09/24/2021
HomeFashionBullet Jane: Un’artista da scoprire

Bullet Jane: Un’artista da scoprire

di Luca Dell’Oro –

Dalla fotografia alla pittura il passo può essere più breve di quello che si possa pensare. L’incanto di uno scatto sensuale e mai volgare può intersecarsi con una passione innata per tavolozza e tela, creando una simbiosi per certi versi unica.

Roberta, nome d’arte Bullet Jane, è un’artista a tutto tondo. Innamorata dell’immagine, a tal punto da aver creato un autentico personaggio su Instagram dove è seguita da oltre 30mila followers e dove colpisce i suoi followers a suon di scatti mozzafiato. Ma, sempre lei, è anche una di quelle ragazze per le quali il senso estetico è qualcosa di decisamente innato, a tal punto da aver fatto propria la vocazione verso l’estetica ed essere entrata in piena sintonia con un maestro come Vittorio Sgarbi. Proprio così. Il critico più famoso d’Italia e Roberta hanno condiviso storie, esperienze, visite guidate e magnifici paesaggi. L’arte è divenuto il filo conduttore di video esclusivi veicolati attraverso il suo canale Instagram che le hanno permesso di dimostrare come una ragazza bella, sorridente e piena di tatuaggi può diventare un punto di riferimento per chi va in cerca del “bello” e non vuole fermarsi all’apparenza. Ecco, la storia di Roberta sfida i luoghi comuni e colpisce dritta al cuore. Proprio come un proiettile.
Da dove è iniziata questa avventura?
“Dalla mia voglia di vivere sempre da protagonista ogni aspetto della mia vita. Ho 30 tatuaggi, sono di origine Salentina, vivo a Milano ma adoro la Spagna, ho iniziato a far foto a 18 anni e da allora non ho mai smesso”.
Una carriera che ti ha portata… in alto.
“Ho vissuto esperienze favolose: ho scattato per Playboy, collaborato per magazine internazionali, sono diventata testimonial di zaini da viaggio, gioielli, costumi da bagno e oggetti di fabbricazione artigianale Made in Toscana. Non mi sono fatta mancare nulla, diciamocelo! Ma non ho mai nemmeno rinunciato a nulla: ho viaggiato in lungo e in largo, sono stata in Thailandia, in Africa, negli Stati Uniti e in Brasile”.
E allora, qual è stata la tua arma in più in questi anni?
“Il mio stile! La gente è sempre rimasta colpita dal mio mood, dal mio aspetto peperino e dalla mia vivacità creativa. Anche oggi è così: colpisco soprattutto i giovanissimi, ma non solo… Anche le aziende italiane sono incuriosite dal mio essere alternativa ma di classe. Una contraddizione che è tale solo in apparenza”.
Chi è Bullet Jane… se tu dovessi descriverti?
“Sono una ragazza testarda, solare e fuori dagli schemi, al tempo stesso abituata a sfilare con abiti di alta moda. Ho il vizio del mare, del sole, della libertà incondizionata e dell’arte”.
E qui la domanda va dritta alla tua amicizia con Vittorio Sgarbi.
“Ci siamo conosciuti per un progetto che unisse l’arte al mondo delle influencer alternative, con l’obiettivo di creare un format che svecchiasse l’arte e la portasse fuori dai luoghi istituzionali in cui è racchiusa. Era un modo per andare oltre ogni stereotipo, Sgarbi è senza dubbio la persona giusta in questa direzione. Così, attraverso i miei canali social, abbiamo iniziato a veicolare i primi contenuti nel periodo della pandemia. Vedremo come si svilupperà il tutto”.
Questo è un mondo che ti piace?
“Moltissimo, vorrei lavorare con l’arte, ma soprattutto entrare nel mondo della radio. Mi affascina l’idea di veicolare contenuti che lascino spazio alla libertà di immaginazione e di pensiero. Si torna sempre lì, alla mia voglia di sentirmi libera e di far sentire liberi anche gli altri”.
Uno spirito viaggiatore…
“Quello non manca mai! Anzi, proprio grazie a questo istinto, mi si sono aperte delle porte insperate e mi sono ritrovata a vivere nuove esperienze davvero affascinanti. Voglio andare in quella direzione, per continuare a vivere la vita e il mondo senza limiti”.
CONTATTI SOCIAL: https://www.instagram.com/bullet.jane

Condividi Su:
POST TAGS:

redazione@gpmagazine.it

Valuta Questo Articolo
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO