05/21/2024
HomeSpettacoloCrisula Stafida: “Mi piacerebbe interpretare un ruolo romantico. Ecco come ho scoperto l’amore per la recitazione”

Crisula Stafida: “Mi piacerebbe interpretare un ruolo romantico. Ecco come ho scoperto l’amore per la recitazione”

di Giulia Bertollini –

Determinata e ambiziosa, Crisula Stafida ha preso parte a diverse serie tv molto amate dal pubblico come Din Don e Una mamma all’improvviso. Alle spalle tanta gavetta tanto che Crisula ha lasciato la sua terra molto presto per studiare recitazione a Milano. Oggi però è riuscita a coronare il sogno di diventare un’attrice. In questa intervista, l’attrice ha parlato della sua carriera, dei ruoli che le piacerebbe interpretare in futuro e dei nuovi impegni televisivi.
Crisula, come ti sei avvicinata alla recitazione?
“La prima volta ho recitato sul palco di un villaggio turistico, mentre, da giovanissima, passavo le vacanze estive lavorando. È stato subito amore. Così, tornata a casa sono partita dal Trentino per andare a studiare recitazione a Milano. Ho trovato una casetta a Piacenza, dove gli affitti erano più abbordabili per una giovane ragazza. Facevo avanti e indietro da Piacenza a Roma quando avevo dei provini da fare e lavoravo al nord presentando eventi e partecipando a trasmissioni televisive (a “La sai l’ultima?” Ero nel cast fisso, ma facevo solo bella presenza). Poi sono arrivati i ruoli nelle fiction TV (i primi sono stati “Ris delitti imperfetti” e “Distretto di polizia 6”) e poi una gavetta lunga e veramente formativa per me”.
Qual è stato il momento di svolta della tua carriera? Tra i vari personaggi, c’è n’è uno in particolare al quale sei più legata?
“Se dobbiamo parlare di “riscontro” sicuramente con la saga tv “Din Don” mi sto togliendo delle belle soddisfazioni. E poi anche nella fiction “Una mamma all’improvviso” ho interpretato un ruolo molto divertente che mi ha fatta conoscere un po’ di più al pubblico. Sono molto legata anche al ruolo di “Angelica” co protagonista della fiction “Fragili” che vedremo in primavera su Canale5”.
Ora che hai raggiunto il successo, quanto è diversa la Crisula “personaggio pubblico” da quella che sei nella vita quotidiana?
“Il ‘personaggio pubblico’ esiste ben poco! Nel senso che frequento poco il mio ambiente lavorativo e difficilmente partecipo a eventi mondani. Mi piace fare le cose di sempre: stare con i miei affetti, sistemare la casa, fare la spesa, portare a spasso la mia cagnolina, fare (poco) sport e leggere. Quando non sto sul set insegno recitazione alle nuove leve, di tempo me ne avanza veramente poco, anche perché sono una dormigliona”.
C’è un ruolo in particolare che ti piacerebbe molto interpretare in futuro?
“In particolare no, mi piacerebbe interpretare ruoli ben scritti e ben strutturati…forse un bel ruolo romantico. Una storia d’amore contemporanea”.
Nel 2013 nel film di Federico Zampaglione sei apparsa senza veli. Aveva creato molto scalpore la scena saffica con Claudia Gerini. Siamo un paese ancora bigotto? Com’è stato recitare con Claudia Gerini?
“Siamo tutti bigotti con le vite degli altri. Claudia è molto simpatica e ricordo piacevolmente il film “Tulpa”. Un horror molto carino ispirato ai gialli anni 70. Io morivo in un modo tremendo, ma ci siamo divertiti molto sul set”.
Che cosa consiglieresti a chi vuole intraprendere il tuo lavoro?
“Passione, impegno, e tanta pazienza. E tenersi vicino un piano B per i momenti di fermo”.
L’Italia è piena di talenti cinematografici che non riescono a trovare i favori del pubblico. Perché secondo te?
“Ma perché siamo in tanti. E in tanti vogliamo fare questo lavoro tanto difficile quanto meraviglioso. Oltre al talento ci vuole anche un pizzico di fortuna, anzi, una bella manciata!”.
C’è qualche nuovo impegno televisivo all’orizzonte?
“Ci sono progetti che devono essere concretizzati. Nel frattempo devono uscire due episodi della saga “Din Don”, la miniserie “Fragili”, e la stagione 5 della sit com “Ricci & Capricci”. Direi che mi posso anche accontentare per ora”.

Condividi Su:
POST TAGS:
Elisa Mascia: La voc
Camilla Pandozzi: Un

redazione@gpmagazine.it

Valuta Questo Articolo
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO