Una giornata speciale: Giulia Vischi


    una giornata speciale 2 giulia vischi

Prosegue il nostro contest ideato dall’ex modella e fotografa Adriana Soares. Questa volta tocca ad una giovane modella “prestarsi” per questo shooting indossando gli abiti di Gianni Sapone Couture

di Adriana Soares

“Una Giornata Speciale”, volto alle ragazze della porta accanto. Questo mese però abbiamo scelto Giulia Vischi, una modella bellissima della Glamour Model Management. Motivo? Un grande stilista come Gianni Sapone Couture la adora, e non poteva fare altrimenti… Come dargli torto? Le sue creazioni sono animate di vita propria, come se una strana magia li tenesse in vita. Come se della polvere di fata fosse stata soffiata sopra. In fondo tutti abbiamo bisogno della polvere di fata per sorridere un po’ più spesso e vedere il bello che ci circonda. Così, per questo mese abbiamo scelto una modella stupenda, perché Gianni è affezionato a lei. Giulia è una ragazza bellissima e di una dolcezza incredibile. Non vado contro la filosofia del concorso, anzi è democratico. E lei con tanto entusiasmo ha posato per noi. E così la magia di Gianni Sapone prende vita e calore. La parola alla splendida fanciulla. Alla fine ho lasciato che parlasse liberamente… Eccola:
“Ho deciso di propormi a questo Contest perché ammiravo molto l’idea di poter vedere su riviste importanti come GP Magazine, semplici donne della vita quotidiana. In più che donna potrebbe mai resistere ad indossare un abito di classe e dal grande estro come quelli di Gianni Sapone? Io no di certo. Mi aspettavo – dice Giulia – un ambiente molto teso, invece mi sono subito trovata bene, grazie alla professionalità dell’equipe e in più mi sono anche divertita”.
Che esperienza è stata?
“La giornata dello shooting è stata una delle giornate più belle ed emozionanti che io abbia mai vissuto. Ero tutta elettrizzata e allo stesso tempo impaurita, avevo paura di non essere all’altezza degli abiti e della bravissima fotografa Adriana Soares, Ho messo tutta me stessa in questi scatti e spero che siano venuti bene. O almeno che sia riuscita a trasmettere la magia di quegli abiti”.
Cosa hai provato quando hai ricevuto la conferma per fare questo servizio?
“Ero talmente felice che riuscire a spiegare come mi sono sentita in quel momento non sarebbe facile. Era un mix di gioia, paura, felicità, entusiasmo, soddisfazione, un cumulo di sensazioni difficili da separare”.
Dove sei nata e dove vivi?
“Sono nata a Milano ma vivo a Tivoli, una città vicino Roma, da molti anni, praticamente da sempre. Ho 17 anni e faccio il quarto anno di ragioneria”.
Giulia, parlaci un po’ di te.
“Sono una ragazza ‘alla mano’, amo viaggiare conoscere nuovi posti, tradizioni e fare nuove esperienze. Mi considero solare e sopratutto testarda. Non mi do facilmente per vinta. Fin da quando ero piccolina ho sempre sognato di poter indossare un abito di alta moda e magari sfilare su importanti passerelle, fin da quando di nascosto mi mettevo le scarpe alte di mia mamma”.
Cosa farai prossimamente?
“Ora dopo la pubblicazione spero di averne altre, mi concentrerò in tutto e per tutto su questo mondo che mi incuriosisce e mi affascina. Se una giornata sola ha suscitato in me grandi cambiamenti ed emozioni, immagino mille giornate così…”.
Consiglieresti l’esperienza di questo contest?
“Beh, consiglio questo contest a tutti i ragazzi e le ragazze che almeno per un giorno vogliano sentirsi più che speciali, poi magari chissà, rimarranno incuriositi come me da questo ambiente. Per quanto mi riguarda vivrei questa giornata, ogni volta se fosse possibile”.


Your Comments

0 Responses to Una giornata speciale: Giulia Vischi



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000