12/06/2022
HomeFashionCinzia Fabris: Il fascino del carisma

Cinzia Fabris: Il fascino del carisma

di Luca Dell’Oro

Questa è la storia di una donna che, nonostante le difficoltà della vita, non ha mai perso il sorriso e non ha mai smesso di stupire le persone con la sua testa prima ancora che con il suo fascino. Cinzia Fabris è un concentrato di energia, di dinamismo e di voglia di fare, declinate nei settori più disparati: network marketing, concorsi di bellezza, social network e… orto. A 52 anni portati come se ne avesse una ventina di meno, il suo personaggio racconta la gioia di vivere la vita “Il mio auspicio è di ispirare altre donne a fare meglio o di più” racconta Cinzia che oggi è impegnata in una società leader mondiale in nanotecnologia applicata all’integrazione alimentare, ma che vent’anni fa quasi per caso si è ritrovata ad essere incoronata “Mamma più sexy d’Italia”. “Il fascino non sta nei centimetri di pelle scoperta, ma nel modo di porsi, di camminare, di sorridere” racconta con quell’entusiasmo che la caratterizza da sempre. 

Ripartiamo proprio da te: un uragano di adrenalina e…

“Una donna semplice, con passioni speciali: l’orto, il cucito, la moda, la musica. E poi lo confesso: adoro essere fotografata”.

Entusiasmo, energia, dialogo. E qui arriviamo ad un nocciolo fondamentale.

“Ne ho elencate molte, ma la mia passione più grande è creare relazioni. Ecco perché mi sono buttata presto nel network marketing: tante esperienze, finché nel 2015 ho incontrato il mio mentore Roberto Grandis, la persona che mi ha indicato la strada. Grazie a questo incontro collaboro al progetto Swych, acronimo che sta per Success Wellness You Community Happiness. Siamo i primi al mondo a portare avanti un progetto di nanotecnologia applicata all’integrazione alimentare”.

Un ruolo che calza a pennello con le tue inclinazioni.

“Il mio compito è motivare, gestire e guidare altre persone. Questo è quello che faccio: spronare i team e le persone, spronarle a dare sempre il meglio di loro stesse”.

Oltre all’aspetto lavorativo, c’è un altro lato da evidenziare…

“Nel 2001 sono stata nominata “Mamma più sexy d’Italia”. La verità è che la gente mi vede sensuale e seducente, anche se io non me ne rendo conto…”. 

Cosa piace del tuo personaggio?

“Penso che tutto dipenda dal carisma, è questo l’elemento che rende ogni fattore in gioco straordinariamente affascinante”. 

Eppure, il tuo percorso da Miss non si è fermato lì.

“A 50 anni ho deciso di rimettermi in gioco, sono arrivata fra le 13 finaliste di Miss Mamma nel 2020 e ho avuto l’onore di essere immortalata per il calendario ufficiale del concorso. Penso che con la fotografia si possa emanare ogni nostra emozione. Sul set, come in passerella, esprimo quello che ho dentro”.

Hai scelto di metterti in gioco come Mamma, anche se il tuo ruolo è quello di business woman.

“Provo a svelare il segreto del mio successo: ho la spensieratezza di una ventenne, ma al tempo stesso sono una donna che sa il fatto suo perché la vita mi mette quotidianamente tante difficoltà davanti. Questo mix è il mio segreto”. 

Anche sui social network il tuo personaggio è sempre più seguito…

“E pensare che… io ero contro questo mondo fino al 2016. Ho iniziato ad usarlo e col passare del tempo ne ho apprezzato le incredibili potenzialità. Oggi i miei profili social sono una vetrina fondamentale per il mio lavoro e per la mia persona”. 

Anche perché, attraverso i social si sono spalancate nuove porte.

“Anche grazie ai social, ho avuto l’onore di realizzare shooting per una boutique di Cittadella e per un parrucchiere della Provincia di Vicenza. Mi rendo conto delle caratteristiche fisiche per le quali mi ritrovo un corpo che piace unito alle emozioni che sa trasmettere una donna. Anche per questo motivo, mi piace valorizzare ciò che di bello ho da mostrare. Con classe e eleganza: la sensualità dipende dal carisma e dallo sguardo, non dall’abito”.

CONTATTI SOCIAL

https://www.instagram.com/cinziafabris

https://www.facebook.com/cinzia.fabris.73

Condividi Su:
POST TAGS:
I disturbi dell'imma
Le vitamine B e C: C

redazione@gpmagazine.it

Valuta Questo Articolo
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO