10/20/2021
HomeSaluteLa medicina integrata per affrontare l’autunno in forma e in salute

La medicina integrata per affrontare l’autunno in forma e in salute

di Alessandro Cerreoni –

L’estate è la stagione degli eccessi e il ritorno all’attività di tutti i giorni nel periodo autunnale può nascondere delle insidie per la nostra salute. Ne parliamo con il dottor Antonio Gorini (*), un medico che ha scelto la mission professionale di mettere al centro la persona nella sua complessità e trovare la cura che sia personalizzata e volta a ristabilire uno stato di benessere prolungato.

La ripresa dell’attività dopo il periodo estivo è uno dei momenti cruciali per affrontare la nuova stagione in salute. In tutto questo è fondamentale recuperare uno stile di vita corretto e affidarsi ad un medico esperto di medicina integrata, fitoterapia e omeopatia, che riuscirà a fornire un prezioso supporto e ad hoc.
Settembre è il mese del rientro dopo le vacanze e la spensieratezza dell’estate? Prima di entrare nel dettaglio, un buon medico cosa dovrebbe consigliare per affrontare al meglio questo periodo dell’anno?
“Riprendere la routine dopo un periodo di relax non è mai facile, anche se si svolgono quotidianamente attività piacevoli, ma quanti possono dire di fare un lavoro gradevole al 100% o avere una routine familiare pienamente soddisfacente? Pertanto, dobbiamo riprendere con gradualità i ritmi abituali, aumentando progressivamente le ore di lavoro, ove possibile; riprendere i ritmi dei pasti e delle ore di sonno. Mantenere sempre quella quota di attività fisica o di svago, che avevamo in vacanza, anche nella quotidianità”.
L’estate è la stagione degli eccessi e ci si ripresenta alla ripresa delle attività quasi sempre un po’ appesantiti. Cosa è utile fare, in generale, per disintossicarsi?
“Riprendere gli orari dei pasti e una dieta mediterranea sana. Non dimenticare mai le verdure ad ogni pasto. Se possibile, una volta a settimana fare un semi digiuno. Dal punto di vista fitoterapico è sicuramente utile un drenaggio detossificante. Per far ciò abbiamo numerose piante come il Tarassaco o il Cardo mariano, che alleggeriscono le fatiche del fegato nella disintossicazione; oppure la Betulla, l’Equiseto e la Pilosella, che sfruttano il sistema urinario per eliminare le tossine”.
In che maniera la medicina integrata può aiutare per affrontare al meglio i processi post vacanze e per prepararsi all’inverno?
“La medicina integrata si occupa di regolare i processi biologici di base, pertanto, può fare molto quando questi siano alterati a causa di abitudini “sregolate” adottate in vacanza. Ogni persona manifesta dei disturbi particolari e su quella persona possiamo “modellare” uno schema di terapia di regolazione personalizzato. Sicuramente dobbiamo ripristinare il ritmo sonno-veglia, gestire lo stress della ripresa lavorativa, aiutare il sistema immunitario e prepararlo al cambio di stagione”.
In tal senso cosa propone la medicina integrata dividendo le persone tra bambini/giovani, adulti e anziani?
“Dopo i 50 anni un presidio assolutamente utile è l’integrazione con la melatonina il cui dosaggio deve essere personalizzato dal medico. La melatonina controlla gli orologi biologici, il sistema ormonale ed immunitario. Inoltre, è molto importante controllare e sostenere la funzione tiroidea. In tutti è indispensabile il drenaggio con rimedi naturali delle tossine accumulate. Certamente il bambino sarà più veloce nell’eliminazione e necessiterà di dosi e periodi minori di terapia. Allo stesso tempo il supporto del sistema immunitario sarà significativo nell’anziano, ancor più se affetto da malattie croniche, molto più soft nel bambino sano. Per tutti è indispensabile una integrazione con la vitamina D (colecalciferolo) e con un probiotico per mantenere la salute intestinale. L’intestino è la principale sentinella verso ‘ospiti indesiderati’, che possiamo incontrare sulla strada. Anche la scelta di queste due integrazioni deve essere fatta da medico esperto”.
