Veronica Loi: Una vita da influencer


    veronica-loi-2

Il suo sogno è lavorare in televisione. Intanto è già una donna di successo grazie ai social, dove ha messo in fila ben oltre 130.000 follower

Una vita nel mondo della fotografia. Moda, set e social sono il suo pane quotidiano, in attesa di sbarcare in televisione. Quella di Veronica Loi è la vita sotto i riflettori di una ragazza che, alla faccia dell’apparenza, vive di valori, di poche fidate amicizie e di una timidezza che agli occhi di chi non la conosce può persino farla apparire altezzosa. Invece, la sua è una quotidianità fra studio e lavoro, fra nuove proposte e collaborazioni che le arrivano ormai da ogni parte d’Italia. Bellissima, fisico da far invidia e sguardo dolcissimo, in tasca ha una laurea in marketing in comunicazione. Insomma: oltre alle gambe c’è di più. Molto di più. Una carriera tutta in crescendo che presto potrebbe portarla nel piccolo schermo. Dalla sua Toscana ha scelto di investire su se stessa, sbarcando a Milano e giocandosi le proprie carte nel “regno” dei social, delle influencer, della moda e delle campagne pubblicitarie. Un crescendo di popolarità che è andato di pari passo col boom registrato sui social, dove ha spopolato fino ad arrivare a quota 130mila follower. “Dopo la laurea e alla fine di un grande amore ho deciso di inseguire uno dei miei più grandi sogni che era quello di viaggiare: avevo bisogno di visitare luoghi mai visti e uscire da quel piccolo “mondo” che ormai mi stava troppo stretto” racconta Veronica, che per piacere e per lavoro ha avuto la fortuna di girare mezza Europa e spostarsi fino a Miami. Insomma, tante esperienze che l’hanno formata e segnata… e che presto potrebbero portarla in tv. “Attualmente la mia base è Milano, città che mi permette di lavorare maggiormente nel campo della moda, della fotografia e in televisione; ma non nego che sto già pensando alla prossima metà…”.

Com’è iniziata questa avventura?

“La professione da fotomodella è iniziata quando ero molto piccola e se devo esser sincera non per mia volontà: come ho già detto io sono una persona molto timida, mia madre mi accompagnava e ‘costringeva’ a partecipare ad ogni casting di moda e in tv. Ho fatto delle pubblicità da piccola come Lelly Kelly e altre apparizioni, partecipato a sfilate a Firenze durante la manifestazione Pitti bimbo”.

Poi gli anni sono passati…

“Ed ho avuto il classico periodo di ribellione adolescenziale e mi sono rifiutata di partecipare a qualsiasi tipo di casting, anche perché praticavo nuoto a livello agonistico ed era un lavoro per me. Continuavo a ricevere proposte per partecipare a concorsi di bellezza, i miei mi iscrissero persino al concorso di Miss Italia a 18 anni al quale non partecipai”.

Poi, però, la ruota gira.

“Dopo un breve periodo sabbatico ripresi la mia attività da fotomodella, ho fatto campagne importanti che mi hanno portato alla ribalta nel campo dello spettacolo. Un mondo nel quale ‘sguazzi’ perfettamente a tuo agio. Un’altra mia grande passione è la moda: seguo le sfilate, le nuove tendenze, leggo riviste, blog, prendo spunto da differenti pagine web, da profili Instagram di top model che sono per me delle icone. Il trucco è essere sempre un passo avanti a qualcun altro, sfoggiare qualcosa che nessuno ha il coraggio di mettere, fare abbinamenti nuovi, particolari e soprattutto personali. Odio le copie delle copie delle copie. L’originalità è la chiave per il successo”.

Sulla base di questa filosofia, ecco il boom su Instagram.

“Ho iniziato da poco l’attività di influencer sui social network dal momento che la mia attività nella moda e con i fotografi mi ha sempre messo in contatto con brands sempre più numerosi ed emergenti alla ricerca di pubblicità e visibilità; così è nata la prima collaborazione mesi fa… Mi diverte perché amo ricevere sempre nuovi capi, fotografarli fare video promuoverli e rispondere a tutte le domande dei miei followers”.

Come te la cavi con la tv?

“Ho fatto piccole apparizioni ma attendo news! Incrocio le dita, non mi dispiacerebbe condurre un programma televisivo in futuro”.

Che persona sei lontana dai riflettori?

“Credo di essere una ragazza molto semplice, alla mano. Può sembrare il contrario, il mio esser silenziosa e riservata mi fa apparire altezzosa e con la puzza sotto il naso ma in realtà sono una persona molto timida e credo che il mio peggior difetto sia quello di non credere in me stessa e la poca autostima mi ha purtroppo penalizzato”.

Caratterialmente chi è Veronica Loi?

“Amo stare in compagnia, ridere e condividere il mio tempo libero con le persone che amo, fare scherzi, giocare: credo che la vita sia fondamentalmente un gioco e il trucco per vivere sereni sia non prendere tutto troppo seriamente, agisco di petto, mi butto ogni giorno in nuove avventure, esperienze, lavori, viaggi e il mio istinto mi guida in ogni mia pazzia. Si forse sono un po’ pazza e incosciente ma tutto quello che ho ottenuto grazie a questo sono cose che ricordo con il sorriso e non ho rimpianti in merito”.

Hobby e passioni?

“Amo la musica, il ballo la fotografia, amo scattar foto, anche se ultimatemene sto trascurando questo mio hobby ho in passato frequentato dei corsi di fotografia che mi hanno consentito di migliorare la tecnica. per cui un giorno finita la professione da fotomodella potrei passare dal lato opposto della fotocamera… chissà!”.

CONTATTI SOCIAL

Instagram

Veronik_

https://www.instagram.com/veronik_/

Facebook

Veronica Loi

https://www.facebook.com/veronica.loi1

Pagina facebook

Veronica Loi

https://www.facebook.com/VeronicaLoiOfficial/


Your Comments

0 Responses to Veronica Loi: Una vita da influencer



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000