Valeria Graci


    _valeriagraci

“Sogno De Niro e Meryl Streep”.

E’ una delle protagoniste dell’ultime cinepanettone “Vacanze a Cortina”. Per lei si chiude un 2011 eccezionale che ha visto la nascita di suo figlio

di Costanza Cambriani

Classe 1980, milanese di nascita e romana di adozione. Valeria Graci ha le idee chiare e il suo desiderio di fare l’attrice la porta a 18 anni a frequentare l’Accademia dello Spettacolo di Milano, diretta da Luca D’Amico. Da questo momento la carriera di Valeria inizia a prendere la strada da lei tanto voluta. Molto teatro, tra cui ricordiamo il “Rocky Horror Picture Show” per quattro stagioni, e tante soddisfazioni, fino ad arrivare al 2001, anno in cui Valeria inizia il suo sodalizio artistico con Katia Follesa. Il feeling che si instaura tra le due attrici le porta a calcare palcoscenici  ambitissimi ed a riscontrare un fortissimo ritorno da pubblico e critica.

Ma L’ambizione di Valeria cresce insieme a lei e il mondo del cinema le riserva tantissime sorprese. Recita infatti in “Ex2” al fianco di Anna Foglietta e Alessandro Gassmann, diretto da Carlo Vanzina; Paolo Costella la vuole in “ Baciato dalla Fortuna” al fianco di Vincenzo Salemme; la nuova serie tv “E.band”, in onda al momento su Disney Channel; fino ad arrivare al nuovo cinepanettone “Vacanze a Cortina” dove la Graci  è protagonista dell’episodio insieme a Ricky Memphis.

Il 2011 è stato un anno pieno di avvenimenti e di cambiamenti. Qual è stato quello che ti ha dato maggior soddisfazione?

“Sicuramente la nascita di mio figlio è stato l’avvenimento più clamoroso della mia vita, non solo del 2011! E allo stesso tempo anche il cambiamento più marcato. È l’emblema rappresentativo di come muta la vita e il modo di pensare di una persona. Anche sul piano lavorativo le soddisfazioni sono state molte, il mettermi in gioco da sola è stata una sfida ed un desiderio che mi ha regalato tantissime emozioni”.

Il sodalizio con Katia Follesa riguarda il passato ormai, o vi rivedremo presto insieme?

“Non lo so. Posso dirti solo che ci sono determinate cose che voglio fare io, da sola,  per crescere in prima persona. Certo se mi venisse prospettata l’ipotesi di affiancarmi a qualcuno non potrei farlo con nessun altro se non con lei. È come se fossero due percorsi paralleli. Lei per prima ha avuto il desiderio di esprimersi come singola entità, ed anche io appoggio e condivido questo percorso”.

Com’è avvenuto il passaggio dal palcoscenico al set cinematografico?

“Fin da piccola sognavo di fare l’attrice ed ho messo tutta me stessa per realizzare questo mio desiderio. Il passaggio è stato semplice: ho trovato un bravo agente. Il resto è venuto tutto naturale. Bisogna però avere anche  la fortuna di trovarsi al posto giusto nel momento giusto con le persone giuste”.

Il cinepanettone ti vede tra le protagoniste. Che esperienza è stata?

“Con Ricky Memphis siamo protagonisti dell’episodio che vede una coppia ‘buona’ ed una ‘cattiva’. Mi sono divertita ed è stata un’esperienza che mi ha dato molto. Il bravo attore deve saper fare tutto, sia cinepanettoni che altro. Il bagaglio di esperienze te lo fai sul campo”.

Nel tuo percorso hai lavorato con grandi del cinema italiano. Ti sei mai intimidita?

“Gli attori più grandi sono spesso i più umili. Ho avuto l’onore di lavorare con Remo Girone, una persona semplice. Anche Raffaella Carrà, benché sia la più grande della televisione italiana, è una persona tranquilla e pacifica con la quale è piacevolissimo lavorare. Poi magari ti ritrovi a lavorare con persone che non sono nessuno e se la ‘tirano’ come non mai”.

Con chi ti piacerebbe lavorare in futuro?

“Ferzan Ozpetek. E’ un regista turco famoso su tutto il panorama internazionale, che io amo alla follia. Castellitto è un altro dei miei sogni. Poi se mi dici di volare alto ti dico De Niro e Meryl Streep”.

Un figlio piccolo, un compagno ed una carriera avviata. Come fai a fare tutto?

“Ho due nonne meravigliose ed una baby-sitter. Mi aiutano molto e ci dividiamo i ruoli. Mia madre mi dice sempre che sono super-fortunata, ai tempi suoi le cose erano diverse, ed obbiettivamente ha ragione. Magari rinuncio a gratificarmi in qualcosa pur di avere una persona vicino che possa darmi una mano a vivere il tempo con i miei cari nel miglior modo possibile”.

Come ti vedi tra dieci anni?

“Con altri due bimbi, con i miei affetti vicino e con tante altre soddisfazioni nel lavoro. Insomma felice”.

Chiudiamo con una battuta?

“Ho rivisto proprio pochi giorni fa un video mio e di Katia dove facevamo la paradia di ‘Uomini e Donne’ e mi sono fatta due risate nel pezzo in cui Katia mi dice: ‘Valeriana fatti furba, fidati fatti furba!’. Ed io: ‘No no, io sono castana e mi piace castana!’.

 


Your Comments

0 Responses to Valeria Graci



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000