02/08/2023
HomeSpettacoloSignora Gilda: La “seconda vita” di Diego Brunetti che fa divertire i social

Signora Gilda: La “seconda vita” di Diego Brunetti che fa divertire i social

di Silvia Giansanti –

La vestaglia rossa della nonna è stata la sua fortuna. Tutto è arrivato casualmente per Diego, alias la signora Gilda

Dietro la signora Gilda che sta riscuotendo un enorme successo sui social, c’è un ragazzo trentaseienne di nome Diego Brunetti, nativo di Rocca di Papa ai castelli romani. All’improvviso la su vita è stata stravolta e riempita da un personaggio in cui molte donne si riconoscono, ovvero la signora Gilda. Quante hanno continuamente i cosiddetti capelli dritti a forza di badare a figli e maritto, che di faccende domestiche non ne vogliono proprio sapere?A chi gli chiede cosa faccia nel tempo libero, risponde faccio Diego. Quella cosa iniziata per gioco sui social come un normale travestimento, ormai ha preso talmente tanto piede che non solo ha dovuto lasciare il lavoro che svolgeva fino a poco tempo fa, ma ha anche dovuto assumere un collaboratore fidato di nome Daniele, che lo aiuta a rispondere ai messaggi, a organizzare le serate oltre che a interpretare i figli nei video. Povero Daniele, con l’utilizzo dei filtri, lo fanno diventare proprio brutto! I followers sono in continua crescita. Gilda è davvero contagiosa e verace e la chiave del suo successo è determinata dall’utilizzo del dialetto “rocchiggiano”. Nessuno le si rivolge più in italiano.

Diego, leggendo alcuni commenti sui social, si deduce che la signora Gilda è anche terapeutica.

“Totalmente terapeutica. Tante persone hanno avuto un terribile trascorso alle spalle e quindi davanti ad un video di Gilda, dimenticano per un attimo il dolore e sorridono”.

Gilda tratta a suo modo alcune tematiche importanti. Ecco, affrontiamo il tema degli haters. Come reagisce questa signora ruspante?

“Grazie al cielo, ce ne sono stati pochissimi. Non bisogna stare zitti davanti a questi soggetti, ma bisogna metterli nella stessa condizione in cui vogliono che stiano gli altri. Sotto Gilda c’è uno stronzo come Diego in cui incappano e quindi poi si pentono”.

Quali attinenze ci sono tra Diego e Gilda?

“Sono caratterialmente uguali, l’unica differenza è che Gilda è una mamma. Il nostro messaggio arriva diretto senza mezzi termini, ragioniamo alla Funari”.

Quando è nata Gilda?

“Dopo il lockdown, Gilda è nata per caso e mi ha cambiato la vita, nel senso che mi ha totalmente assorbito come lavoro dietro”.

Nel passato gravitavi nel mondo dello spettacolo o eri estraneo?

“Ho ballato per tanti anni il latino americano. Inoltre per quanto riguarda canto, recitazione e doppiaggio, mi sono sempre mosso da autodidatta”.

Che lavoro svolgevi?

“Ho sempre avuto una predisposizione alla vendita. Ho lavorato anche in un call center”.

Da dove hai preso l’ispirazione per il personaggio?

“Dalla mia mamma. E’nato tutto per un presa in giro a mia madre. Da poco era venuto a mancare il mio papà . Io vivevo a Roma e mia nonna nel frattempo è stata ricoverata in una struttura perché bisognosa di continua cure. Così mi sono trasferito nella casa che era rimasta vuota. Quella vestaglia rossa che si vede nei video e che ho trovato in quella casa, la utilizzavo veramente in quanto a Rocca di Papa fa freddo. Ho trovato anche una parrucca in un ripostiglio. Per gioco ho iniziato a postare video e da lì è partito tutto”.

Quando produci i video urlando e imprecando contro i figli, i tuoi vicini di casa si mostrano disturbati?

“No, no. Anzi si divertono. Il caso vuole che la figlia di Gilda si chiami Flavia, proprio come una vicina”.

Gilda è molto richiesta, hai in cartellone alcune date?

“In questo mese di dicembre sono il 9 in una bruschetteria a Cisterna di Latina, il 16 alla Perla di Castel Gandolfo e in più sono previste varie tombolate sparse. La sera del 31 sarò all’Uliveto, un ristorante di Velletri”.

Condividi Su:
POST TAGS:
Grazia Urbano: La st
Samuela Sardo: Prota

redazione@gpmagazine.it

Valuta Questo Articolo
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO