07/24/2021
HomeSpettacoloMatias Santos: Con la danza nel cuore

Matias Santos: Con la danza nel cuore

di Roberto Ruggiero –

Argentino, è considerato uno dei ballerini di spicco del panorama internazionale ed è Primo Ballerino del Teatro Colòn di Buenos Aires.

Come ti sei avvicinato alla danza?
“Fin da giovanissimo, a casa mia ero molto appassionato di folklore ed è così che ho iniziato alla scuola di danza popolare nella mia città. Da lì ho già provato la felicità quando ballavo. Quando avevo 18 anni ho iniziato a studiare danza classica mettendo molte energie e andando contro il tempo per costruire una carriera professionale, essendo chiaro che questo era quello che volevo per la mia vita”.
Quando sei entrato in una compagnia di balletto?
“Nel 2005 sono entrato tramite concorso allo Stable Ballet del Teatro Colón, dove continuo a lavorare ancora oggi. Ho avuto esperienze meravigliose dentro e fuori il Teatro”.
Sei Primo Ballerino del Teatro Colón di Buenos Aires. Com’è questa responsabilità e come riesci a bilanciare il tuo lavoro e la tua vita personale?
“Ho danzato in diverse opere importanti e questo porta molta responsabilità, principalmente con se stessi, essendo collegato a dare il meglio in ogni prova, in ogni rappresentazione. Questa è la missione. E per quanto riguarda la mia vita personale ho sempre sentito che devi avere un equilibrio in tutto, ascoltare te stesso e questa è la verità. Ovviamente questa carriera richiede molta disciplina quotidiana, tante volte dobbiamo lasciare le situazioni personali e concentrarci su ciò che stiamo vivendo ballando, ma come ho detto prima, tutto è un equilibrio. Devi sapere come trovarlo”.
Qual è il tuo ruolo preferito e perché?
“Il mio ruolo preferito è Onegin. Dal primo momento in cui ho visto quell’Opera, ho sempre voluto ballarla, viverla e ho avuto la fortuna di poterla fare al Teatro Colón. Per me è un ‘capolavoro’ in termini di musica, poesia, coreografia… è un tutto. Che parla dell’umano, quindi lo si può sentire più vicino, più reale. È un’Opera unica”.
Quale bel ricordo porti sempre vivo nel cuore?
“Ho molti bei ricordi nel corso della mia carriera, uno di questi è un grande tour con il Roma City Ballet di ‘Swan Lake’ in tutta la Repubblica Cinese nel gennaio 2019. Tutto ciò che ho vissuto lì è stato meraviglioso, le prove a Roma, le persone, i ballerini, gli insegnanti, il produttore, il mio caro amico Antonio Desiderio, la mia compagna Eliana, tutto era incredibilmente bello e molto reale, di cui sono molto grato. Una così bella esperienza di vita”.
Con quale ballerina ti piace ballare un ruolo classico con lei?
“Non saprei nominare una ballerina in particolare. Per me l’importante è avere una connessione, poterlo fare insieme, poter raccontare qualcosa insieme e trasmetterlo, sentire, avere un sentimento”.
Quale produzione di balletto ami e perché?
“Uno dei lavori in cui ho recitato è stato ‘Rodín’ di Boris Eifman, amo quella produzione per tutto ciò che comporta, non è un classico e questo lo rende così attuale, così diverso. Oltre al lavoro stesso, alla sua storia, alla sua coreografia, al suo stile, tutto era magnifico. È stato uno dei momenti più felici vissuti al Teatro Colón”.
Quali sono i progetti per il 2021?
“Molte cose devono essere sistemate nel Teatro Colón, ne ho fiducia, con tutto ciò che stiamo vivendo in questo momento. E personalmente, ho dei progetti in cantiere da quando sto mettendo energia nella parte creativa, come coreografo. Da tempo sento questo bisogno di connettermi con la mia origine, unendo tutto ciò che ho imparato e vissuto nella mia carriera di ballerino per poter creare da quel luogo. Quest’anno ero molto concentrato su questo e sulla recitazione. Una delle cose belle è stata creare un brano de ‘La Traviata’ per un cortometraggio del Coro e dello Stable Ballet del Teatro Colón”.
Cos’è la danza per te?
“Danza per me è una connessione, una connessione con me stesso, con la mia anima, con il mio bambino interiore, con la mia verità… quella sensazione unica di felicità”.
Chi è Matías Santos?
“A titolo di descrizione potrei dire che sono una persona semplice, sensibile, un essere umano grato di poter vivere di ciò che amo, di vivere momenti unici e desideroso di imparare tutto il tempo, di ascoltarmi, di ascoltarmi, di provare empatia e di essere in grado di connettermi dall’arte e, in qualche modo, restituire tutto ciò che la vita e l’universo mi hanno dato”.

In collaborazione con:

Condividi Su:
POST TAGS:
Graziano Scarabicchi
Francesca Ghirelli:

redazione@gpmagazine.it

Valuta Questo Articolo
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO