Lucia Ocone: La regina delle imitazioni


    RIGHE5

Fino a maggio la fantastica Lucia sarà impegnata con le sue proverbiali imitazioni in “Quelli che il calcio” e attualmente è in onda con la fiction “Tutti insieme all’improvviso” accanto a Giorgio Panariello, Marco Marzocca, Lorenza Indovina e alcuni giovani attori.

di Silvia Giansanti

Tutti quelli che credono che Lucia sia mondana, scatenata, allegra di natura, costante e iperattiva, hanno preso un grosso granchio e magari stenteranno a credere che a lei bastano un paio di pantofole e un pile per essere in pace con il mondo intero. Proprio così, la Ocone è riservata, tranquilla e non ama affatto dare in pasto la sua vita privata. E’ anche di ottima forchetta. Il successo le è arrivato un po’ per caso, si è ritrovata in momenti propizi in cui si è lanciata sfoderando tutto il suo talento innato. Ad oggi non si contano più i personaggi che ha imitato, regalando così al pubblico attimi molto piacevoli e divertenti. A proposito, se state portando a spasso il cane, aspettatevi che Lucia si fermi a fargli i complimenti facendo la voce in falsetto e non stupitevi, è tutto sotto controllo. Lei è così.

Lucia, da dove deriva tutta questa simpatia unita al talento?

“Credo di aver ripreso da mio padre che ha ottant’anni ed è ancora logorroico e super simpatico. Tutto dipende dal mio carattere, riesco a trovare sempre il lato ironico in ogni situazione e questo modo di sdrammatizzare aiuta ad alleggerire ciò che è pesante”.

Da dove nasce la passione per le imitazioni?

“Per caso. Sono entrata a far parte del programma tv ‘Macao’ all’età di venti anni, per poi ritrovarmi a lavorare con la Gialappa’s Band e lì mi sono buttata in maniera incosciente a fare imitazioni con loro. Mi ci sono ritrovata in mezzo”.

Quali sono stati i primi personaggi imitati?

“Mamma mia, sono passati miliardi di anni! All’inizio imitavo Rossana Casale e poi mi sono ritrovata a fare i primi personaggi usciti dal Grande Fratello”.

Non sempre è facile essere carichi e di buon umore. Hai qualche segreto in quei giorni per far ridere il pubblico, proprio magari quando non te la senti?

“Già di natura sono una molto triste, malinconica e nostalgica. E’ tosta perché è un tipo particolare di lavoro, quindi se capita la giornata no, si ha bisogno di molta concentrazione. E’ come se chiudessi tutto in un cassetto per qualche ora per poi riaprirlo. E’ la parte più difficile di questo mestiere. Consiglio comunque del Xanax”.

Hai avuto riscontri da qualche personaggio imitato in tutti questi anni?

“La maggior parte si è divertita molto. Pensa che ho incontrato per caso Skin in aeroporto e temevo che si fosse offesa per la mia imitazione. Mi sono avvicinata a lei timidamente, come una fan di dodici anni, dicendole che ero io che le avevo fatto la parodia. Lei è rimasta sorpresa piacevolmente e ha voluto perfino farsi una foto con me. Roba da pazzi, ero sconvolta. E’ stata una bella conferma quindi, anche perché cerco di non essere mai volgare e offensiva”.

Ti è capitato qualcuno un po’ permaloso che invece non ha gradito?

“Al massimo c’è silenzio dall’altra parte. Diciamo che ancora non mi hanno rigato la macchina”.

Tra i personaggi creati, qual è stato quello che hai sentito più vicino a te?

“Mimma l’infermiera e Veronika. Due romane di pancia, come si suole dire, che ho sentito molto interpretare”.

Stai lavorando su qualche altro nuovo personaggio?

“Il mio è in realtà un work in progress, nel senso che i personaggi variano di settimana in settimana, privilegiando quelli che vengono fuori nel breve periodo. Di solito non creiamo mai niente a lungo termine, si gioca sull’attualità”.

A proposito di impegni attuali, sei in onda in una fiction intitolata “Tutti insieme all’improvviso”. Parliamone.

“Una bella esperienza in particolare perché il tutto si svolge intorno ad una clinica veterinaria e questo non ha fatto che riempirmi di gioia, visto il mio amore per gli animali. In questa serie carina e divertente interpreto la dottoressa Laura, quotidianamente a contatto con cani, gatti, criceti e pappagalli. Ci sono comunque anche momenti seri in cui si piange”.

Perché ti chiamano Mamma Lucia?

(Ride) “Oddio, si è sparsa la voce! Mi chiamano così perché sono protettiva con gli affetti. Per la serie ci penso io, faccio io, me ne occupo io. Accudire fa parte del mio carattere”.

La cosa più triste che possa fare una persona?

“Prendersi troppo sul serio, nella vita ci vuole un po’ di leggerezza”.

Se non avessi svolto il tuo mestiere, cosa avresti scelto?

“La psicologa perché sono molto brava a risolvere i problemi dei miei amici o la veterinaria per via del mio amore per il regno animale. Per strada sono la stalker dei cani, li fermo tutti facendo le vocine. I proprietari mi guardano come se fossi matta”.

Come sei nella vita di tutti i giorni?

“Normalissima. Non ho vita sociale, frequento amici storici. Non sono mondana, adoro stare a casa con la coperta di pile, circondata dai miei gatti. Sono più una specie di Nonna Lucia. Probabilmente nella scorsa vita ero un gatto, mangiavo e dormivo”.

So che non ami molto le domande che riguardano la tua vita privata e le scelte che ne conseguono. Ecco, come metti a tacere la gente inopportuna e invadente?

“Sempre con l’arma dell’ironia. Con una battuta puoi fare male senza essere spiacevole e maleducata. Cerco di difendere la mia privacy in questo modo. Se poi mi prendono i cosiddetti cinque minuti, allora è meglio scappare”.

Cosa non dovrebbe mai mancare nella tua casa?

“Il cibo e la copertina di pile”.

CHI E’ LUCIA OCONE

Lucia Ocone è nata ad Albano Laziale il 3 maggio del 1974 sotto il segno del Toro con ascendente Vergine. Caratterialmente si definisce solare, insicura, tranquilla e idiota (parole sue). Il cibo è il suo hobby, è onnivora e adora i carboidrati. Non è tifosa e possiede due gatti che considera come figli. Riguardo alla sua vita privata Lucia risponde “Tutto bene, grazie!”. Ha esordito in tv all’inizio degli anni ’90 in “Bulli & Pupe”, facendo le sue prime imitazioni comiche. Ha continuato con “Macao” e successivamente con la Gialappa’s Band in alcuni famosi programmi tv come “Mai dire domenica” e “Mai dire Grande Fratello”. I personaggi imitati da lei sono molti; Anna Oxa, Lady Gaga, Claudia Mori, Malika Ayane, Skin, Vladimir Luxuria e tanti altri. Tra quelli creati, ci sono: Mimma l’infermiera, Veronika e Rita. Per quanto riguarda la televisione, ha fatto parte del cast di alcune serie tv tra cui: “Lo zio d’America”, “Il Commissario Manara”, “I liceali 3”, “Distretto di polizia 11” e “Tutti insieme all’improvviso”. Ha avuto anche attività teatrale e cinematografica. Qualche titolo di film in cui ha recitato: “Mari del sud”, “Mi fido di te”, “Maschi contro Femmine”, “Femmine contro Maschi”, “La banda dei Babbi Natale”, “Nessuno mi può giudicare”, “Immaturi-Il viaggio”, “Viva l’Italia”, “Niente può fermarci” e “Tutta colpa di Freud”. Da dieci anni è nel cast di “Quelli che il calcio” e ha condotto anche con Luca Barbarossa e Andrea Perroni “Radio 2 Social Club”.

 


Your Comments

0 Responses to Lucia Ocone: La regina delle imitazioni



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000