Micol Olivieri: “Fare un figlio è un atto d’amore”


    micol olivieri - Summergames 2014_mxs2293

Micol Olivieri è di nuovo Alice nella serie tv “I Cesaroni”. La nota attrice romana durante la maternità, ha disegnato un’interessante linea d’abbigliamento per mamme e neonati visto che la moda è la sua passione, nell’attesa che qualche azienda voglia produrla.

di Silvia Giansanti

Ironica, svelta e con l’argento vivo addosso, ha trasformato questo 2014 in un anno meraviglioso da ricordare a vita. L’inizio della sua favola, a dir la verità, risale allo scorso anno quando lei, appena rientrata dall’esperienza del reality “Pechino Express”, ha conosciuto un uomo bello dentro e fuori, come lo ha definito, di nome Christian Massella. Il loro amore ha generato un bel fiocco rosa di nome Arya di prossima nascita. Del resto, una mamma con un nome particolare, non poteva che sceglierne uno non comune per la figlia, considerando poi che sente vicine altre culture e popoli come gli indiani d’America. Ha trascorso la maternità disegnando una linea d’abbigliamento per mamme e neonati e rilasciando interviste come nel nostro caso. E’ anche diventata testimonial di “Chicco di felicità”, un’iniziativa benefica del marchio dell’infanzia, per tutelare le adozioni di bambini con alcune difficoltà. Adesso è di nuovo nel ricco cast de “I Cesaroni” per regalarci qualcosa di diverso, che sicuramente le varrà una brillante riconferma come attrice. Il bello di Micol è che ha fatto tutto presto, a nove anni era già davanti ad una macchina da presa e ora, poco più che ventenne, è mamma. Ci ispira simpatia perchè è allegra e a sensazione è una ragazza molto positiva.
Micol, chissà quante volte ti sarai arrabbiata quando qualcuno sostituisce la lettera M con la N del tuo nome, vero?
“Tantissimo, ma anche quando mi sbagliano l’accento, Mìcol invece di Micòl che è quello giusto”.
Quando sei nata artisticamente?
“Nel 2000/2001 come testimonial della pubblicità Coop”.
Quand’è stato invece il momento in cui hai acquisito sicurezza nel tuo lavoro?
“Nel momento in cui mi sono ritrovata ad interpretare il personaggio di Manuela nella fiction ‘Il Veterinario’ accanto a Gigi Proietti”.
Stai per ripartire nella serie tv “I Cesaroni”. Ci puoi anticipare qualche novità?
“Innanzitutto è previsto l’ingresso di nuovi personaggi e Alice, che interpreto io, sarà un po’ diversa dal solito”.
Cos’ha in comune questo personaggio con te?
“Diciamo alcune cose. Nelle varie serie c’è stata a volte una sovrapposizione, ma molto spesso delle differenze sostanziali. In breve, io sono più allegra, ma alla fine sappiamo che il lavoro di attrice consiste nel calarsi anche in ruoli completamente diversi dal proprio essere”.
Tutti gli attori da noi intervistati negli anni, e che ne hanno fatto parte, si sono trovati benissimo e hanno parlato di atmosfera magica. Confermi?
“Girare ‘I Cesaroni’ per molti anni significa far parte di una famiglia. E’ una macchina rodata”.
Con chi hai legato particolarmente?
“Difficilmente ho problemi con gli altri attori, perché sono piuttosto seria e disciplinata sul lavoro. Nutro un grande affetto per Elena Sofia Ricci e rispetto per tutti gli altri. Ho buoni rapporti con i colleghi fino alle maestranze, che svolgono un lavoro immane”.
Hai scelto di diventare mamma ad una giovane età, andando anche un po’ controcorrente rispetto alla massa e per di più con una carriera iniziata da poco. Pensi di farcela a conciliare il tutto?
“Ci proverò, dai! La cosa più importante è la salute della bimba”.
Esiste un’età giusta, secondo te, per avere un figlio?
“Mia madre dice sempre una gran cosa: chi pensa di aspettare di avere il momento perfetto per avere un figlio, non ha capito che quel momento non ci sarà mai. Ci sarà sempre un lavoro, una situazione economica ed una sentimentale da sistemare, definire e consolidare. Fare un figlio è un atto d’amore e forse anche di incoscienza. Ma soprattutto di speranza e di fiducia nel futuro”.
Quando nascerà?
“Tra poco ad ottobre e si chiamerà Arya, un nome molto antico il cui significato è ‘nobile’, ‘onorevole’ in sanscrito”.
Mi dici un dolce ricordo della tua infanzia?
“Ce ne sono tanti, impossibile elencarli tutti”.
So che la moda è la tua passione, cosa stai disegnando mentre il pancione cresce?
“Abbigliamento per bambini giusto per restare in tema. Mi sento ispirata”.
Proprio di recente hai convolato anche a nozze. Ricorderai questo 2014 come un anno molto movimentato, vero?
“E non solo, anche come uno dei più belli”.
Cosa ti ha conquistato di Christian, il tuo novello sposo?
“Innanzitutto la sua generosità, la sua bontà d’animo e diciamolo pure che è bello dentro e fuori!”.

CHI E’ MICOL OLIVIERI

Micol Olivieri è nata a Roma l’11 febbraio del 1993 sotto il segno dell’Acquario con ascendente Leone. Micol si definisce sincera e leale, adora la sua città natale e non poteva che tifare Roma. E’ di buona forchetta e tra i suoi hobby ci sono la lettura e andare al cinema. Possiede dei cani e un marito con tanto di figlia in arrivo e questo è l’anno fortunato della sua vita. Il suo esordio è avvenuto all’età di nove anni con il cortometraggio “Turno di notte” con Leo Gullotta. Ha proseguito con vari spot pubblicitari, produzioni televisive e cinematografiche. Negli anni duemila ha recitato in varie fiction televisive tra cui “Soraya”, “Questo amore”, “Distretto di Polizia 5”, “Il Veterinario” e “I Cesaroni” con cui è salita alla ribalta nel ruolo di Alice Cudicini. Ha ottenuto anche diversi ruoli nel cinema in film come “Innamorata della morte”, “Il rumore delle molliche”, “Oltre il mare”, “Il muro celato” e “Il sole sopra le nuvole”. Ha avuto anche valide esperienze teatrali.


Your Comments

0 Responses to Micol Olivieri: “Fare un figlio è un atto d’amore”



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000