Una delle problematiche maggiori di questo periodo è legata all’umore, che, dopo l’euforia estiva, risente del cambiamento climatico, delle abitudini di vita che tornano ad essere frenetiche e delle giornate che si fanno via via sempre più corte e con meno luce. Quali sono i rimedi più utili in ambito fitoterapico?
“Il mondo della natura ci offre innumerevoli sostanze terapeutiche per l’umore. Gestire l’ansia della ripresa o la depressione del ‘ritorna tutto come prima’, ‘si stava meglio in vacanza…’, è un punto molto importante. Per l’ansia i rimedi a base di passiflora e valeriana sono tra i più usati. Mentre per la depressione molto utile l’iperico, la melissa e la Griffonia, che fornisce il precursore della serotonina. Della melatonina abbiamo già parlato prima. Non è fitoterapia, ma un’integrazione ormonale. E’, infatti, l’unico ormone che si modula con la luce, con il campo magnetico terrestre, con le interferenze elettromagnetiche. Ha un ruolo fondamentale nella regolazione di tutto l’asse PNEI (psico-neuro-endocrino-immunitario). Particolarmente indicato per chi viaggia spesso in aereo e sui treni ad alta velocità, per chi vive o lavora in luoghi con grande inquinamento elettromagnetico, e in chi è sottoposto a stress continuativi. Infatti, la melatonina riduce anche l’ormone dello stress, il cortisolo”.
E in quello omeopatico?
“Rimedi omeopatici o omotossicologici per l’umore sono molti e richiedono, soprattutto per l’omeopatia un’accurata personalizzazione. In generale, sono molto usati l’Ignatia amara per le crisi di ansia e il Gelsemium per l’ansia da prestazione. Per la depressione sempre l’Hypericum o la Sepia, ma l’elenco è molto lungo. Ricordiamo che, soprattutto nelle forme medio-gravi, è assolutamente controindicato il fai da te. Molto spesso il motivo dell’inefficacia dell’omeopatia sta nel fatto che non si è fatto ricorso al medico esperto in questo ambito. La magnifica complessità della scelta del rimedio omeopatico è anche la sua forza, ma bisogna conoscere i rimedi. L’omotossicologia in questo senso è più pratica, in quanto utilizza dei composti che hanno un’indicazione specifica verso un determinato gruppo di sintomi. Memorizzare i composti e la loro indicazione risulta, quindi, più semplice”.
Anche se sarà argomento del prossimo numero, in vista dell’arrivo della stagione più fredda, in generale cosa bisogna cominciare a pensare per prepararsi al meglio per affrontarla?
“Non farsi trovare carenti di vitamina D e con l’intestino in ordine. Su questi due cardini si muove la prevenzione delle malattie da raffreddamento tipiche della stagione invernale”.
Quanto è importante iniziare ad assumere la vitamina D in questo periodo dell’anno e perché?
“Madre Natura non fa nulla a caso. In estate dovremmo fare il ‘carico’ di vitamina D grazie all’esposizione della pelle alla luce solare. Ciò offrirebbe protezione per i “raffreddori” dell’autunno e dell’inverno. Purtroppo, in occidente l’inquinamento e gli stili di vita hanno reso pericoloso anche la lunga esposizione al sole. Pertanto, ci si espone poco al sole e, quasi sempre, con la crema di protezione solare, che impedisce ai raggi UV di attivare la vitamina D presente nella pelle sotto forma del precursore 7-deidrocolesterolo. In conclusione, arriviamo all’autunno sempre carenti di vitamina D e “scoperti” della sua protezione antimicrobica e protettiva per tutte le funzioni cellulari. Per fortuna esistono numerose e ottime formulazioni per integrare la vitamina D, quando ne siamo carenti”.
Via Archimede, 138 – Roma
www.biofisimed.eu
Tel 0664790556 (anche whatsapp)
antonio.gorini@biofisimed.eu
https://www.miodottore.it/antonio-gorini/internista-nefrologo-omeopata/roma

(*) (*) Il dottor Antonio Gorini è esperto di Nefrologia, Oncologia Integrata, Medicina Funzionale di Regolazione, Low Dose Medicine, Medicina Integrata,
Fitoterapia, Omeopatia e Omotossicologia, Microimmunoterapia, Ossigeno Ozono Terapia, Statistica della Ricerca e Pratica Clinica, Agopuntura. E’ docente presso
l’International Academy of Physiological Regulating Medicine

Condividi Su:
La droga e l’alcol
Donatella Bellicchi:

redazione@gpmagazine.it

Valuta Questo Articolo
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO