05/21/2024
HomeFashionBeatrice Mazzoni: “Mi piace sperimentare per cercare la mia strada”

Beatrice Mazzoni: “Mi piace sperimentare per cercare la mia strada”

di Silvia Giansanti –

E’ una delle modelle più in voga del momento. E’ stata l’unica del World Beauty Celebrities, una kermesse internazionale che si è svolta recentemente

Beatrice è una ragazza semplice di base che sente la necessità di dividersi tra mille impegni durante la giornata. E’ una di quelle persone insomma che non si annoia mai. Solo durante la pandemia ha dovuto per forza rallentare. Chi l’ha detto che i giovani di oggi sono amorfi e senza obiettivi? Fin da piccola ha gravitato nel mondo dello spettacolo, frequentando per tanto tempo la scuola di danza classica. Poi lo studio ha preso il sopravvento, accompagnato dal mondo della moda che ha aperto le sue porte a Beatrice. Ha un carattere molto determinato, se vuole una cosa se la prende. Classe 2003, è nata a Roma ed è figlia di Giò Di Sarno, celebre cantante e presentatrice che abbiamo ospitato in copertina qualche numero fa.
Beatrice, che effetto ti fa avere una mamma così conosciuta?
“E’ solo un lato positivo. Fin da piccola, non nascondo che è stata proprio mia madre a inserirmi in questo mondo e non vi vergogno a dirlo, perché sono sicura delle mie potenzialità. Sono fiera di tutto questo. Non mi ha mai spinto a fare cose che non volessi fare. Ci sono periodi che volevo addirittura lasciare tutto. Mi ha spronata ma mi ha lasciata libera”.
Non hai paura di questo mondo pieno di insidie molto più grande di te?
“Avere una madre come la mia che ti apre gli occhi, vuol dire tanto. Non ho mai fatto ad esempio concorsi di bellezza. Ho preferito sfilare e dedicarmi a cose di alto livello”.
Come è avvenuto esattamente il tuo inserimento?
“All’età di quindici anni sono entrata nella prima agenzia di moda. Ho buoni ricordi dei miei primi lavori. Successivamente, dopo un periodo in cui volevo mollare tutto, sono entrata nella Background Model Management, un’agenzia di moda di Antonella Polini, Raffaele Squillace e Gian Paolo Piccini che mi ha portato anche la Fashion Week in Oman, che si è svolta lo scorso anno, alla presenza delle star della moda a livello internazionale”.
Nell’arco di pochi anni sei passata da lavori a contatto con i bambini a eventi internazionali.
“La mia migliore amica mi prende in giro riguardo al mio curriculum che è davvero lungo nonostante la mia giovane età. Ho provato diverse esperienze; dall’assistente in uno studio di avvocati alla social media manager, passando per la baby sitter e finendo in una redazione televisiva. Sono andata da un eccesso all’altro, sperimentando e cercando la mia giusta strada”.
Essendo iperattiva, hai dovuto sacrificare la tua vita privata giovanile?
“Sì, mi rendo conto che in questi ultimi tempi sto sacrificando le amicizie. Sono andata a ballare dopo tanti mesi e mi è sembrato un evento. Oltre al lavoro, seguo anche gli studi universitari”.
Parliamo dei tuoi impegni attuali. So che c’è stata un’importante esperienza.
“Ho avuto un’esperienza fantastica a proposito della prima edizione del World Beauty Celebrities, ovvero una kermesse internazionale che ha ospitato le live performance delle star mondiali del make up, ideata dal beauty designer Raffaele Squillace. Ho avuto l’onore di essere stata truccata da Stefan Subotic, star del make up internazionale. Sto aspettando inoltre di partecipare alla Fashion Week in Medio Oriente. Nel frattempo come già detto, sto portando avanti gli studi universitari alla sapienza. Con una buona organizzazione riesco”.
Come sei tendenzialmente: organizzata o disordinata?
“Se guardiamo in questo momento la mia camera, potremmo avere dei dubbi ma di base sono organizzata durante la giornata. Sono dritta e metodica”.
Guardando a lungo, hai un obiettivo o preferisci vivere alla giornata?
“Il mio sogno nel cassetto è poter entrare in una redazione Mediaset. Si sa che ad un certo punto i mestieri come il calciatore o la modella, finiscono e magari prendono altre direzioni.”.
Ti piace stare dietro le quinte o affrontare telecamera e microfoni?
“Dietro le quinte, anche se sembra strano, visto che sono abituata a sfilare con un pubblico davanti. Come presentatrice tipo mia mamma proprio non mi ci vedo, invece preparare e curare programmi e testi, sì”.
Nella vita di tutti i giorni, sei attenta alla moda?
“Non particolarmente. Sono acqua e sapone e giro con la tuta e senza trucco”.
Cosa pensa di te tua madre Giò?
“Secondo lei dovrei fare la giornalista che legge il tg, ma non lo sento nelle mie corde, poi tutto può accadere nella vita”.

Condividi Su:
Camilla Pandozzi: Un
Filippo Thiery: Il m

redazione@gpmagazine.it

Valuta Questo Articolo
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO