Osvaldo Supino


    Osvaldo Supino

Controverso, discusso, eccentrico

E’ la web star italiana più forte del momento. Ha avuto tre nomination ai BT Digital Music Awards, battendo persino una certa Kylie Minogue. E’ un personaggio che riesce

A 27 anni, Osvaldo Supino è l’unica web star italiana. L’unico artista che, nato prevalentemente dal web, è riuscito a conquistare in breve tempo la ribalta mediatica. Di lui hanno parlato tutti, dal TG1 al TGCom, da Metro a Vanity Fair. E’ il più cliccato e discusso in rete tanto da detenere il record come unico italiano nominato 3 volte ai BT Digital Music Awards in Inghilterra, dove lo scorso ottobre ha battuto perfino Kylie Minogue con oltre 42.000 voti provenienti da tutto il mondo nella categoria “miglior sito ufficiale” www.osvaldosupino.com.

Per lui sono arrivati anche ottimi risultati anche in classifica, grazie a tre singoli pubblicati classificati nella top10 dei più scaricati su Itunes. Il sound pop internazionale, curato tra Milano e Los Angeles con autori come Ferras (The Matrix, Adam Lambert, Katy Perry), Latisha Van Simon (collaboratrice di Stevie Wonder) e l’attenzione quasi maniacale allo style e ai dettagli l’ha reso sicuramente uno dei più glamour e ricercati nel panorama musicale italiano.

L’ultimo singolo “When I think about sex”, scritto da Charlie Mason (autore di numerosi successi di Miley Cyrus, Boa e Sarah Connor), Richard Hymas (produttore della band inglese The Situation) e John Matthews, pubblicato il 28 ottobre, ha raggiunto la posizione numero 4 della chart dance di Itunes del 29 ottobre e fa da apripista all’EP  “Here I am”, uscito il 25 novembre scorso. L’ultimo tour partito dal Queen di Parigi, ha toccato la maggior parte delle discoteche più importanti d’italia totalizzando in totale circa 250.000 spettatori.

Osvaldo, parlaci della tournée. 

Amo andare in tour. E’ il momento in assoluto più bello e gratificante. L’incontro con il pubblico è sempre motivo di crescita e di ispirazione anche per i lavori futuri. Quest’anno abbiamo girato tanto, siamo partiti dal Queen di Parigi e abbiamo toccato poi un po’ tutta Italia. E’ stata un’estate fantastica”.

E questo cambio di immagine? E’ una tua scelta o te l’hanno consigliato?

Mi piace evolvermi, sia nel sound che nell’immagine. Ogni volta che esco con un nuovo progetto mi piace rivoluzionarmi e proporre un mondo nuovo, che sia una nuova ispirazione per chi mi segue. Ho la fortuna di essere circondato da amici professionisti che valutano con me le idee e mi consigliano. Ma c’è sempre da parte mia una ricerca costante. Guardo tantissime riviste di moda, mi guardo intorno continuamente”.

Hai intitolato il tuo EP “Here I am”, che vuol dire “sono qui”. A cosa si riferisce?
“Eccomi qui, come sono. Con le mille sfaccettature, con il mio linguaggio, per quello che sono. E’ un lavoro in cui mi sono messo totalmente a nudo. Sono 5 pezzi nuovi, totalmente uno diverso dall’altro ed è un progetto in cui credo tanto. Ho avuto la grande fortuna di lavorare con degli autori importantissimi che hanno scelto di far parte di tutto questo semplicemente perché credono in me e nel progetto. Quando hai qualcuno che ha scritto per Miley Cyrus e ti regala un pezzo non puoi che sentirti tanto fortunato e motivato a far meglio”.

Ti sei messo a nudo anche nella cover di “When I think about sex”. Come mai questa scelta?

“Voi cosa immaginate quando pensate al sesso?”.
Come scegli di solito i pezzi da interpretare?
“Mi baso molto sull’istinto. Di solito al primo ascolto so già se la registrerò oppure no. Un pezzo deve avere energia, passione. E questi 5 pezzi, ognuno a suo modo, hanno davvero un’intensità pazzesca”.

Come riesci a conciliare l’aspetto provocatorio sul palco e la semplicità che hai nella vita di tutti i giorni? 

Non credo di essere provocatorio, semplicemente mi piace essere ciò che sono e non mettere censure. La provocazione forse è in ciò che gli altri vogliono vedere più che in quello fai e dai concretamente tu. Alle volte sono loro che hanno l’esigenza di metterti in quella categoria più che tu ad esserlo per davvero. La mia vita privata è molto tranquilla. Mi piace stare con le persone che amo, andare al cinema e cucinare. E’ in quel momento che trovo la vera felicità. Per loro sono semplicemente Osvaldo”.

Come è cambiata la tua vita e come sei cambiato tu negli ultimi anni? 

Credo di essere diventato più consapevole di ciò che sono e di quello che voglio e questo mi aiuta a vivere in maniera per certi versi più tranquilla. Ho affrontato un sacco di difficoltà legate al mio lavoro ma anche alla mia vita privata che mi hanno fatto capire l’importanza di imparare a proteggersi da alcune cose. Ho imparato ad avere un occhio di riguardo per le cose che contano davvero. A rimanere in piedi, a contare su me stesso, e a sentirmi orgoglioso di ciò che sono e ciò che faccio”.
Sei un fenomeno del web, pensi che ci possa essere per te anche un successo televisivo?
“Me lo auguro. Oggi la tv serve ancora. E’ importante per arrivare a tanta gente velocemente e per far sentire le tue idee. Ci impegniamo tanto con il mio gruppo di produzione per riuscire a fare sempre più tv possibile anche se non è facile visto che gli spazi dedicati alla musica sono sempre di meno. Ma mi piacerebbe anche per altre cose”.
Tipo?
“Un ruolo in una sit magari, sarebbe divertente”.

 


Your Comments

0 Responses to Osvaldo Supino



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000