Maria Elena Fabi: “Cresciuta a suon di GR a casa di mio nonno”


    _v2a6192

Deve la sua fortuna a Renzo Arbore, una costante nella sua vita professionale, Maurizio Costanzo e Michele Guardì, personaggi che stima molto. Da qualche anno è inviata nel programma di “Uno Mattina in Famiglia” e il suo esordio è avvenuto a Rai International. Sta lavorando anche per un programma sportivo in onda su un canale digitale

di Silvia Giansanti

Conduttrice televisiva e radiofonica, giornalista e con qualche esperienza come attrice. Questa è Maria Elena Fabi, affascinante e giovane donna, a cui Renzo Arbore, il suo pigmalione, ha raccomandato di non svelare mai l’età. Nata a Milano ma con origini campane, è cresciuta a suon di GR a casa del nonno, un musicista e appassionato d’arte, tanto da versare una lacrima dietro le quinte durante la sua prima trasmissione su Radio Uno, in ricordo di ciò che è andato via per sempre. Maria Elena dimostra una spiccata sensibilità, anche per via del suo amore per gli animali e per i gatti in particolare. Lavora in un settore che, secondo lei, è composto da tanta gente di grande umanità. E’ pur vero che bisogna pedalare e sgomitare per mantenere ciò che si è conquistato con il sudore, ma ciò non toglie che si possano incrociare persone magiche. Una su tutte, Robert Miles, che Maria Elena ricorda con i brividi addosso.

Maria Elena, da dove e come è partita la tua avventura in questo campo?

“La prima persona che mi ha tenuto a battesimo è stato Renzo Arbore che ho incontrato ad un provino a Rai International quando avevo diciotto anni. All’epoca era il direttore artistico ed è rimasto folgorato, tanto da invitarmi a fare un programma. Aveva individuato in me una potenziale futura conduttrice e inviata tv. Ricordo che ero molto sorpresa e contentissima. Ma quando Renzo è andato via per varie vicissitudini, lasciando così il prestigioso incarico, ho visto sfumare il mio sogno”.

Ti sei persa d’animo?

“Affatto. Sono tornata prima in Campania e poi sono andata in Puglia a lavorare presso Radionorbatv e ho avuto qualche esperienza teatrale con persone che sono divenute poi le nuove leve. Ho studiato recitazione in una scuola importante e ho anche frequentato la scuola di giornalismo. Nel frattempo Rai International mi ha richiamata per sostenere un provino, entrandoci così nel 2004. Sono rimasta a lavorare lì fino al 2009 in qualità di conduttrice e autrice di programmi. Ho avuto occasione di prendere parte a programmi molto importanti della rete e ho viaggiato molto in quel periodo con destinazioni New York, Canada, Cina… insomma tutto il mondo. Ho avuto una carriera internazionale che però ad un certo punto della mia vita ho dovuto interrompere”.

Per quale motivo?

“Perché mia mamma si è ammalata di cecità e ho dovuto starle vicino. Ho ridimensionato i miei impegni, facendo l’inviata Rai. Questo mi ha cambiato completamente la vita. Però nel complesso mi ritengo fortunata, poiché ho trascorso un periodo professionale indimenticabile”.

Adesso come sta?

“Vede solo ombre. E’ una situazione dura”.

Oltre alla tv, c’è stato altro?

“Sì, la radio per tre anni nella prima rete accanto ad un grande giornalista come Riccardo Cucchi. E’ un uomo eccezionale e un grande signore. All’epoca dirigeva tutti i giornalisti di Radio Uno. Oltre a questo ho ottenuto qualche parte come attrice per un paio di anni con attori importanti, anche se non sono molto portata, in quanto non so farmi dirigere”.

Altre esperienze che ti hanno lasciato qualcosa dentro?

“Nel campo musicale ho presentato ben otto edizioni del prestigioso ‘Premio Carosone’ a Napoli, dove sono passati ospiti internazionali e future leve come ad esempio Giovanni Allevi. Anche in questa occasione ho incontrato Renzo Arbore, una costante nelle mia carriera”.

Ti senti soddisfatta di far parte della grande squadra di “Uno Mattina in Famiglia”?

