11/30/2021
HomeSportElites: Fenomeni del web e dei Social

Elites: Fenomeni del web e dei Social

Il gruppo Elites composto da sei amici, Andrea Fusco, Mirko Fusco, Antonio Fusco in arte “Fius Gamer”, Omar Aamoum in arte “Ohm”, Enrico Lazzarato in arte “Enry Lazza” e Salvatore Marrali in arte “T4tino23”, ha iniziato a creare contenuti di gruppo nel 2019 raggiungendo in pochissimi anni milioni di visualizzazioni grazie ad una sfrenata e comune passione: quella per il calcio. I loro contenuti video si sono sempre distinti per originalità e creatività tanto da aver coinvolto nei loro format social anche personalità del calcio e della musica come Alessandro del Piero, Fabio Cannavaro, Shade, Clementino, Luca Toni, Domenico Criscito e Gianluca Zambrotta, solo per citarne alcuni.

A oggi gli Elites contano più di 3 milioni di followers totali su YouTube, più di 1 milione su Instagram, 1.4 milioni su TikTok e 500 mila su Twitch e con oltre 1 miliardo di visualizzazioni dei loro contenuti video. Con all’attivo molteplici collaborazioni insieme a grandi brand e aziende del settore, hanno da poco raggiunto un grande riconoscimento per il loro lavoro: sono stati gli unici influencer italiani ad essere stati invitati a partecipare alla finale di EURO2020 a Wembley.
Come e quando vi siete conosciuti e quando è nato il progetto Elites?
“Ci siamo conosciuti sul web grazie alle communities legate al mondo del gaming. Non ci siamo mai fatti ‘spaventare’ dalla lontananza, pur provenendo da regioni diverse. Nel corso degli anni la nostra amicizia è diventata sempre più forte e le nostre collaborazioni sempre più frequenti, fino a decidere nel 2019 di unirci ufficialmente come gruppo, gli Elites”.
Se doveste indicare un momento preciso, quando è nato il vostro progetto?
“Nell’inverno del 2019 sono spuntate le prime idee a proposito. Diversi brainstorming, confronti e iniziative di lancio ci hanno poi portati a scegliere la data di uscita, ovvero 1 luglio 2019”.
Voi giocate a calcio?
 “Giochiamo per lo più mossi dalla passione e per intrattenere i nostri followers nei video. È lo sport che più ci prende e in questo caso può dirsi il vero punto in comune che abbiamo. Del resto è l’argomento principe dei nostri contenuti”.
Su Youtube e sui social avete raggiunto un successo davvero notevole. Come avete fatto? Qual è il vostro segreto?
“Non esistono segreti o formule magiche. Il nostro punto di forza è sicuramente la naturalezza con la quale ci rapportiamo alla fan base, come se fossimo praticamente un gruppo esteso di amici. Traspare poi quella sintonia che abbiamo in video e che porta alla creazione di gag e momenti di puro divertimento in modo totalmente spontaneo”.
Voi utilizzate una forma più video, perché avete le capacità e la possibilità di coinvolgere l’utente in modo più forte, in modo che ognuno possa immedesimarsi. Secondo voi, la forma video diventerà predominante nel panorama social?
“Lo è già. Se pensiamo ai social più usati al momento, tutti hanno nella componente video il motore principale. In video si può  comunicare in maniera efficace e completa il messaggio, coinvolgendo al massimo gli utenti”.
Durante l’Europeo ci avete accompagnato con i vostri video fantastici. Credete di rappresentare il prototipo del tifoso italiano?
“Spesso sono proprio i nostri followers che lo dicono, noi facciamo tutto in maniera naturale. Ci sentiamo di tifare in quel modo e la partita ci coinvolge a pieno. Tifare per la prima volta tutti assieme la Nazionale ci ha dato una carica pazzesca”.
Quali sono, secondo voi, i vostri prossimi passi?
“Il nostro obiettivo è quello di tornare a viaggiare in giro per il mondo, portando contenuti sempre più particolari. Elites ha in serbo ancora tante sorprese…Non ci nascondiamo nel dire che il nostro sogno più grande al momento è andare in Qatar per i Mondiali 2022. Abbiamo portato tanta fortuna alla nostra Nazionale durante gli Europei, magari possiamo fare il bis!”.

Condividi Su:
POST TAGS:

redazione@gpmagazine.it

Valuta Questo Articolo
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO