Manila Nazzaro


    _X9V5173 copia

Da inviata della trasmissione tv “Mezzogiorno in famiglia” a conduttrice ufficiale. Per Manila Nazzaro si è realizzato un altro sogno, oltre a quello di diventare mamma di due bambini. Eppure a lei Paolo Fox lo aveva predetto!

di Silvia Giansanti

La vita l’ha sempre premiata. Quello che sognava è sempre arrivato, in qualche modo, per questo è grata all’universo e si ritiene molto fortunata. Il suo ottimismo e la sua caparbietà l’hanno aiutata, così come il suo modo di essere molto semplice da ragazza di provincia pugliese. Proviene, infatti, da quella splendida terra dove il profumo degli olivi e il colore smeraldo del mare la fanno da padrona. Manila però ha scelto una città grande piena di caos, ma con tutto a portata di mano, rispetto ad un paese dove la ricerca di qualcosa, magari diventa faticosa. Ma non aspettatevi di vederla la sera a scatenarsi in qualche storico locale della Capitale, la sua vita è molto casalinga e dedita alla famiglia. Del resto, come afferma lei stessa, un lavoro come il suo è già una bella valvola di sfogo. E’ una donna che ama comunicare con la gentilezza e con il cuore e queste sue caratteristiche la rendono molto amata dal pubblico.

Manila, come puoi giudicare i tuoi esordi?

“Si sono presentati in maniera molto naturale. Quando ho vinto il titolo di Miss Italia avevo vent’anni e provenivo da una città molto piccola come Foggia, che offriva poco, e da una famiglia molto semplice composta da una mamma casalinga e da un padre impiegato di banca. Quindi, il mio esordio è avvenuto in modo spontaneo e non forzato. Miss Italia è stato uno tzunami nella mia vita, un qualcosa che me l’ha sconvolta piacevolmente e che non mi aspettavo affatto”.

Sei stata davvero soddisfatta ed orgogliosa quando si è verificato cosa?

“Scegliere è difficile, ma ti posso dire che sono stata davvero orgogliosa per come ho condotto i due anni in veste di inviata di ‘Mezzogiorno in Famiglia’. Questo mi ha portato ad una promozione. Ho accettato quel piccolo ruolo, rispetto ad altre mie colleghe che lo avevano rifiutato, perché ci vedevo una potenzialità che, se fatto con intelligenza e professionalità, mi avrebbe fruttato qualcosa. Anche passare a condurre non me lo sarei mai aspettato. Ho raccolto i frutti di un lavoro faticoso a livello mentale e fisico, in quanto ho lasciato a casa fino a cinque giorni a settimana due bambini in balia delle baby sitter. Ho sacrificato molto nella mia vita per fare l’inviata, però ci ho creduto, è questo l’importante”.

Per quali tue caratteristiche pensi ti abbiano promosso alla conduzione del programma?

“Per l’impegno innanzitutto e per la solarità che ho mostrato verso la gente. Non ho mai messo la distanza tra me e loro, ma mi sono messa tra loro. Questo ruolo un po’ mi manca”.

Ricordi qualche episodio che ti è accaduto quando giravi per le piazze?

“Ne ho tantissimi. Ho condiviso anche tanto del mio lavoro con la gente di Amatrice. Ricordo in particolare una signora a Santhià, in provincia di Vercelli, di nome Maria che si è privata di un bracciale benedetto a Lourdes per regalarlo a me, in quanto sua figlia era affetta della stessa malattia che mi aveva colpita due anni prima. Questo atto di amore immenso mi ha davvero colpito e lo racconto sempre. Non è facile che un’inviata Rai, che si reca in un paese, venga considerata parte della famiglia”.

Sappiamo che hai avuto problemi alla tiroide. Hai risolto?

“Adesso va meglio e la testa mi ha aiutata molto. Una forma di autoguarigione”.

Qual è la parte della trasmissione, che adesso conduci, che ti affascina di più e perché?

“Sicuramente è quella dei collegamenti, non tanto per rimanere legata sempre alla stessa cosa, ma perché in studio ci divertiamo tanto. Inoltre, le nostre inviate raccontano tante cose meravigliose di un’Italia sconosciuta, piena di borghi e paesini”.

Seguivi il programma prima di diventare conduttrice?