“Certamente, soprattutto perché c’è uno come Michele Guardì che ammiro molto. Lo speciale Sanremo fatto di recente mi ha dato tanta soddisfazione”.

Ti viene in mente qualche aneddoto durante la tua esperienza da inviata?

“Sono accadute tante cose particolari, ma mi è rimasta impressa una situazione esilarante che vide coinvolto il compianto Mino Reitano, con il quale feci uno speciale. Una signora di ottantadue anni si arrampicò addirittura su un muro per stendergli le polpette alle melanzane. Rimasi scioccata”.

Hai in breve una storia della tua vita da raccontarci?

“Una cosa bellissima che mi è capitata nella vita si chiamava Robert Miles, un grande artista che è scomparso lo scorso anno, lasciando in me un vuoto incolmabile. Una serie di situazioni mi hanno portata ad entrare nella sua vita e nella sua famiglia. Provo per questa persona qualcosa di indescrivibile che forse un giorno metterò su carta. Lo ritengo magico in tutto quello che ha fatto. E’ un uomo che post mortem mi ha insegnato il senso della vita e mi ha svelato in un certo senso il segreto della vita. Lui è il mio angelo custode, mi è sempre vicino, mi ha sempre illuminato e ho avuto prove tangibili della sua presenza”.

Sei molto social o per il giusto utilizzo?

“Sono per niente social, tanto che Maurizio Costanzo, un altro grande personaggio che ammiro e per il quale ho lavorato a Domenica In, dove ero inviata del programma, mi ha invitata ad una puntata del ‘Costanzo Show’ e sai perché? Perchè rappresento la pigrizia social in assoluto. Con grossa difficoltà ho imparato a postare qualcosa su facebook”.

Di quale personaggio sei innamorata da sempre?

“Adoro Maria De Filippi. La ammiro moltissimo come donna e come conduttrice. Lei è il mio modello, anche dal punto di vista umano”.

Qual è stato il personaggio più importante che hai conosciuto per motivi professionali?

“La prima intervista che ho fatto a New York per Rai International è stata con il Presidente della Corte Suprema degli Stati Uniti d’America, ovvero con uno degli uomini più importanti del mondo. Una grande emozione”.

Ti piace la mondanità visto che vivi nella Capitale?

“La giusta dose e comunque non ho mai fatto entrare la mondanità nella mia vita privata. Sono socievole, amo più uscire con le amiche”.

Quali sono le situazioni nelle quali non ti senti a proprio agio, i tipi di persone con le quali non vorresti condividere nulla?

“Con i cinici, i tirchi e le persone negative”.

C’è stato qualche movimento in queste prime settimane dell’anno che ti ha fatto pensare che sarà un bel 2018?

“A parte una lunga influenza con tanta tosse, penso che si prospetti un bell’anno. Ho un sogno nel cassetto, mi piacerebbe avere un figlio”.

Prima l’anello?

“Per come la penso sì, infatti per il momento cerco prima il gatto nero”.

So che hai un carattere un po’ particolare.

“Sono una persona con un caratterino non facile da gestire. Sono anche un po’ permalosa”.

CHI E’ MARIA ELENA FABI

Maria Elena Fabi è nata a Milano il primo settembre sotto il segno della Vergine con ascendente Gemelli. Caratterialmente si definisce determinata, affidabile e leale. Coltiva l’hobby della lettura e della cucina. Quando può si reca alle mostre. Tifa per la squadra del Napoli e adora mangiare vongole e bottarga. Possiede un gatto di nome Micky e attualmente è in cerca di un gattino nero che le ricordi uno che aveva nell’infanzia. Le piacerebbe vivere a New York. E’ innamorata dell’amore. Ha esordito su Rai International grazie a Renzo Arbore, allora direttore artistico che l’aveva scelta per dei programmi. Ha avuto qualche esperienza teatrale e ha frequentato la scuola di giornalismo. Ha lavorato anche per Radionorbatv e per Radio Uno. E’ stata inviata per “Domenica In” con Maurizio Costanzo. Attualmente è inviata per “Uno Mattina in Famiglia”.


Your Comments

0 Responses to Maria Elena Fabi: “Cresciuta a suon di GR a casa di mio nonno”



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000