Oscar Pistorius: La caduta di una stella


    Oscar Pistorius

E’ una rubrica che ha lo scopo di farvi conoscere in maniera diversa i personaggi che ogni giorno sono acclamati da folle di ammiratori. Questa volta dedichiamo il nostro spazio all’atleta sudafricano accusato di aver ucciso la fidanzata, la modella Reeva Steenkamp

di Camilla Rubin

Lo sapevate che… Il nome completo di Oscar Pistorius è Oscar Leonard Carl Pistorius , nato a Johannesburg il 22 novembre del 1986.
Lo sapevate che… Oscar Pistorius, soprannominato “the fastest thing on no legs” (la cosa più veloce su nessuna gamba) e “Blade Runner”, Pistorius è un amputato bilaterale, detentore del record del mondo sui 100, 200 e 400 metri piani nella categoria T44.
Lo sapevate che… Corre grazie a particolari protesi in fibra di carbonio, denominate cheetah (ghepardo).
Lo sapevate che… È il primo ed unico atleta amputato capace di vincere una medaglia in una competizione iridata per normodotati, ottenendo l’argento con la staffetta 4×400 metri sudafricana ai Mondiali di Daegu (correndo soltanto in batteria).
Lo sapevate che… Nasce con una grave malformazione (entrambi i peroni erano assenti ed i piedi erano gravemente malformati), che lo costringe, all’età di undici mesi, all’amputazione delle gambe. Negli anni del liceo pratica il rugby e la pallanuoto, poi un infortunio lo porta all’atletica leggera, dapprima per motivi di riabilitazione, poi per scelta.
Lo sapevate che… Il 13 gennaio 2008 la IAAF respinge la richiesta di Pistorius di gareggiare con i normodotati, sostenendo che “un atleta che utilizzi queste protesi ha un vantaggio meccanico dimostrabile (più del 30%) se confrontato con qualcuno che non usi le protesi”. Il 16 maggio dello stesso anno Pistorius è riabilitato dal tribunale sportivo alla partecipazione delle Olimpiadi 2008. Nelle motivazioni che hanno portato alla riabilitazione, si legge che “al momento non esistono elementi scientifici sufficienti per dimostrare che Pistorius tragga vantaggio dall’uso delle protesi”. Tuttavia non riesce a realizzare il tempo minimo che gli permetterebbe di partecipare alla manifestazione olimpica.
Lo sapevate che… Il 9 settembre vince la medaglia d’oro alle Paralimpiadi di Pechino nei 100 m chiudendo in 11″18 per poi ripetersi il 13 settembre nei 200 m (con il tempo di 21″67, record paralimpico) e il 16 settembre nei 400 m (con il tempo di 47″49, record del mondo).
Lo sapevate che… Il 19 luglio proprio in Friuli, a Lignano Sabbiadoro, corre i 400 metri in 45″07 realizzando il minimo A valido per la partecipazione ai Mondiali di Daegu 2011 e ai Giochi olimpici di Londra 2012. Ai mondiali prende parte ai 400 metri, venendo eliminato in semifinale con il tempo di 46″19, mentre il 1º settembre, insieme ai compagni di staffetta, realizza il primato nazionale sudafricano della 4×400 metri in occasione delle batterie di qualificazione con il tempo di 2’59″21.
Lo sapevate che… Nel 2008 è protagonista del video “Via le mani dagli occhi” della band italiana Negramaro, mentre nel 2012 la cantautrice Mariella Nava omaggia Pistorius nel brano “La mia specialità”, contenuto nel suo ultimo album “Tempo mosso”.
Lo sapevate che… E’ riuscito in un’altra impresa nel duello-esibizione di Doha, in Qatar, dove si è imposto a margine del Doha Goals, il forum mondiale dello sport. Il velocista sudafricano senza gambe, che corre con protesi in carbonio, ha infatti sconfitto un cavallo arabo purosangue nel corso della campagna “Definitely Able – Run Like the Wind”, “Assolutamente Capace – Correre Come il Vento”. Partito con vantaggio di 15 metri al via, Pistorius ha battuto con discreto margine l’animale di nome Maserati.
Lo sapevate che… Nel 2010 riceve dal Laboratorio internazionale della comunicazione il Gamajun International Award. E dal 2011 ha iniziato ad allenarsi stabilmente a Gemona del Friuli, insieme ad altri atleti sudafricani.
Lo sapevate che… Oltre all’atletica leggera s’interessa di altri sport tra cui il calcio, in particolar modo della Serie A; ha infatti più volte dichiarato di essere un tifoso della S.S. Lazio. Ha sempre espresso il suo amore per l’Italia, in particolare per la Maremma, in quanto ha trascorso molte delle proprie estati a Grosseto, allenandosi allo Stadio Carlo Zecchini sotto la guida dell’ex astista Andrea Giannini.
Lo sapevate che… Il 13 settembre 2008 viene arrestato per una denuncia di aggressione e trascorre una notte in carcere: la vicenda riguardava una ragazza che, ubriaca, aveva preso a calci la porta della casa di Pistorius ferendosi a una gamba dopo che lui l’aveva accompagnata fuori e che lo aveva per questo accusato di averla attaccata. Lo sportivo è stato rilasciato solo dopo che la verità è emersa, con ammissione di colpa da parte della polizia che si è scusata per il plateale errore.
Lo sapevate che… Il 7 gennaio 2012 è stato ospite alla trasmissione Ballando con le stelle (Rai 1), ottenendo il massimo del punteggio ed aggiudicandosi l’ammirazione dei giudici: “Ballare non è mai stato il mio punto forte. È una sfida anche più grande della corsa”.
Lo sapevate che… Reeva Steenkamp, la fidanzata di Oscar Pistorius, la notte di S. Valentino viene trovata uccisa nella casa del campione sudafricano. La compagna dell’atleta paralimpico poche ore prima aveva twittato questo sul suo profilo, inserendo l’ashtag Valentines Day: “Cosa avete in serbo per il vostro amore domani?”. A causa di un tragico errore, Pistorius – così ha dichiarato – ha pensato che si trattasse di un intruso o di un ladro e ha premuto il grilletto contro di lei, uccidendola con due colpi. L’atleta si trova agli arresti con l’accusa di omicidio. Continuano nel frattempo gli accertamenti della polizia locale, che sta verificando la confessione dello sportivo.


Your Comments

0 Responses to Oscar Pistorius: La caduta di una stella



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000