Debora Scalzo: “Io resto così”


    ritratti

di Francesco Fusco

Debora Scalzo, autrice di “Io resto così”, il romanzo che ha come protagonista Stella e ambientato lungo la Milano dei Navigli. Un punto di riferimento di molti giovani, ma soprattutto inizi di grandi e indimenticabili amori.

Debora, raccontaci come è nata l’idea di scrivere un libro… perché hai voluto dedicare la tua opera alla Polizia di Stato?

“Il libro è nato di getto e di notte, in tre mesi intensi e pieni di ispirazione per me. Avevo bisogno di scrivere questo libro, di scrivere questa storia e di urlarla al mondo. La storia di una donna combattente, una guerriera fragile e forte al tempo stesso, la storia di una donna unica e indimenticabile. Il romanzo è una dedica speciale non solo a tutte le donne, ma anche alle Forze dell’Ordine, alla loro vocazione che nasce da dentro, al loro coraggio, al loro sacrificio, a quel ‘esserci sempre – vicini alla gente’, un omaggio a loro e un ricordo alle loro famiglie. Un libro anche e soprattutto per i giovani, per far capire la vita vera di un poliziotto, un uomo a 360° gradi. Uomini profondi, che provengono dalla migliore scuola: la strada e la vita”.

Chi è Stella e quanto c’è di autobiografico nel tuo romanzo?

“Stella è una donna molto sensibile, dolce, a tratti malinconica ma allo stesso tempo molto forte e combattiva. Una donna che in giovane età, subirà una violenza sessuale dal suo maestro di musica. Una donna che vivrà un’adolescenza traumatica, allontanandosi dagli uomini, poiché provava schifo e odio, si allontana dalla musica la sua più grande passione e anche per un periodo da Forze dell’Ordine e psicologi, poiché pur standole vicino, le ricordavano questo abuso. Ma sarà proprio grazie a un giovane poliziotto napoletano che scoprirà il senso della vita, che riprenderà la sua più grande passione la musica, il pianoforte, ma soprattutto che scoprirà l’amore quello con la A maiuscola. Il libro non è autobiografico, ma c’è molto di mie esperienze di vita vissuta”.

Sappiamo che collabori anche con alcune etichette discografiche in veste di autrice. Quando sono nate queste collaborazioni?

“La musica fa parte di me da sempre, ho studiato da bambina al Conservatorio di Musica Giuseppe Verdi di Asti, pianoforte, canto e solfeggio. La mia prima canzone la scrissi a 11 anni e ricordo ancora il titolo “Lacrime che non scendono”. Crescendo ho avuto il grande onore di partecipare alle Masterclass di Scrittura di Roberto Casalino (Autore di Giusy Ferreri, Alessandra Amoroso, Francesco Renga, Emma Marrone, Fedez e tantissimi altri) sia a Milano e sia a Roma. Ricordo ancora quando gli presentai ‘La Sofferenza’, canzone dedicata alle Vittime in Servizio della Polizia di Stato, ne rimase colpito e commosso. Fu un momento magico, difatti la canzone è inserita anche all’interno del mio romanzo ‘Io resto così’, ed ho ricevuto molti Premi, grazie alla Polizia di Stato sempre presente nella mia vita. E poi ho avuto il privilegio di conoscere Sergio Vinci (Autore di Laura Pausini, Nek, Noemi, Alessandra Amoroso e molti altri) durante una sessione di scrittura autorale in Emilia Romagna, e dopo aver collaborato alla scrittura di un pezzo molto bello insieme, mi ha chiesto di collaborare con lui, anche come autrice musicale per la sua Big Fat Music Production (Etichetta Discografica), ho accettato subito abbiamo cominciato a scrivere molti pezzi insieme, di cui uno speciale, che prossimamente uscirà nell’album di un giovane cantante che ha partecipato a ‘Io Canto’ e ‘XFactor’, quindi ne sono felice. Inoltre, collaboro anche come Autrice Musicale con l’Etichetta Discografica Nuvole e Sole Produzioni, insieme ad Andrea Papazzoni (Autore di Noemi, Antonino, Giulia Luzi e molti altri) e Arianna Mereu. Con il Maestro Marco Werba, noto compositore cinematografico, di colonne sonore internazionali, sto lavorando a un progetto musicale molto importante e poi nuove collaborazioni importanti in arrivo, di cui al momento non posso ancora ufficializzare, ma di cui ne vado orgogliosa, poiché si tratta di un grande artista che stimo da sempre. Ovviamente ho anche il famoso sogno nel cassetto, quello di poter un giorno scrivere per artisti che amo profondamente: Mina e Celentano (due miti), e anche per due artisti che definisco due poeti: Fabrizio Moro e Tiromancino, chissà che magari un giorno non si realizzi”.

