05/21/2024
HomeTempo libero e tecnologieArianna Dalla Zanna: Imprenditrice “frontwoman” della Wine Cave srl

Arianna Dalla Zanna: Imprenditrice “frontwoman” della Wine Cave srl

di Lisa Bernardini –

Biondissima. E anche brava e bella: un binomio affatto scontato. Lei è Arianna Dalla Zanna, Amministratore Unico di WineCave srl, azienda leader nel settore delle cantine climatizzate per vini. WineCave è dal 2013 che importa e distribuisce i prodotti del rinomato marchio EuroCave su tutto il territorio italiano.
Arianna ha una sorella, Roberta, socia e dedita all’Amministrazione dell’azienda. Completa la società Massimo Baldessarini. L’azienda WineCave S.r.l. ha sede a Saltrio, a pochissima distanza dal confine Svizzero. La intervistiamo al telefono, in una delle brevi pause che si concede nelle sue intense giornate lavorative.
Arianna, ci parli dei trascorsi professionali della sua famiglia.
“La grande passione che la mia famiglia nutre per il vino, e per l’immensa cultura che lo circonda, ci ha portati a scegliere di diventare importatori e distributori di uno dei più autorevoli marchi in fatto di conservazione, maturazione e servizio del vino, sia per uso domestico che professionale. WineCave è, prima di tutto, un’azienda di famiglia. Nasce per volontà di nostro padre, nel 1995, e nel 2013 il timone passa a noi due. Abbiamo aperto la nostra azienda, iniziando io e Roberta l’avventura con EuroCave, che ha continuato a darci fiducia, considerando l’ormai quasi ventennale rapporto e conoscenza con nostro padre. Sorelle e compagne di avventura, alla ricerca di chi ami il vino come noi. All’origine nasciamo grazie al precedente rapporto intrapreso tra nostro papà e la EuroCave, a seguito di un incontro avvenuto tra lui ed il suo ex socio che lui stesso ai tempi importava EuroCave principalmente nella zona dell’Alto Adige (perché in contatto con l’importatore austriaco). Da questa occasione mio papà ed il suo ex socio, entrambi da anni nel settore dell’enologia, si sono messi insieme e hanno iniziato a distribuire EuroCave per il mercato italiano”.
Di cosa si occupa lei, e di cosa sua sorella?
“Terminati i miei studi (modellismo e addetta alle vendite in una scuola regionale), nel 2002 ho iniziato a lavorare con mio padre, seguendolo ovunque. In fiere, contatti con clienti, manifestazioni. Il suo allora era un lavoro prettamente commerciale, decisamente diverso dai tempi odierni, contaminati dall’impronta fondamentale del marketing. Le mie specificità in azienda sono trasversali. Mia sorella Roberta, invece, ha una formazione scolastica di segreteria d’azienda ad indirizzo turistico, ed ha conosciuto il mondo del lavoro nel settore metalmeccanico, accumulando un’esperienza decennale in ufficio acquisti presso un’azienda che produceva motocarri. Arrivata nella nostra azienda nel 2005, oggi si occupa dei lavori d’ufficio ed è responsabile del campo amministrativo”.
EuroCave è un marchio storico nel settore?
“Sì: un rinomato marchio francese. Storico, artigianale, di qualità. Non si riferisce solo ad un marchio di attrezzature e strumenti per appassionati e professionisti del vino, ma è il nome di chi, prima di tutti, ha inventato il concetto di armadio climatizzato per vini”.
Come siete arrivati alla scelta di seguire EuroCave?
“La prima cantinetta-armadio climatizzato per vini di questo marchio risale al 1975. Inoltre, è un marchio che fa della artigianalità, della precisione e dell’alto valore prestazionale tre parole chiave imprenscindibili. Senza dimenticarsi – e non è cosa di poco conto – della cornice estetica, di grande pregio. Tutti elementi che abbiamo sposato appieno anche noi”.
Che materiali sono utilizzati nei vostri prodotti?
“Di primo livello, e tutti esclusivamente di origine Europea. E fanno parte del successo di questo marchio anche i rapporti di fiducia tra produttore e consumatore, fondati sulla durabilità degli strumenti EuroCave. I prodotti a marchio EuroCave – nati da un’intuizione di René Martin e costruiti attorno alla competenza, all’esperienza e ai saperi della tradizione vitivinicola francese – si rivolgono sia al mercato dei privati, sia al mondo dei professionisti del settore Ho.Re.Ca”.
Vi ritenete un’Azienda green?
“Sotto un certo punto di vista, sì. EuroCave è molto attenta alle leggi Europee e si adegua ad ogni normativa, utilizzando trattamenti specifici, gas a basso impatto ecologico e con un occhio attento ai consumi energetici anche se qua non basterebbe un’intervista per spiegare bene la differenza tra consumi e classi energetiche”.
In che tipologie si possono dividere i prodotti che vendete? A che tipo di clientela vi rivolgete?
“I nostri clienti sono sia nel privato che nell’alta ristorazione. Normalmente sono clienti di nicchia alto-spendenti, amanti del vino, del buon bere, dell’arte di vivere. Gente appassionata anche di design, moda, arte e cultura, ma abbiamo anche una linea per gli appassionati, che vogliono EuroCave, ma di fascia più ‘premium’”.
Ci descrive una sua giornata tipo?
“E’ molto piena. Mi occupo a 360°C dell’azienda. In questo periodo ci stiamo tra l’altro strutturando. Principalmente preferisco occuparmi del marketing, essendo una persona amante dell’arte e della creatività oltre che del vino, tant’è che sono riuscita a fare della mia professione una passione! Ritengo sia fondamentale, per la credibilità da trasmettere ai clienti, avere una buona conoscenza del settore. Confesso che mi sento molto a mio agio con un bicchiere di vino, e mi risulta piuttosto naturale capirne la sua complessità o i suoi difetti”.
Il settore del vino conosce attualmente crisi di mercato?
“Sembra che oggi ci sia un mercato di investimento nel settore del vino. D’altronde basti vedere ad alcuni produttori ed al valore dei loro vini già nelle annate più recenti”.
Per conoscere meglio l’Azienda, potete consultare il sito ufficiale www.winecave.it

Condividi Su:
Amilcar Moret Gonzal
Beatrice Gherardini:

redazione@gpmagazine.it

Valuta Questo Articolo
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO