Joao Lucas e Marcelo


    _joao_marcelo

Quelli che fanno ballare Neymar

Il loro singolo “Eu Queto Tchu, Eu Quero Tcha” sta diventando il nuovo tormentone. Un successo assicurato grazie alla presenza come testimonial del forte calciatore brasiliano 

di Francesca Ceci

Sono due giovani brasiliani che hanno la musica e il ritmo nelle vene. Si stanno facendo scoprire nel nostro Paese grazie ad un singolo destinato a diventare un grande tormentone: “Eu Queto Tchu, Eu Quero Tcha”. Un pezzo che ha un testimonial d’eccezione: il fuoriclasse brasiliano Neymar.

João Lucas e Marcelo, prima di tutto grazie e benvenuti “virtualmente” in Italia. Iniziamo raccontando qualcosa di voi al pubblico italiano. Come è nata la vostra passione per la musica e quando avete deciso di dar vita a questo duo?

“La passione per la musica è arrivata da piccoli, ma le nostre carriere si sono incrociate solo pochi anni fa, quando cantando ad una festa privata nella città di Aruanã nello stato di Goiás, siamo stati notati dal nostro attuale manager  che ha deciso di portarci a Goiânia lanciandoci come duo”.

“Eu Queto Tchu, Eu Quero Tcha” è sbarcato in Italia ed è destinato a diventare un nuovo tormentone. Com’è avere come testimonial una stella del firmamento calcistico come Neymar? 

“E’ un grande onore. Quando abbiamo visto Neymar ballare in campo il nostro brano non potevamo credere ai nostri occhi. Abbiamo così deciso di coinvolgerlo nelle riprese del nuovo video del brano e ci siamo divertiti come matti”.

I prossimi Mondiali si terranno in Brasile nel 2014. Lì sicuramente Neymar brillerà insieme a tanti altri campioni. C’è un giocatore italiano al quale fareste ballare il vostro “Eu Queto Tchu, Eu Quero Tcha”?

“Seguiamo abbastanza il calcio internazionale e in particolare quello italiano… ci sono molti giocatori eccellenti, Totti, Buffon e molti altri!”. 

Genio della lampada, avete a disposizione 3 desideri…

“E’ un periodo davvero bello per noi, stiamo realizzando il nostro sogno più grande, portando in giro la nostra musica in tutto il Brasile e non solo. E questo è il primo. Il secondo grande desiderio sarebbe approdare in Europa con il nostro tour. Il terzo, naturalmente, sarebbe di farlo passando per Italia!”.

Siete molto conosciuti in tutto il mondo Latino, avete lavorato con molti artisti brasiliani, tra gli altri Victor e Leo, Luan Santana, Fernando e Sorocaba. C’è un artista col quale sognate di collaborare? 

“Tutti loro sono artisti eccellenti. Per Luan Santana abbiamo scritto “Incondicional” ed altri brani, mentre Vìtor e Lèo hanno scelto “Làgrimas” tra trecento brani inviati da diversi compositori. Un giorno ci piacerebbe cantare anche con Michel Telò: in Brasile è una grande star da molti, e sappiamo sia molto apprezzato anche in Italia. Speriamo di seguire anche da voi le orme del suo successo. E… Tchu Tchu Tcha!”.

 

 

(box a parte)

Neymar: “Come ballerino mi assegno un 6”

 

Michel Telò ti manderà qualche regalo ogni tanto? Lo hai fatto diventare famoso tu, no?”

“Non è che io l’ho fatto diventare famoso, lui ha cantato ed io ho semplicemente ballato, mi piace la sua musica e ho finito per ballare dentro lo spogliatoio ed è piaciuta a tutti”.

C’è ora un nuovo brano che tu hai ballato “Eu quero tchu, eu quero tcha”.

“Sì, e mi dicono che è già diventata una HIT, vero?”.

E’ diventato per te un hobby ascoltare musica?

“La musica mi piace e insieme ai miei amici creiamo questi balletti che in campo “coreografiamo”. Mi piace molto ballare e festeggiare il gol con un balletto e la musica scelta alla fine diventa una hit”.

 Da 0 a 10, che voto ti dai come ballerino?

“No… io sono uno così così… penso che un 6 può andare bene!”.

 

 


Your Comments

One Response to Joao Lucas e Marcelo



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000