07/23/2024
HomeMusicaBarbara Gallozzi: La fotografa che già a 16 anni immortalava i grandi della musica

Barbara Gallozzi: La fotografa che già a 16 anni immortalava i grandi della musica

di Antonio Desiderio –

E’ considerata una delle fotografe più quotate del mondo della musica e dello spettacolo. Si chiama Barbara Gallozzi e abbiamo il piacere di ospitarla sul nostro magazine.

Barbara, vorremmo presentarti al nostro pubblico dai tuoi inizi. Sei romana, cresciuta a Roma da una famiglia di grandi valori e sentimenti…

“Sono romana ‘verace, nata e cresciuta a Porta Pia e della romanità vera ho mantenuto la sagacia, l’ironia e la ‘scansonatezza’”.

Pensi che tutto questo si sia riversato nel lavoro di fotografa che oggi fai?

“Gli insegnamenti dei miei genitori ed il loro appoggio incondizionato hanno fatto sì che io potessi realizzarmi in quello che volevo essere e che ancora oggi sono”.

La tua prima macchina fotografica.

“La mia primissima fotocamera me la regalò mio papà che avevo circa 9 anni, per assecondare quella che già era la mia passione. Era un ‘giocattolo’, una piccola fotocamera inserita in una maschera di Paperino, uno dei miei personaggi Disney preferiti. Mentre la prima camera professionale la comprai all’età di 13 anni con i soldi che riuscivo a guadagnare con piccoli lavori ed era una Nikon FM”.

Il primo impegno importante come fotografa?

“Avevo circa 16 anni e l’Agenzia fotografica che mi aveva praticamente ‘adottata’ già da due anni, premiò il mio amore per la fotografia e per la musica mandandomi in RAI a fotografare gli eventi musicali più famosi di allora. Ricordo la prima volta fu al programma ‘Discoring’ presentato da Gianni Boncompagni e dovettero farsi fare un permesso dai miei genitori poiché ero minorenne”.

Sei tra le fotografe più importanti del panorama dello spettacolo. Da cosa ti è nata questa passione?

“La musica e lo sport sono state le muse ispiratrice della mia passione. Volevo ‘congelare’ i momenti che più mi emozionavano per poterli avere per sempre con me. Da lì all’amore per la fotografia è stato un attimo”.

Quali importanti eventi e personaggi hai seguito?

“Sono tanti e ci vorrebbe un’intero numero della rivista per raccontarli tutti, dal Festival di Sanremo, al Festivalbar, passando per i più importanti concerti delle Pop Star mondiali che ho fotografato nel “live” dalla fine degli anni ’70 fino ad oggi”.

E hai rapporti speciali con alcuni di loro?

“Rapporti speciali con personaggi famosi ne ho avuti e molti ne mantengo ancora. Purtroppo alcuni dei più cari non ci sono più, m, come si dice… questa è la vita!”.

Sei titolare della “Imag&vents”, studio di posa e creazioni artistiche a Roma Cinecittà. Chi frequenta il tuo studio?

“Nel mio studio di Roma realizzo shooting per artisti o per brand aziendali e di moda ma anche book per attori emergenti e gente comune, perché ho sempre pensato che avere delle foto belle, realizzate da un professionista non debba essere un privilegio di pochi ma una possibilità per tutti”.

Oltre che fotografa sei anche regista di una importante trasmissione “You star, la stella sei tu”. Vuoi parlarcene?

“Questa trasmissione è per me come un figlio. L’ho pensata, scritta, ideata e la dirigo a 360 gradi, dalla produzione dei contenuti, alla regia. Anche questa realtà nasce dalla volontà di regalare, a chiunque sia in possesso di un qualunque talento artistico, la possibilità di esibirsi davanti a ospiti prestigiosi presenti in studio e stare, almeno una volta nella vita, dall’altra parte della TV. È un programma dedicato ai giovanissimi talenti che vanno dai 5 ai 20 anni ed è per me un’emozione riproporlo per il quarto anno consecutivo. In questa avventura porto amici che mi accompagnano come ospiti d’eccezione tra i quali Garrison Rochelle, che non ha bisogno di presentazioni; Antonio Desiderio, manager internazionale di balletto; Rosalia Misseri cantante e performer già protagonista delle più importanti opere moderne come Notre Dame de Paris, Tosca e altre e poi Paolo Audino, autore di brani per grandi interpreti come Minghi, Bocelli e Mina & Celentano, per i quali ha scritto la hit ‘Brivido felino’”. 

Oltre la tua passione per la fotografia, Barbara Gallozzi è una grande amanti dei cani…

“In effetti non sono ‘amante dei cani’ ma più semplicemente non potrei vivere senza di loro! Amo tutti gli animali ma per i cani, in particolare modo i miei Stitch & Mickey, potrei gettarmi nel fuoco”.

E quando non sei dietro la macchina fotografica, Barbara Gallozzi chi è? Cosa fa?

“Quando esco dal mood lavorativo mi dedico interamente alla mia vita privata, la mia famiglia e agli amici. Tolgo la suoneria dal cellulare e sono Barbara e basta!”.

Come riassumeresti oggi tutto il lavoro che hai svolto nella tua carriera in una sola parola?

“Emozionante”.

Con la collaborazione di:

Condividi Su:
Letizia Livornese la
Nicola Caprera: Una

redazione@gpmagazine.it

Valuta Questo Articolo
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO