L’ascesa di Geppo: Dai social al palcoscenico


    geppo2

Simone Mercalli, ospite d’onore di Kickit, il più importante evento italiano dedicato alle sneakers e allo streetwear, ci parla di come nasce questa sua passione

di Stella Maresca

Il nome Geppo nasce dalla passione di Simone per il protagonista di un fumetto molto famoso nato negli anni ’60 e portato al successo per quasi  quarant’anni.

Con il suo carattere poliedrico e solare e il suo spirito di eterno fanciullo, Geppo ha da sempre animato feste e serate con parenti e amici raccontando barzellette, una passione che coltiva sin da piccolo collezionando libri di barzellette e immedesimandosi nelle stesse fino quasi a farle vivere in prima persona. Abilità di interpretazione, minuziosa cura dei particolari accompagnata da una spontanea e genuina gestualità ed espressione, rappresentano gli ingredienti principali di questo artista e barzellettiere che ha fatto dei social network il suo primo canale di intrattenimento, riuscendo a coinvolgere e divertire un pubblico di tutte le età. Da qui nasce il suo motto “ridi… è gratis”, che simboleggia la passione e dedizione di Geppo di regalare una sana risata giornaliera, anche se per pochi minuti, postando il suo infinito repertorio di barzellette sulla pagina Facebook e sul canale YouTube Geppo Show, che ad oggi ha 87.500 iscritti ed oltre 48 milioni di visualizzazioni. Nel 2015 Geppo arriva al talent show “Tu Si Que Vales” raggiungendo unanime consenso del pubblico e della giura aggiudicandosi un riscontro più che positivo. Questo gli permette l’ingresso a “Domenica In” come comico fisso.

Il vero debutto di Geppo come comico inizia nel 2016 portando per la prima volta live uno show tutto incentrato sul suo personaggio al teatro Auditorium della Conciliazione, ottenendo sold out e straordinario consenso. La sua attività di comico prosegue e nel 2017 porta un nuovo spettacolo “Mi basta un Wi Fi” presso il Teatro Marconi, intervallato nel corso dell’anno da diverse serate ed eventi realizzati in tutta Italia, isole comprese. A novembre del 2017 entra a far parte del team di Dimensione Suono Roma con la conduzione, assieme a Ignazio Failla, dello show mattutino “La Sveglia dei gladiatori”, in onda dalle 6 alle 9 tutte le mattine dal lunedì al sabato. Lo show radiofonico si afferma da subito come campione di ascolti e si presenta come contenitore di musica, energie e gag divertenti e veraci, dedicate alla Capitale e ideali per il risveglio dei romani. A dicembre dello stesso anno la grande opportunità come presentatore, assieme al collega Ignazio Failla, della conduzione della notte del Capodanno della Capitale presso il Circo Massimo, con un pubblico ad accoglierlo di oltre 80.000 spettatori.

Noi lo abbiamo incontrato a Kickit, il market italiano di sneakers e streetwear più importante d’Italia.

Simone ci vuoi parlare di questo tuo amore per le sneakers?

“Sono stato da sempre un appassionato di snekers, negli anni ’80 frequentavo spesso un negozio di Roma specializzato in abbigliamento Nike e Adidas. I primi modelli oltre ad essere poco conosciuti non erano certo a buon mercato; dopo alcuni anni il negozio chiuse e io rilevai in blocco il loro magazzino. Alcuni modelli li ho venduti altri invece li ho tenuti e conservati fino ad adesso.  Poi con il passare degli anni ho investito in questo settore somme maggiori, comprando i modelli più rari e particolari. Attualmente ho una collezione di 200 paia. Tutt’ora compro, vendo e scambio sneakers e grazie ai social network posso condividere questa mia passione con migliaia di persone, cosa di certo non possibile negli anni ’80 in cui gli intenditori ed appassionati erano in numero esiguo”.

Qual è la tua sneaker preferita?

“Sono legatissimo ad un  paio di Nike Air Force One Stephan Maze, aerografate a laser”.

Come sei arrivato a Kickit?

“Conosco Fabrizio e Simone Efrati da anni, il loro negozio ‘I Love Tokyo’ è un punto di riferimento fondamentale a Roma per tutti gli appassionati e di certo non potevo mancare un appuntamento così importante per tutti gli appassionati di streetwear”.


Your Comments

0 Responses to L’ascesa di Geppo: Dai social al palcoscenico



Post a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Username*


Email*


Blog / Homepage?


Comment*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

s

Cerca

Categorie

Archivio Giornali PDF


© GP magazine • Autorizzazione del Tribunale di Roma n.421/2000 del 6 Ottobre 2000