10/20/2021
HomeFashionDonatella Bellicchi: Da imprenditrice a influencer

Donatella Bellicchi: Da imprenditrice a influencer

di Luca Dell’Oro –

Per anni ha lavorato come imprenditrice e creativa, ricercando quelle idee che potessero sorprendere chiunque se le ritrovasse fra le mani.

Poi, come spesso accade nella vita, una nuova strada le si è presentata dinnanzi e Donatella Bellicchi ha deciso di intraprenderla, diventando una delle influencer over 50 più importanti d’Italia e prestando la propria immagine per progetti fotografici luxury che l’hanno portata in giro per l’Italia. Ma non è tutto: la fotografia l’ha conquistata a tal punto da averla rapidamente spinta a mettersi nei panni della fotografa e ad immortalare lei stessa le nuove leve che vogliono avvicinarsi al magico mondo dello spettacolo. “L’intraprendenza non mi è mai mancata, sentivo di dover compiere questo percorso artistico e ho deciso di farlo con eleganza e naturalezza” racconta Donatella, deus ex machina di numerose imprese, abituata a muoversi nel mondo della comunicazione, del marketing, degli effetti speciali. I social premiano la sua scelta con quasi 70mila followers che la seguono sul suo account ufficiale e la creazione di un sito internet ha istituzionalizzato il suo personaggio. Un po’ naif, molto terra a terra. In apparenza, ma solo in apparenza, un ossimoro.
Perché una donna alla soglia dei 50 anni rimescola le carte e inizia a scattare?
“Nella vita ho imparato che spesso i cambiamenti non li puoi né pianificare, né programmare, semplicemente si presentano come treni in corsa o da cogliere o da lasciare andare. È successo così anche con la mia vita professionale: da imprenditrice mi sono ritrovata ad essere fotomodella e successivamente influencer. Ma ogni decisione presa, l’ho assunta consapevole delle mie scelte. E ne sono straordinariamente felice”.
E allora rilanciamo con un’altra domanda: perché mettersi in gioco… proprio adesso?
“Perché il concetto di età anagrafica ormai è superato! Ormai nella nostra generazione non è più una questione di età: diventare fotomodella poteva succedere a 30 come a 60 anni! Oggi tutti ci rimettiamo in gioco sempre, perché il nostro vivere è in continua evoluzione”.
Modella e fotografa. Che sensazione è mettersi in gioco sul set?
“Mi piace molto questo duplice ruolo: da modella sperimento quello che vorrei scattare, come fosse una prova generale. Io, dal canto mio, vivo questi momenti come occasioni per assorbire knowhow ed expertise. Ma non mi fermo alla mera apparenza: le sensazioni che raccolgo in un set, vorrei a mia volta condividerle in modo tale da trasmetterle anche alla modella che andrò a scattare”.
Com’è il tuo rapporto con l’immagine?
“L’importante è sempre come si vive con se stessi e quanto bene ci si sta nel corpo che si indossa. Io ho un’ottima relazione con il mio corpo, un rapporto che traduce esattamente la mia essenza: audace, sbarazzino, provocante, e mai e poi mai volgare. Il mio corpo e la mia anima vogliono aprirsi al mondo con naturalezza”.
Di recente hai lanciato un contest per “nuove leve” e altri progetti sono all’orizzonte. Dove vuoi arrivare?
“Vorrei che la fotografia fosse un modo fluido, in cui le donne possono avvicinarsi e provare con la massima facilità possibile. L’immagine di noi stesse ne può uscire rafforzata, è un beneficio per l’anima e per l’autostima. E vorrei poter essere una guida per chi, a qualunque età, voglia mettersi sul set per realizzare uno shooting: so quanto può essere difficile la prima volta e so quanto sarà affascinante dalla seconda volta…”.
CONTATTI
https://www.instagram.com/_unruly.lady/
https://www.donatellabellicchi.com/

Condividi Su:
POST TAGS:
La medicina integrat
Alessandro Cerreoni:

redazione@gpmagazine.it

Valuta Questo Articolo
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO