Ylenia Antonelli: Una giornata speciale


    _DSC1725

E’ con la bellissima Ylenia che continuiamo la nostra avventura: la numero quarantadue. Noi di GP Magazine insieme ad Adriana Soares, fotografa ed artista, abbiamo ideato un fashion contest che si rivolge ai ragazzi della porta accanto. Organizziamo per loro un servizio fotografico speciale di moda

di Adriana Soares

Parlaci di te.  

“Ho 22 anni, lavoro e studio. Sono una ragazza ambiziosa, razionale, simpatica e intraprendente. Sin da piccola il mio sogno è sempre stato diventare fisioterapista. Ho sempre amato il contatto con l’acqua e per questo ho fatto nuoto agonistico per 15 anni. Per me era tutto, non solo il rapporto con l’acqua ma anche l’odore inebriante del cloro. Ho dovuto abbandonare l’agonistica a causa di un incidente e questo mi ha segnata molto. A quel punto, ho deciso di seguire gli studi da fisioterapista. Ma lo studio non è mai stato il mio forte, quindi ho cambiato nuovamente percorso, anche grazie ad una proposta lavorativa interessante. Così a 19 anni mi trovo a far parte di un’agenzia investigativa… Eh sì avete capito bene, la mia professione è quella di investigatrice privata. Per questa ragione mi sono iscritta a Scienze per l’Investigazione e la Sicurezza. Lavoro che suscita moltissimo interesse e ad oggi è diventata la mia professione e ne sono molto più che felice”.

Ti piace la moda? La segui? 

“Oltre a seguire il nuoto agonistico, mi è sempre piaciuto il mondo della moda. Quando vedevo le sfilate in tv dei grandi stilisti italiani e non, mi si accendeva una lampadina dentro: avrò mai l’occasione di lavorare per una agenzia di moda? Lo spero proprio”.

Ti piaci come sei?  

“Sono una perfezionista, tengo molto al mio fisico e sono  la prima critica di me stessa. Dopo il nuoto non sono certo rimasta con le mani in mano, pratico palestra per mantenere il mio fisico al top della forma. Quindi mi piaccio!”.

Fai un lavoro interessante. Cosa ti ha spinto a farlo? C’è un motivo in particolare? 

“Come dicevo prima, è partito tutto da una semplice proposta e posso dire che, ad oggi, per quanto mi possa piacere questo lavoro, la mattina mi alzo dal letto con il sorriso per andare a lavorare, anche se magari so che dovrò farlo per sedici ore. Penso che questa sia la cosa più importante. Mi sono tolta molte soddisfazioni. È un lavoro che devi amare, perché altrimenti al giorno dopo non ci arrivi, non hai orari. Alcune volte neanche una vita personale, appunto, perché potrebbe portarti ad uscire la mattina presto e tornare la sera tardi. Non esistono né venerdì né sabati e né domeniche; quando arriva il week end è come se fosse un giorno lavorativo normale. Insomma, quando il lavoro chiama devi essere la prima ad essere pronta! Posso dire che è la mia passione”.

Progetti per il futuro? 

“Vivo giorno per giorno, un lavoro che amo ce l’ho, fortunatamente non mi è mai mancato nulla dai miei genitori, che stimo moltissimo per tutti i sacrifici che hanno fatto per me. Quindi cosa mi aspetta per il futuro non lo so, ma neanche lo voglio sapere, spero solo che alcuni sogni e progetti che ho nel cassetto non rimangano chiusi lì ma che prima o poi si realizzino”.

Cambieresti paese per seguire un tuo sogno? 

“Assolutamente sì, fino ad oggi non ho mai avuto un’occasione simile, ma se dovesse capitarmi non ci penserò su due volte.  A quel punto dovrò fare i conti con me stessa e con la mia vita e penso che fin quando non mi capiterà un’occasione tale da poter dire, ok cambio vita, non posso saperlo con certezza”.

Esiste un sogno tanto grande per cui valga la pena lottare per poterlo realizzare?  

“Sì certo. fino a ieri non ci credevo moltissimo, ma grazie al tuo corso di portamento, alle tue idee e alle tuoi opinioni ho capito che nel mondo della moda potrei fare qualcosa e che per questo devo credere più in me stessa. A tal proposito, colgo l’occasione per ringraziarti di tutto ciò che hai fatto per me, dal corso di portamento al book fotografico… sei una persona veramente speciale sia in ambito lavorativo che personale. Di certo non si incontrano persone come te tutti i giorni, ed avere avuto questa occasione con te è stata veramente una grande gioia. Due parole: sei una grande persona dentro e fuori! Grazie di tutto”.

Wow! Grazie per i complimenti Ylenia. Ultima domanda: cambieresti qualcosa nella tua vita?

“Guarda, sinceramente no. Di certo qualcosa si può sempre migliorare ma per fortuna ho solo 22 anni e di strada davanti a me ne ho molta da percorrere e spero di poterlo fare nei migliori dei modi”.


Your Comments

0 Responses to Ylenia Antonelli: Una giornata speciale



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000