Stella Manente: Una modella nel firmamento italiano


    STELLA MANENTE

Gli atelier di moda, gli showroom dei grandi marchi. Ma anche la televisione, con un reality che l’ha recentemente vista protagonista. E poi, ancora, i concorsi di bellezza, le finali di Miss Italia e i servizi fotografici che l’hanno portata a girare mezzo mondo

di Alberto Terraneo

Stella Manente non è ragazza abituata a star ferma. Dal suo Veneto si è trasferita a Milano come scelta di lavoro, “perché qui è il centro della moda”, e da qui è ripartita centinaia di volte per mettere la sua immagine a disposizione di vestiti, moda mare, pigiami, intimi, articoli sportivi. “Chi semina raccoglie, e il mondo della moda non fa eccezione” racconta con quel sorriso che non manca mai. Capello biondo, occhi color del mare, 183 centimetri di altezza. Insomma, una ragazza così, come potrebbe non svettare in questo mondo…

E difatti a breve sarai…

“La madrina ufficiale del festival del cinema di Capri, affiancata da Pascal Vicedomini, presidente del festival del cinema di Holliwood. A fine ottobre invece sono stata la presentatrice della fiera sposi di Napoli. Insomma, è un momento importante della mia vita”.

E tu, a 24 anni, sei sempre più sulla cresta dell’onda.

“Ho iniziato da piccola: prima i concorsi di bellezza, poi le fotografie, i cataloghi, le sfilate e da qualche anno gli spot pubblicitari e il cinema. Il segreto è essere imprenditrici di se stesse.  Il fisico, però, è dalla tua parte. A volte mi consigliano di sembrare più stupida perché in questo mondo, a volte, essere troppo intelligenti e sveglie gioca a sfavore. La Moda è un teatro e, come sul palco di un vero teatro, bisogna imparare a recitare! Senza cervello non si va lontani”.

E tu di strada ne hai fatta. Partiamo dalla tv.

“Ho presenziato a numerosi programmi nazionali, condotto trasmissioni a livello locale, sono stata intervistata per tante iniziative che mi hanno vista protagonista. E poi ancora: pubblicità di prestigio con Wella o Chateau d’Ax e con tante altre aziende italiane”.

Ma il feeling con lo schermo rimane.

“Da ultima, pochi mesi fa, un reality su un network nazionale dopo aver conquistato la prima serata di Rai e Mediaset per alcuni degli spot girati. Attualmente sto studiando teatro al Centro Teatro Attivo di Milano, con una grande artista dal nome Nicoletta Ramorino. Ecco, anche il teatro mi piace tantissimo”.

Passo successivo: la moda.

“Ho lavorato negli show room di Elena Miro, Motivi, Over, Luisa Viola, For You by Krizia, Diana Welsh, Luisa Viola e Fiorella Rubino. Vogue mi ha dedicato un servizio. Insomma, anche qui tanta carne al fuoco”.

E infine l’ambito fotografico.

“Dal 2011 ad oggi, ho realizzato decine di shootings professionali. Ho avuto l’onore di lavorare con aziende del calibro di Vogue, Framesi, Risskio Italia, Rosy Garbo sposa, Venetian Beauties, Espritnouveausposa, collaborando poi con fotografi di livello internazionale”.

Ci sarebbe da ricordare anche qualche concorso di bellezza che ti ha visto protagonista!

“Oltre a Miss Italia, mi sono classificata nelle prime posizioni di Miss mondo Italy, Miss Universo, Miss Padania, Miss Nord Est, Miss Alpe Adria”.

Ma Miss Italia… è Miss Italia!

“Miss Italia non fa guadagnare, ma crea una rete di contatti davvero straordinaria e permette di superare il panico da pubblico! Certo, tutto ha un suo tempo, ma sulla passerella dei concorsi ho imparato a sfilare per davvero. Insomma, se volete fare le modelle o le fotomodelle, lasciate perdere Facebook, puntate una città come Milano e datevi da fare”.

Una carriera che ti sei sudata.

“Ho lavorato dopo essermi diplomata in Fashion Designer, mi sono rimboccata le maniche! Sono stata per alcuni mesi in uno show-room di alta moda a prendere le misure ai clienti e a progettare su carta un abito pronto per le loro esigenze, ma anche a rispondere al telefono e a scopare per terra i fili! Ma qualcosa non andava perché mi rendevo conto, dentro di me, che stavo lavorando per beneficenza e non stavo crescendo né economicamente né professionalmente”.

Eppure la passione per la moda ti spinge a guardare il futuro in un modo diverso.

“Il mio sogno è sempre stato quello di realizzarmi come stilista, per cui da anni ho deciso che fosse il caso di smetterla di lavorare per qualcuno e di impegnarmi a produrre i fondi per aprire la mia casa di moda a mio nome. Ecco, questo è il mio sogno”.

Detto da te, che di bellezza ed eleganza te ne intendi.

“Diciamo che ho un armadio infinito, mi piace osare quando scendo per strada e di sicuro non passo inosservata. Odio i jeans e le scarpe da ginnastica, penso che tutto debba essere ricercato. Se trovo un capo di abbigliamento che mi colpisce lo prendo, poi decido con cosa abbinarlo”.

Fatiche arricchite da tante soddisfazioni, dove alla base c’è il sacrificio per avere il tuo fisico.

“Un sacrifico che è diventato, ahimè, il mio stile di vita. Mangio sano, faccio sport, bevo molto e mi curo ogni giorno capelli, unghie e pelle. Questo aumenta l’autostima e ci fa sentire bene con noi stesse. Essere trascurate e lasciarsi andare è una strada che porta fuori binario. Non serve stare a digiuno o fare 3 ore di palestra, basta amarsi e rispettarsi”.

Guardiamo oltre: dove ti vedi tra dieci anni?

“Difficile dirlo, azzardo due ipotesi. O a capo di un’azienda, mamma di un figlio, con un’equipe di sarti e modellisti che portano avanti il mio marchio. Oppure dipende tutto dalla scuola di Recitazione che sto seguendo! È una grande esperienza che spero possa portarmi in ambiti finora inesplorati e chi lo sa? Magari a girare un film ad Holliwood. Del resto si sa, sognare rimane sempre una poesia”


Your Comments

0 Responses to Stella Manente: Una modella nel firmamento italiano



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000