Ultimamente sei stata ospite in varie trasmissioni tv per parlare del tuo libro. A chi vorresti farlo leggere?

“Essere invitata in trasmissioni molto importanti mi ha emozionato parecchio, ne sono stata felice e grata, poiché hanno dato modo di far conoscere la storia di Stella a tantissime persone, hanno dato modo di ricordare le Forze dell’Ordine, la Polizia di Stato che io definisco spesso ‘i miei ragazzi’, tanto amore e sostegno per loro e per le loro famiglie. Sicuramente ‘Io resto così’ vorrei che lo leggessero tutte quelle persone che hanno giudicato o che giudicano questi ragazzi, per far capire loro, chi c’è dietro e oltre la divisa, un uomo che ama, vive e fa sacrifici come li facciamo noi, solo con quella certezza in più di svolgere un lavoro dove sa quando esce di casa e non sa quando ci ritorna, definisco la vita/vocazione di questi ragazzi, come la vita di un Pilota di F1: responsabile, coraggiosa e soprattutto rischiosa. Vorrei che arrivasse ai ragazzi, questo mio pensiero, vorrei che arrivasse ai ragazzi la Vita di tutti i miei Vincenzo di ‘Io resto così’”.

E’ vero che ci sarà un film? Ci puoi anticipare qualcosa?

“Sì, ‘Io resto così’ diventerà film per il cinema, diretto da Marco Pollini e prodotto dalla Ahora Film Production, di cui io ne ho firmato la sceneggiatura. Posso dire che stiamo lavorando ad un progetto molto importante, molto profondo e forte al tempo stesso. Un film dedicato a tutte le donne, contro la violenza di genere e un grande omaggio alla vita e al sacrificio delle Forze dell’Ordine e l’amore delle loro famiglie sempre presenti. Il film uscirà al cinema il prossimo anno, come dico sempre ci stiamo lavorando passo dopo passo, d’altronde chi va piano, va sano e lontano. Posso solo dirvi questo, che l’attesa avrà la giusta ricompensa”.

Uscirà un nuovo romanzo? Progetti futuri?

“Sì, posso confermare a breve l’uscita del mio nuovissimo libro, oltretutto il seguito finale di ‘Io resto così’ , il titolo ancora top secret, ma sarà un libro con una storia molto molto intensa e profonda. E’ un’ulteriore dedica alle donne, ma soprattutto se qui mi rifacessi la domanda ‘A chi vorresti farlo leggere’, sono certa che ti risponderei che vorrei lo leggessero tantissimo gli uomini, per far capire loro tante troppe cose fondamentali nella vita di un uomo con la U maiuscola. E poi c’è anche un’idea artistica, abbozzata per il prossimo autunno, forte e ironica, insieme a Cristian Cocco (Inviato di Striscia La Notizia, Attore e Scrittore), e un Cortometraggio su una tematica molto importante per i giovani, con il Regista de La 7 Luciano Fontana. Girerò da aprile l’Italia con i miei workshop di scrittura emozionale, andando anche come Agente Editoriale Kimerik alla ricerca e scoperta di nuovi autori e nuove emozioni, quindi grata al mio Editore per avermi permesso tutto ciò e credere in me. In ultimo, un progetto molto importante anche con l’estero, al quale al momento non posso dire di più, ma di cui ne sono felice, sarà un qualcosa di totalmente diverso che andrà ad aggiungersi a questa mia grande passione per la scrittura”.


Your Comments

0 Responses to Debora Scalzo: “Io resto così”



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000