05/20/2024
HomeCulturaGabriella Labate: “Ho la fortuna di avere accanto un uomo intelligente che non mi ha mai limitata”

Gabriella Labate: “Ho la fortuna di avere accanto un uomo intelligente che non mi ha mai limitata”

di Silvia Giansanti –

E’ uscito “Nudi”, il libro di Gabriella Labate, volto noto e moglie del cantautore Raf. Il romanzo, edito per la prima volta con il titolo “La gonna bruciata”, è tornato alla luce in una nuova edizione per il marchio Love di Compagnia Editoriale Aliberti

Spinta da suo marito Raffaele Riefoli, assorbito dal libro letto tutto in una notte, Gabriella Labate ha così dato vita a “Nudi”, un libro sorprendente e intimo. E’ stato creato con grande passione e intensità. Nel volume, scritto in forma di diario acronico, osserviamo Sara, la protagonista, prima bambina, poi ragazza e infine donna, attraverso fatti di vita vissuta. La passione di Gabriella per la scrittura, nasce dalla lettura, ma lei è sempre stata poco convinta di pubblicare qualcosa. Senza volerlo, questo libro è divenuto uno dei preferiti di Raf che le ha rivolto anche una dedica. Un invito quindi a farsi coinvolgere da questo racconto e occhio a non dire bugie! Gabriella infatti si accorge se lo avete letto o meno, dalla reazione stupita che avrete.
Gabriella, quanto hai impiegato per scrivere questo libro?
“Un paio di anni circa, ho sempre scritto sotto ispirazione del momento, non avendo scadenze”.
La passione per la scrittura ha sempre abitato in te?
“Sì, nasce da una grandissima passione per la lettura. Ho letto sempre libri nella mia vita e continuo a farlo. Essendo di un’altra epoca dove non c’era la tecnologia sfrenata di oggi, sono cresciuta appunto leggendo per curiosità. Poi mi sono decisa a pubblicare, ma solo per il puro piacere di scrivere e non perché dovevo dimostrare qualcosa”.
Cosa ti ha spinto a pubblicare “Nudi”?
“E’ un romanzo abbastanza crudo che tratta argomenti delicati iniziando dagli anni ’50, raccontando la storia di chi precedeva e di Sara che nasce negli anni ’60. Tratta di argomenti ancora purtroppo attuali. Mi ha spinto a scrivere il libro un fatto di cronaca orribile che è accaduto a Miami dove oramai trascorro molto tempo della mia vita. Così ho creato un racconto che racchiudesse, come in un puzzle, fatti che sono accaduti a me e ad altre persone e storie che ho sentito e capito in famiglia. Un tempo molte cose non venivano spiegate ai più piccoli, era tutto una sorta di tabù estremo sulla sessualità. Quindi questi fatti mi hanno tenuta per mano passo dopo passo, scrivendo ogni capitolo di questo romanzo, fino a crearne una storia. L’essenziale che si cela nel romanzo si chiama ‘La gonna bruciata’”.
E’ stato definito un progetto intimo, perché?
“Questo libro intitolato ‘Nudi’ nasce dalla dedica che ho scritto alla fine e che non c’entra con il romanzo, a Raffaele, mio marito, parlando di nudità in ogni senso. Fisica e non fisica. La parola ‘nudi’ entra anche nel messaggio contenuto nel romanzo. Mi riferisco anche ad uno dei personaggi del libro che in realtà si trascina dalla nascita un pesante fardello, ma che ad un certo punto però viene scoperto”.
Inoltre c’è anche una dichiarazione di Raf.
“C’è una dedica di mio marito che ha scritto la mattina seguente alla lettura del libro, divorato in una notte. Non ho mai fatto vedere nulla a lui, neanche una bozza”.
Che tipo di pubblico predilige “Nudi”?
“Dai commenti che arrivano, tutti molto belli e toccanti, ci sono uomini, che non mi sarei mai aspettata e donne. Ho ricevuto tanti messaggi positivi, quindi arriva un po’ a tutti”.
Qual è stato finora il messaggio più bello che hai ricevuto?
“Quello di Massimo Cotto, uno scrittore e giornalista”.
Hai mai pensato di scrivere un libro che racchiuda e racconti le tue esperienze, visto che hai avuto la fortuna di lavorare con grandi nomi dello spettacolo?
“A dir la verità ci stavo pensando, perché sono piena di aneddoti che riguardano i grandissimi come Oreste Lionello, Gabriella Ferri, Leo Gullotta e altri. Per non parlare di Pierfrancesco Pingitore e di Mario Castellacci. Sarebbe bello continuare a dare lustro a personaggi che non ci sono più. Grazie a Pingitore, da noi chiamato Ninni, ho avuto la possibilità di recitare e di cantare, oltre al ballo. Uno dei personaggi di successo è stato quello della lupa, costruito con lui a pennello sulla mia romanità”.
Una domanda da donna a donna, uscendo dal discorso sul libro, se non avessi incontrato un uomo giusto come Raffaele, saresti riuscita a stare da sola senza problemi, oppure sei un tipo che ha bisogno di un supporto ad ogni costo?
“Sarei stata molto bene anche da sola, perché caratterialmente non riesco a stare con chi non mi piace. Preferisco stare da sola e non con chi mi fa sentire sola. Non amo sentirmi ingabbiata e a fianco di un uomo ossessionato dalla gelosia. Questo non mi avrebbe consentito magari di avere un seguito professionale. Pensa che il mio amore per Raffaele nacque da una profonda antipatia. Sono fortunata ad avere al mio fianco oltre che uno dei pilastri della musica italiana, un uomo intelligente che non mi ha mai limitata. Nella mia indole soffro di claustrofobia in ogni senso. Prima di mio marito ho avuto un ingabbiamento di rapporto e so bene che significa”.

CHI E’ GABRIELLA LABATE

Gabriella è nata a Roma il 14 ottobre del 1964 sotto il segno della Bilancia con ascendente Ariete. Tifa per la Roma,. E’ disponibile ed affabile. Ha l’hobby della zumba, ama mangiare le meringhe e tutto ciò che è romano. Possiede due cagnolini, una nera che si chiama Dea e uno bianco che si chiama Luke. Si divide tra l’Italia e Miami. Gli anni fortunati della sua vita sono quelli in cui sono nati i suoi figli; il 1996 e il 2000. E’ sposata con il cantautore Raf, dal quale ha avuto due figli, Bianca e Samuele. Ha debuttato nel mondo dello spettacolo nel 1987 con la compagnia del Bagaglino, sotto la direzione di Pierfrancesco Pingitore. Un connubio durato molti anni e che l’ha vista partecipare a commedie teatrali e show televisivi di successo. Ha lavorato anche per Sky in veste di giurato di un celebre talent, per poi approdare anche sul grande schermo. Ha diretto una scuola di danza ed è direttore artistico di eventi teatrali, tour musicali e programmi televisivi. Inoltre collabora con Raf in veste di coautrice. Ha pubblicato di recente il libro “Nudi”.

© Foto interne di Giacomo Lommi

© Foto di copertina di Gianluca Saragò

Condividi Su:
POST TAGS:
Lucia Rubedo: "Il mi
GP Magazine febbraio

redazione@gpmagazine.it

Valuta Questo Articolo
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO