantante, ballerino, imitatore e comico

di Claudio Testi

Dario Bandiera ha iniziato come intrattenitore e spesso lo abbiamo visto nelle serate e in tv nelle vesti di showman “completo”, come dice lui “un illusionista di suoni e di voci”: cantante, ballerino, imitatore, comico. Ma le sue grandi doti artistiche e il suo modo di essere lo rendono sempre di più  attore eclettico in grado di affrontare con disinvoltura personaggi e storie comici e drammatici. Ciò gli ha permesso di fare una scelta di vita  professionale e di iniziare il suo percorso cinematografico nel 1994 con il film “Miracolo Italiano”, diretto da Enrico Oldoini. E’ stato più volte protagonista della commedia d’autore. Nel 2007, ricordiamo, ha ottenuto anche una candidatura al Nastro d’argento come miglior attore protagonista per il film“Manuale d’amore 2 – Capitoli successivi” di Giovanni Veronesi.

Da Veronesi è stato poi diretto in “Italians” e “Streghe verso nord”. Tra i suoi film più recenti ci sono: “Oggi Sposi” di Luca Lucini, in coppia con Isabella Ragonese, “Baciato dalla fortuna” e “Vacanze di Natale a Cortina”.

Dario, cosa ti piace di più del cinema?

“Mi piacciono la dinamicità e la continua evoluzione. Ad esempio, ogni film è diverso dall’altro e quindi ti permette di vestire i panni di un personaggio, di viverlo e al termine ti spogli e ti prepari a metterne un altro diverso. Al contrario di quanto può accadere, con tutto rispetto, per uno spettacolo teatrale, dove tutte le sere fai la stessa cosa”.

L’11 maggio nelle sale cinematografiche esce il film “Workers – Pronti a tutto” di Lorenzo Vignolo, dove tu interpreti un ruolo da protagonista.

“E’ una commedia divisa in tre episodi legati tra loro in cui si racconta la storia di tre persone interpretate come protagonisti rispettivamente da me, dalla bravissima Nicole Grimaudo e dal grande attore e doppiatore Francesco Pannofino, alle prese, come si capisce dal titolo, con dei lavori  in questi casi improbabili. Sono per lo più lavori che in Italia ormai, nessuno vuole fare, e questi posti solitamente occupati da stranieri in vera difficoltà, ma alcuni sono pronti ad accettarli pur di non rimanere senza occupazione”.

Che personaggio interpreti?

“Il mio personaggio fa parte del secondo episodio, si chiama Italo. E’ uno che per sopravvivere al caro vita accetta un lavoro veramente inusuale, stare a contatto con i tori per raccoglierne il seme. Si innamora di una commessa interpretata da Daniela Virgilio, che è la Patrizia della serie ‘Romanzo Criminale’. Un giorno Italo decide di ‘dichiararsi’, la raggiunge portandole dei fiori, ma lei non lo considera, prova anche ad invitarla a pranzo, ma lei continua a non ‘calcolarlo’. Ad un certo punto a lui gli squilla il cercapersone mentre è nella stalla, e lei, credendo che sia un dottore, fa sì che da lì nascano una serie di equivoci e situazioni divertentissimi”.

Che altro puoi dirci di questo film?

“Sembra una commedia all’inglese girata tecnicamente molto bene, è molto divertente ed è per tutti.

Anche gli altri due episodi sono particolarissimi, uno racconta le vicende di una truccatrice di morti. Non è la solita commedia vista e rivista, quindi il consiglio ovviamente è di andarlo a vedere”.

Cosa ti è rimasto interpretando questo film?

“Mi si è aperto un mondo totalmente nuovo e sconosciuto sul mondo degli allevamenti. Ad esempio, chi vuole avere un vitellino da una mucca può scegliere il seme del toro che gli piace di più e può utilizzarlo senza l’accoppiamento dei due animali: cose da pazzi!”.

E dopo questo film cosa farai?

“Ne ho già finito un altro che uscirà il 12 ottobre. Il titolo è ‘L’ultima spiaggia’ di Gianluca Ansanelli, ancora una volta insieme a Nicole Grimaudo, prodotto dalla IIF e distribuito da Medusa. Questa estate poi girerò altri due film che usciranno in autunno e in inverno prossimi. E poi per il 2013 spero di fare un mio film, una commedia ‘completa’, anche con un po’ di azione, cosa che nel cinema italiano manca troppo spesso”.

Nella vita, quando non sei nei set cinematografici cosa ti piace fare?

“Coltivo diverse passioni come la pittura, la scultura e il canto. Se vuoi ti faccio sentire la mia voce di tenore… Ma non finisce qui, fra le altre cose sono un grande appassionato di motociclette e di arti marziali”.

 

foto: Azzurra Primavera

abiti: Fendi

location: Ristorante Angelina – Roma

 

 


Your Comments

0 Responses to Dario Bandiera



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000