04/24/2024
HomeSpettacoloMarco Bonini: “Prima di approcciarmi al personaggio di ‘Perfetti Sconosciuti’ mi sono confrontato con Edoardo Leo”

Marco Bonini: “Prima di approcciarmi al personaggio di ‘Perfetti Sconosciuti’ mi sono confrontato con Edoardo Leo”

di Giulia Bertollini –

E’ in tournée in giro per l’Italia con lo spettacolo “Perfetti Sconosciuti”. Marco Bonini è uno degli interpreti della commedia, la cui versione cinematografica è diventata un cult. L’attore è soddisfatto per come il pubblico sta accogliendo lo spettacolo che ha registrato sold out in ogni data. In questa intervista, oltre a parlare dello spettacolo teatrale, Marco Bonini ci ha dato qualche anticipazione sulla seconda stagione della serie Cuori in onda dal prossimo autunno su Raiuno. 

Marco, sei in giro per l’Italia con lo spettacolo “Perfetti sconosciuti”. Come sta andando questa esperienza? Sei soddisfatto

“Sta andando meglio delle più rosee aspettative. Facciamo sold out ovunque. Abbiamo conquistato anche Napoli che per una commedia è la piazza più ostica”.

Cosa ti ha più colpito del personaggio che interpreti? C’è qualche aspetto che ti accomuna?

“C’è purtroppo un po’ di Cosimo in ogni maschio. Cosimo è l’ultimo maschilista, anaffettivo e superficiale che non considera le conseguenze della sua superficialità. Cosimo è quella parte di noi maschi che dobbiamo e vogliamo cambiare o meglio far evolvere”.

Gran parte del merito di questo successo teatrale è di voi attori. Avete dato una vostra chiave di lettura personale totalmente distante da quella del film dove non nascono paragoni. Anche qui un lavoro delicato e complesso. Come avete lavorato perché bastava poco per far pensare agli interpreti del film?

“Abbiamo lavorato con Paolo Genovese come se non esistesse il film, abbiamo costruito, o meglio ricostruito le psicologie dei nostri personaggi partendo dal testo. Nessuno si sorprende o pensa a paragonare una nuova produzione di Amleto o Romeo e Giulietta con produzioni precedenti, nel nostro caso ovviamente si perché il film è un successo planetario, ma se ci fossimo lasciati intimidire non avremmo mai debuttato. Per quanto mi riguarda il lavoro personale sul mio personaggio era ancora più importante perché il mio precedente cinematografico è il mio migliore amico, Edoardo Leo. Per Cosimo tutti avrebbero fatto il confronto tra le due letture proprio per la nostra amicizia. Ne ho parlato anche con Edoardo durante le prove chiedendogli su cosa avesse lavorato lui e ho potuto così fare una scelta diversa. Il mio Cosimo si distacca da quello di Edoardo proprio sul punto debole del personaggio”.

I cellulari e i segreti nascosti sono al centro dello spettacolo. Oggi i telefonini sono diventati le nostre scatole nere. Pensi che siano stati i social a renderci così? 

“Siamo sempre stati così, l’umanità vive di segreti, tradimenti e smascheramenti da sempre, la tecnologia ha solo reso tutto molto più facile e accessibile, rendendo noi tutti umani digitali molto più ‘frangibili’, come chiude il testo alla fine”.

Intanto in autunno tornerà in onda anche la serie Cuori. Cosa ci puoi anticipare sulla nuova stagione? 

“Anche in ‘Cuori’ interpreto un maschio superficiale che però quest’anno cercherà di crescere. La maturazione maschile è per me un tema sociale molto importante che cerco di sviscerare sia come interprete che come autore. Anche in ‘Cuori’ ci saranno delle svolte importanti per il dottor Ferruccio Bonomo”. 

Nel 2019 hai pubblicato il tuo primo libro: come ti sei scoperto scrittore? Cosa ti ha spinto a crederci e renderlo realtà?

“Un istinto strano di cercare un senso nella mia vita. La scrittura è un’ottima terapia. In più volevo dire la mia su certi temi e volevo dirla con un certo tono che avevo in testa … e quindi me la sono dovuta “cantare e suonare” da solo”. 

Parteciperesti mai ad un programma come “Ballando con le Stelle”?

“E’ un programma molto bello che seguo volentieri in TV e poi adoro ballare. Farei volentieri il guest per una sera, ma come concorrente sarei terribile, eviterei questa tortura agli spettatori”. 

Progetti futuri? 

“Ci sono diversi progetti in cantiere”. 

Condividi Su:
Daniele Pompili: Il
Valeria Cavalli: “

redazione@gpmagazine.it

Valuta Questo Articolo
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO