12/09/2022
HomeMusicaWill: “Domani che fai?”

Will: “Domani che fai?”

Sulla scia del travolgente successo di oltre 30 milioni di stream conquistati con il singolo “Estate” già certificato disco di platino nonché secondo brano più ascoltato in assoluto nel 2021, fra i brani del decennio 2010–2020, secondo una recentissima classifica di Spotify,  Will inizia il nuovo anno in grande stile con “Domani che fai?”, il suo nuovo esplosivo singolo, una sorprendente hit prodotta da Neezy e Tom. Il brano è disponibile su tutte le principali piattaforme digitali

Fenomeno da milioni di views, Will al secolo William Busetti, è una delle penne più fresche, carismatiche e promettenti della nuova scena pop urban contemporanea. A soli 21 anni si è fatto notare conquistando il grande pubblico con il suo straordinario talento puro e genuino. Un ragazzo semplice che è cresciuto ascoltando tantissima musica, influenzato dal british pop dai gusti della madre di origini inglesi, e dal cantautorato italiano, spinto dalla passione del padre.

Will, allora, “Domani che fai”?

“Sicuramente nel mio domani immediato e futuro c’è la musica, ho una grande voglia di continuare questo bellissimo percorso musicale che sento mio. Sono stato parecchi mesi senza uscire con musica nuova e ora sono pronto a nuove sfide con positività, vivo tutto quello che può venire con tranquillità. Il brano ripercorre diverse fasi di quelle che possono essere le sensazioni e i sentimenti che ruotano intorno ad una relazione amorosa, molteplici sfumature che spesso neanche noi riusciamo a comprendere, ponendoci diversi interrogativi dovuti anche all’incertezza ormai costante del nostro futuro”.

Ma ieri (il passaggio a XFactor 2020) quanto è importante?

“Sicuramente è stato un percorso che mi ha formato sotto tutti i punti di vista nonostante la mia giovane età. Forse con il senno di poi l’avrei vissuta un po’ più serenamente, le pressioni sono tante da gestire. Oggi sono in una fase più matura e consapevole sia personalmente che musicalmente. E’ stata una vetrina pazzesca che mi ha fatto conoscere per cui non rinnego assolutamente nulla”.

Come inizia la sua avventura musicale?

2È una passione nata in maniera spontanea, un po’ per gioco, ho sempre ascoltato parecchia musica influenzato dal british pop dai gusti di mia madre di origini inglesi, e dal cantautorato italiano, spinto dalla passione di mio padre. Mi è sempre piaciuto scrivere testi ed ad un certo punto mi sono reso conto che stavo iniziando a fare seriamente. Ho iniziato a scrivere le prime rime in musica da ragazzino gasato dall’esplosione della musica rap, anche se poi io negli anni nonostante ascolti di tutto ho appreso un’attitudine più pop urban di carattere internazionale”.

I suoi punti di riferimento, la sua stella polare?

“La mia famiglia sempre vicina, anche la mia anima gemella direi, senza amore non possiamo essere veramente completi”.

Questa pandemia come ha inciso sulla sua persona e sul suo lavoro?

“Assolutamente sì, anche nella stesura di questo brano nuovo ‘Domani che fai?’ che ho iniziato a scrivere durante il primo lockdown si ritrova molto dell’incertezza legata al futuro anche a causa della pandemia. Forse noi giovani abbiamo sofferto più di altri questo distanziamento sociale. Poi il brano trova mille sfaccettature legate al futuro comunque visto con positività e speranza, che non deve mai mancare. La cosa che la pandemia ci ha portato via è soprattutto la musica dal vivo che mi manca parecchio”.

In quest’era che tutto fagocita, lei che rapporto ha con i social?

“I social a mio avviso se utilizzati con parsimonia in maniera non corretta e spropositata sono utili ad accorciare le distanze. Sicuramente ci hanno tenuto compagnia in questi ultimi due anni e soprattutto sono stati il mio legame continuo con i fan, senza il loro calore non c’è l’avrei fatta!”.

Progetti?

“Mi dedico a questo nuovo singolo a cui tengo in particolare modo perché è l’espressione perfetta di quello che sono in questo momento descrive molto di me, di quello che sento personalmente e musicalmente. Poi spero di uscire prima dell’estate con nuovi brani e chissà mai poi un disco, io musicalmente non mi fermo mai, sono sempre al lavoro”.

Condividi Su:
POST TAGS:
Chiara Pavoni: Un'ar
Valerio Longo: "Il m

redazione@gpmagazine.it

Valuta Questo Articolo
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO