Martina Stella: “La mia Maria Elena Boschi è più emotiva”


    martina-stella-ph-gianluca-sarago

La ragazzina-prodigio del film “L’ultimo bacio” è cresciuta ed è diventata un’attrice più matura e molto apprezzata dal pubblico italiano. Nell’ultimo film prodotto per Netflix ha interpretato il ruolo di una onorevole un po’ divertente e sopra le righe

di Giulia Bertollini

È una bomba di bellezza ma anche di simpatia. Ed è proprio interpretando l’onorevole Giulia Rossi nel film di Netflix “Natale a 5 stelle” che Martina Stella mostra il suo lato ironico. Un personaggio divertente e sopra le righe che oltre a strappare un sorriso aiuta a riflettere sulle debolezze e sulle ossessioni dei politici. Una sfida importante per Martina che dopo l’esordio a soli 16 anni con il film “L’ultimo bacio” appare più matura e sicura di sé. L’abbiamo incontrata al termine della conferenza stampa di presentazione del film per farci svelare qualche dettaglio in più sul suo personaggio e per farci raccontare qualcosa di lei tra aneddoti e ricordi.

Martina, come ti sei preparata ad interpretare questo ruolo?

“Per me è stato un onore e un piacere partecipare ad un film dedicato a Carlo Vanzina che è stato un grande punto di riferimento umano. Ho trovato una troupe di amici, un cast fantastico e un personaggio surreale e divertente. Nel film interpreto Giulia Rossi, una deputata del Partito Democratico, che mentre è in visita ufficiale a Budapest intrattiene una relazione con il Presidente del Consiglio divenendone l’amante. E’ una donna in conflitto tra le proprie ambizioni ed emozioni. Per questo ruolo ho seguito molte tribune politiche in televisione”.

Il tuo personaggio sembra evocare l’onorevole Maria Elena Boschi. E’ così?

“Sì è vero anche se ci sono delle differenze. La Boschi è estremamente controllata e lucida, anche quando viene attaccata dagli avversari. La mia Giulia invece fatica a gestire le emozioni”.

Hai provato imbarazzo a spogliarti sul set?

“Quando Enrico Vanzina mi ha chiamato, mi ha parlato di un personaggio sopra le righe. Non mi aveva anticipato, però, che per la maggior parte del film sarei rimasta in mutande e reggiseno. L’ho capito leggendo la sceneggiatura. Non ho provato però imbarazzo perché la mia deputata è talmente impaurita e impacciata che ogni sensualità si spegne. Mi sono chiesta piuttosto se questo tipo femminile non ci portasse indietro alla donna-oggetto. Ma la mia Giulia è talmente brillante che possiamo solo divertirci”.

E’ la prima volta che sbarchi su Netflix. Come hai vissuto questo debutto?

“E’ per me una nuova esperienza e sono affascinata da questa novità. Sono molto legata all’uscita in sala e amo andare al cinema. Penso però possa essere una grande opportunità considerando che il film esce in 190 paesi. Guardo Netflix anche in famiglia. Ritengo che ci siano serie divertenti e intelligenti anche per bambini”.

Cosa pensi della situazione politica attuale?

“La penso come tanti italiani. A volte mi dico ‘lasciamo lavorare questo governo, diamogli il tempo, affidiamoci’. Ho creduto nella possibilità di cambiamento. E sono ancora fiduciosa. Poi però, di fronte alla confusione e all’incertezza, alla nebbia su temi come il reddito di cittadinanza, sono come destabilizzata. A farmi male è anche l’aggressività verbale dei nostri politici. Sono stata educata alla solidarietà e alla compassione. Vorrei vedere rispettati i valori”.

Parteciperesti mai ad un reality show?

“Non ho mai preso in considerazione l’idea di partecipare ad un reality e non ne ho l’intenzione”.

Si è da poco chiuso il 2018. E’ stato un anno positivo?

“Sì lo è stato sotto tanti aspetti anche se ho dovuto affrontare delle perdite importanti. Ho vissuto la scomparsa di Carlo Vanzina come un duro colpo perché è stata una persona che ha sempre creduto in me ancora di più di quanto ci credessi a volte io stessa. Ha sempre capito la mia ironia ed era molto divertito dal mio modo di essere nella vita di tutti i giorni. Non è stato solo un maestro ma anche un padre per me”.


Your Comments

0 Responses to Martina Stella: “La mia Maria Elena Boschi è più emotiva”



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000