Sara Zanier: “Sogno di lavorare con Gabriele Muccino”


    Sara zanier  12

“Provengo da una famiglia semplice anche se devo dire che mia madre a modo suo è un artista. Grande cuoca e decoratrice. Poi c’è mia sorella che è una cantante. Lei, più grande di me, mi ha aiutato anche a far si che i nostri genitori si abituassero ad avere in casa lo spettacolo. Devo ringraziare i miei perché mi hanno accompagnata passo per passo fino a quando poi sono stata capace di gestirmi sola”.

 

di Simone Mori

 

“Non pensavo alla carriera di attrice, anzi vedevo quel mondo come lontano da me. Invece è arrivata questa opportunità. Spesso mi trovo in mezzo a cose belle senza che io le cerchi. È qualcosa che non riesco a spiegare ma accade!”. Parole semplici di una bella e giovane attrice: Sara Zanier.

Cosa ricordi del periodo passato come Letterina a “Passaparola”?

“Non ero felice devo ammetterlo. Non mi sentivo realizzata. Ero sicuramente fortunata ma da me stessa pretendevo altro e fortunatamente altro è poi arrivato. Se ripenso al mio primo impegno cinematografico con Remo Girone e Anna Valle ho ancora il cuore in gola. Fu emozionante. In genere poi ancora oggi, sento più agitazione nelle prove che successivamente”.

Il grande pubblico ti conosce per il ruolo di Serena in “Centovetrine”. Cosa c’è di Sara nel personaggio della soap?

“C’è tantissimo. Nelle  scene quotidiane specialmente. Un personaggio positivo, la classica ragazza della porta accanto. Insomma la gente ancora oggi mi chiede di tornare a Centovetrine, ma la vita così come il mio lavoro si deve evolvere”.

La situazione attuale di ‘Centovetrine’ non è rosea. La nuova collocazione e il cambio di rete, da Canale 5 a Rete 4, non sembra essere di buon auspicio. Che effetto di fa questa turbolenza? 

“Prima di tutto voglio mandare un abbraccio a tutti coloro che lavorano lì. Ovviamente fa male sapere che un nostro prodotto rischia la chiusura. Bisogna analizzare le colpe di chi sono. Il perché di un calo vistoso di ascolto”.

A breve sarai in tv su Rai 1 con la terza serie di “Ad un passo dal Cielo”.

“Sì in questi giorni mi vedrete interpretare Silvia, una ragazza simpatica e un po’ maniacale. Mi sono divertita molto anche perché girare in quei posti paradisiaci è stata un’esperienza unica. Anche sul set sono stata bene con gli altri colleghi e i registi. Poi ci sarà un colpo di scena finale che interesserà il mio personaggio. Gli autori a  volte sono diabolici!”.

Invece cosa puoi dirci delle “Tre Rose di Eva”?

“Stiamo ultimando le riprese. Sarò Isabella, innamorata di Luca Capuano. Posso solo dire che dalla seconda alla terza serie, ci sarà uno stacco temporale di qualche anno… poi non posso dire altro”.

Sei mamma di Sole, una splendida bambina. Come gestisci il ruolo di madre a quello di attrice? 

“A volte è complicato. Ovviamente è un lavoro di squadra con il mio compagno Samuele Sbrighi , con mi madre e con la baby sitter. In ogni caso cerco di essere il più presente possibile”.

Hai un regista preferito? 

“Gabriele Muccino. Con lui mi piacerebbe lavorare perché ha dimostrato nonostante le tante critiche , di essere un ottimo regista”.

In poche parole, chi è Sara Zanier?

“Una ragazza affabile e caparbia. Una che non si mette mai in competizione ma che cerca di svolgere al meglio i compiti che la vita ci da ogni giorno”.

Grazie mille Sara. 

“Grazie a te, Simone e auguri di buon anno a tutti i lettori di GP Magazine”.


Your Comments

0 Responses to Sara Zanier: “Sogno di lavorare con Gabriele Muccino”



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000