Francesca Nobili: “Il mestiere di attore non lo si fa per se stessi”


    francesca-nobili-img_0063

Un’attrice bravissima e una persona simpaticissima. Il suo sogno è… lo scoprirete leggendo questa intervista.

di Lorella Lombardo

Ciao Francesca, è la prima volta che ti legge il pubblico di GP Magazine, raccontaci un po’ di te.

“Ciao, sono Francesca Nobili e sono un’attrice. Eh no, se vi state chiedendo la mia età… quella ad una donna non si chiede! Sono nata a La Spezia, però sono un po’ bolognese e un po’ londinese d’adozione e Romana per amore”.

Come nasce la tua passione per la recitazione?

“Mi ha sempre affascinata la recitazione, ma da bambina, all’età di quattro anni circa pensavo fosse un lavoro molto pericoloso (sorride), perché pensavo che gli attori morissero davvero”.

Quando hai deciso di fare il grande salto nella capitale?

“Più che grande salto l’ho vissuto come un periodo naturale di transizione avvenuto nel 2017. Vivo a Roma, stabilmente da tre anni, dove sulla carta diciamo che mi sono trasferita solo per lavoro”. (sorride)

Se dovessi definirti con un aggettivo, quale sarebbe e perché?

“Prolissa, perché ritengo di non avere il dono della sintesi”.

Il progetto lavorativo che ti è rimasto nel cuore?

“Senza dubbio il primo film che ho girato. Ricordo che era una produzione indipendente e dal titolo ‘Sestnaest’. Ero una delle protagoniste e interpretavo questa donna dal carattere forte e particolare che desiderava fare l’attrice, ma che sfortunatamente non riusciva ad ottenere nulla se non delle pubblicità di pessimo gusto”.

Un regista con il quale vorresti  lavorare?

“Assolutamente Quentin Tarantino, per lui sarei disposta a interpretare anche parte della scenografa. Scherzo, si fa per dire”.

Quando ti rivedremo in scena?

“Mi rivedrete presto in scena con due spettacoli diversi. Uno è già in giro in maniera itinerante  e prende il titolo di ‘Super Market Fobia’ ed è una commedia in ‘quattro portate’. Si parla di coppia, mangiare e mangiare in coppia. Si inizia con l’assaggiarsi, si finisce col divorarsi… e per scoprire le nuove date potete seguirci sulla nostra pagina Facebook! Il secondo andrà in scena dal 14 al 19 aprile a Teatro Trastevere e si intitola ‘Phoenix’, io interpreterò Chloe Baxter una giovane giornalista ossessionata dallo scoprire quale verità si cela, 40 anni dopo, dietro la misteriosa morte del cantautore icona Alan Phoenix”.

Qual è la missione dell’attore?

“L’attore deve avere nel suo cuore la volontà di intrattenere il pubblico, suscitare dell’interesse e, perché no, riuscire a strappargli un sorriso. Se non c’è questa volontà, lo si può fare semplicemente per se stessi”.

Progetti futuri?

“Oh cielo, ma scherzi? Non si dice, per scaramanzia”.

Un saluto ai nostri lettori.

“Ciao a tutti ‘belli de casa’, alla prossima!”.


Your Comments

0 Responses to Francesca Nobili: “Il mestiere di attore non lo si fa per se stessi”



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000