“Sì con mia nonna e conosco tutta la storia e i conduttori che mi hanno preceduto. Una specie di sogno che ho seguito da fuori. Per questo mi ritengo molto fortunata, anche se ovviamente le mie difficoltà le ho incontrate tutte”.

Dato che lavori con Paolo Fox, hai approfondito con l’astrologia?

“Sì, ma ci credevo anche prima. Devo dire che Fox mi fa quasi paura per quanto ci azzecca. A febbraio scorso mi disse che nella primavera seguente avrei seminato e raccolto tanti frutti in autunno. Incredibile! Paolo mi ha portato fortuna con quel suo ‘Te l’avevo detto!’”.

Parliamo della tua vita di mamma. Hai ancora sufficienti energie con due bambini piccoli e una carriera?

“Dico sempre che le mamme non sono altro che delle ‘wonder woman’. Scopriamo di riuscire a fare cose che mai avremmo immaginato. Arriviamo a fine giornata completamente distrutte però con tutti i compiti fatti. Tutte le mamme del mondo sono così. Lavorando, ho dovuto affidare i miei due bambini alle baby sitter e non vedevo l’ora di finire per poterli riabbracciare. Tendenzialmente ho l’indole da mamma. Sono donna e anche mamma, sono mamma e anche donna”.

Un nome di un conduttore tv con cui sogni un giorno di poter lavorare insieme.

“Sarebbe meraviglioso poter lavorare con Simona Ventura”.

Quanto ti prende il teatro?

“Tanto. Il teatro è stata la mia valvola di sfogo dopo la parentesi di Miss Italia, quando in tv non c’era nulla per me. E’ una passione immensa che non è facile da seguire quando sei mamma perché il teatro ti porta fuori tutte le sere fino a tardi con eventuali le tournée e quindi nel momento in cui sono diventata mamma, ho mollato lentamente. Il teatro è medicina per la mente e per il cuore”.

Sei stata risucchiata dalla tecnologia fino a che punto?

“Faccio un uso moderato della tecnologia. Fino a qualche tempo fa non ero neanche sui social network. La tecnologia mi piace, ma deve essere lei al servizio mio e non il contrario. Metto un bel paletto perché essa tende a staccarmi dalla realtà. Per questo sono molto preoccupata per i bambini perché iniziano a farne tanto uso fin dalla tenera età”.

Dagli esordi ad oggi, cos’è cambiato dentro di te?

“Nulla perché quello che ero sono tutt’oggi. Ho notato solo la differenza quando sono diventata mamma, ho un altro modo di vedere la vita. Il punto di riferimento non sono più io ma i miei figli. Loro sono la mia ancora, sia di salvataggio, sia quelli che mi riportano con i piedi per terra. Oggi sono più realista e meno sognatrice. Resto comunque la ragazzotta di provincia pugliese che fa tutto con il cuore”.

 

CHI E’ MANILA NAZZARO

Manila Nazzaro è nata a Foggia il 10 ottobre del 1977 sotto il segno della Bilancia con ascendente Leone. Caratterialmente è positiva e affabile. Ha come hobby lo sport che considera l’antistress per eccellenza. Tifa per la Lazio, ama mangiare la torta di mele e ha un pincher da 14 anni. Le piace molto vivere a Roma e non la cambierebbe con nessuna città. Il 1999 è stato l’anno fortunato della sua vita. E’ sposata e ha due bambini: Nicolas di cinque anni e Francesco Pio di dieci. La sua storia è iniziata con l’elezione di miss Italia nel 1999. Successivamente è stata testimonial di alcune campagne pubblicitarie e ha studiato recitazione. Il suo primo amore è stato il teatro, recitando in alcuni spettacoli tra cui ricordiamo “Casa di bambola”, “Le tre sorelle”, “L’isola degli schiavi”, “Antigone”, “Il paradiso può attendere” e “Sex and Italy”. Per la tv ha condotto, tra gli altri, “Miss Italia Channel”, “Music Box Italia” e  “Oscar tv”. E’ stata inviata di trasmissioni come “La partita del cuore” (2010) e “Mezzogiorno in Famiglia” dal 2014 al 2016, di cui oggi è diventata conduttrice.


Your Comments

0 Responses to Manila Nazzaro



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000