Marta Richeldi: “Nella vita bisogna rischiare per poter realizzare i propri sogni”


    marta-richeldi-foto-3

Interpreta Silvia Cattaneo nella fiction “Il Paradiso delle Signore”: una brava attrice e ricca di talento

di Giulia Bertollini

Appena mi risponde al telefono capisco che Marta è la versione buona di Silvia. Una donna che esprime dolcezza attraverso la sua storia e il suo vissuto e che ha lottato per raggiungere il suo sogno. Marta Richeldi è una delle protagoniste della soap pomeridiana “Il Paradiso delle Signore” in cui interpreta Silvia Cattaneo, una donna decisa e dispotica che decide di abbandonare la propria carriera per dedicarsi ai figli e alla famiglia. Una madre che però commette il terribile errore di disporre della vita degli altri riflettendo su di loro le proprie ambizioni. In questa interessante chiacchierata, Marta ci parla del suo personaggio e ci apre il suo cuore confidandosi tra ricordi e progetti futuri.

Marta, è circolata la notizia in questi giorni della chiusura de “Il paradiso delle signore”. Cosa si sa a tal proposito?

“So che attori e fan hanno fatto un sit-in davanti alla sede Rai di Viale Mazzini per esprimere il loro dissenso esprimendo il desiderio che la serie continui. Purtroppo non sono in grado di fornire altre notizie perché anche noi del cast artistico siamo in attesa di notizie più certe. E’ un momento in cui ci sono dei summit tra vertici e produzione per capire se è possibile o meno andare avanti. La serie sta avendo un buon riscontro e sarebbe un peccato”.

Interpreti Silvia, la moglie del ragionier Cattaneo. Quali tratti avete in comune?

“Ben pochi direi. E’ una sfida molto interessante. Silvia è una donna che ha rinunciato alla sua carriera per dedicarsi alla famiglia. Come molte madri, vorrebbe il meglio per i propri figli e cerca di fare di tutto per garantire a loro un futuro roseo. Non si accorge però di essere esagerata e finisce per commettere degli errori. Pretende di controllare invece che mettersi in ascolto. Silvia però è anche capace di mettersi in discussione. Nella serie, gliene capitano di tutti i colori. Tutte le sue aspirazioni verranno infrante ma più in là vedrete che si dimostrerà solidale anche con persone che hanno compromesso la serenità della sua famiglia”.

Nella serie, Silvia è una madre che prende posizioni anche all’insaputa dei suoi figli commettendo degli errori. Quali sono, in concreto, le conseguenze più pesanti del bisogno di controllo dei genitori e  della loro necessità di specchiarsi nella riuscita dei figli? 

“Sono stata molto fortunata perché ho avuto la possibilità di fare ciò che desideravo. Ho perso mio papà all’età di 10 anni e mia madre si è trovata da sola a dover tirare su me e i miei fratelli. Mia madre era un’insegnante. Fin da giovane, ho sempre voluto rendermi indipendente ed autonoma per non pesare sulla famiglia. Dopo aver preso il diploma di Ragioneria, ho iniziato a lavorare in banca. Non era però il mio sogno e così all’età di 19 anni ho deciso di provarci davvero con il teatro. E’ stato un colpo di fulmine perché ho capito che il palcoscenico era il luogo in cui potevo esprimere me stessa in modo autentico. Mi sono licenziata dal lavoro e sono partita in giro per l’Italia a cercare fortuna e ad inseguire il mio sogno”.

E tua mamma come ha reagito a questa scelta?

“Mia madre non era molto felice. Era preoccupata ma mi ha lasciato andare. Adesso, è il mio più grande sostegno. Guarda la soap tutti i giorni e mi dà il suo consiglio e la sua recensione dopo ogni episodio. E’ una buona spettatrice e le piace quello che faccio. Devo riconoscere che è stata una mamma critica ma sempre costruttiva. Mi ha aiutato tanto. Pensa che i primi tempi è stata lei ad aiutarmi con la memoria, a ripassare le scene e a farmi da spalla. Le devo molto”.

Come ti sei trovato con il resto del cast de “Il Paradiso delle Signore”? C’è qualche aneddoto divertente che puoi raccontarci?

“E’ un bellissimo gruppo e si è creata una grande famiglia. Anche se iniziamo a lavorare presto, cerchiamo sempre di lavorare mantenendo alta l’energia. Ci divertiamo molto anche con Enrica Pintore e Giorgio Lupano che nella serie interpreta mio marito. Un terzetto scoppiettante anche nella serie come potrete vedere nelle prossime puntate. Anche fuori dal set, mi diverto a fare  la gelosa. In questi giorni, eravamo tutti un po’ tristi all’idea che questa avventura potesse finire”.

C’è un ruolo che vorresti interpretare per metterti alla prova? Un personaggio che sogni di interpretare più di altri?

“Insegno ad un gruppo di teatro e sto lavorando sul testo di ‘Un tram chiamato desiderio’ di Tennessee Williams. E il personaggio di Blanche Dubois mi ha molto affascinata. Una donna piena di sfumature che mi piacerebbe interpretare”.

A cosa ti dedichi nel tempo libero? 

“Mi piace molto andare al cinema e leggo molto. E poi trascorro del tempo con mio figlio”.

Cosa guardi in Tv?

“Mi piace guardare le serie Tv e i film brevi. Ho anche seguito il Festival di Sanremo”.

Allora ci puoi svelare quale canzone avresti voluto che vincesse?

“Avrei messo sul podio Loredana Bertè e Arisa”.

Progetti futuri?

“Non posso dire ancora nulla se non che parteciperò in un film con un cast internazionale diretto da un giovane regista che ha già vinto molti premi. Non posso che essere contenta”.


Your Comments

0 Responses to Marta Richeldi: “Nella vita bisogna rischiare per poter realizzare i propri sogni”



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000