04/15/2021
HomeCulturaLaura Avalle e Bernard e Martin Dematteis: “Il manuale della corsa e della camminata in montagna”

Laura Avalle e Bernard e Martin Dematteis: “Il manuale della corsa e della camminata in montagna”

di Roberto Ruggiero –

Bernard e Martin Dematteis, i campioni europei di corsa in montagna, nonché detentori del record di ascesa di corsa sul Monviso (la montagna più alta delle Alpi Cozie con i suoi 3841 metri), sono appena usciti in libreria con “Il manuale della corsa e della camminata in montagna” – edito da Tecniche Nuove, leader nazionale nella manualistica e disponibile in tutte le migliori librerie e negli store online – con la collaborazione della giornalista e scrittrice Laura Avalle.

Un libro che non è solo un libro, ma un vero e proprio progetto multimediale, che comprende il filmato inedito realizzato dal regista Davide Sordella del sentiero dei Sarvanot a Rore – visibile attraverso il link (https://vimeo.com/449598442). Dal manuale è possibile anche scaricare la traccia GPS del percorso per correre virtualmente con i due campioni. Quella dei gemelli piemontesi (team Sportification), che nelle competizioni più importanti hanno l’abitudine di tagliare il traguardo insieme sventolando la bandiera tricolore, è una storia che merita di essere conosciuta sia per le loro imprese straordinarie, sia per il loro esempio sportivo. Così come meritano di essere conosciuti i sentieri lungo i quali i due atleti si allenano, incastonati in un territorio unico nel suo genere. Un libro che è al contempo una guida dei sentieri di montagna di Bernard e Martin e insieme il racconto emozionato di chi queste montagne ha imparato a conoscerle e ad amarle fin da bambino. Passo dopo passo i Dematteis ci spiegano questa disciplina dal punto di vista tecnico e ci danno i giusti consigli: che cosa mangiare, gli esercizi da fare, come vestirsi, come allenarsi al meglio per correre e per camminare in altitudine in sicurezza. Un progetto più attuale che mai e che pone l’accento su tematiche importanti come la salute, lo sport all’aria aperta, il rispetto per l’ambiente, l’importanza di una sana e corretta alimentazione e il turismo di casa nostra, quello dell’arco alpino, con l’indicazione di 30 sentieri scelti divisi per gradi di difficoltà. Uno sport da mettere in cima alla lista dei buoni propositi del 2021. L’importante è non lasciarsi intimorire dalle difficoltà. A dirlo sono proprio loro, Bernard e Martin: “Quando abbiamo iniziato a correre il nostro allenatore di allora ci diceva che, in una prestazione sportiva, le gambe contano il 50% e il restante 50% conta la testa. Crescendo ci siamo resi conto, in realtà, che la testa conta almeno il 60%. Se non hai la testa di allenarti, di farlo nel modo corretto e di essere costante, non vai da nessuna parte. È il nostro punto di forza e, allo stesso tempo, la nostra debolezza. Quando le cose funzionano e siamo sereni abbiamo un’energia incredibile negli allenamenti e nelle gare, quando viceversa attraversiamo periodi più complicati (del resto la vita è fatta di alti e di bassi e noi non siamo delle macchine) rendiamo meno perché la testa è da un’altra parte. Questo ci rimanda anche a un altro concetto, ovvero che “volere è potere”, assolutamente valido anche nel nostro sport: se non vuoi quella determinata cosa non accadrà mai, se invece sei determinato a raggiungere un obiettivo prima o poi lo raggiungi. Niente accade per caso e nella corsa in montagna nessuno ti regala nulla. Devi conquistartele le cose ed è tutta una questione di quanto ci credi e di quanto sei disposto a dare e a sacrificarti. Ci vuole equilibrio, strategia, metodo: vale per tutto e per ciascuno di noi”.

Condividi Su:
Valeria Pannozzo: Co
Gisella Blanco: Una

redazione@gpmagazine.it

Valuta Questo Articolo
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO