07/23/2024
HomeSpettacoloRaffaello Balzo: Da carramba boy alla vita di Zanussi, la carriera intensa di un bravo attore

Raffaello Balzo: Da carramba boy alla vita di Zanussi, la carriera intensa di un bravo attore

Nato ad Udine il 18 marzo 1975, vive fino all’età di diciotto anni ad Artegna (UD). Nel 1976 compare sui giornali dopo essere stato salvato dalla nonna durante il terremoto che colpì il Friuli. Nel 1995 vince il concorso Fotomodello dell’Anno, nel 1998 quello di Mister Friuli, l’anno seguente arriva 1º al concorso Il più bello d’Italia. Si trasferisce a Milano, dove inizia la carriera di modello che lo porterà a lavorare anche a Londra e New York. Appare per la prima volta in televisione come Carramba Boy nel programma Carramba che sorpresa!, condotto da Raffaella Carrà. Oltre a lavorare come modello e attore di fotoromanzi, inizia a studiare recitazione e nel 2001 esordisce interpretando il ruolo di Ettore nella serie tv Compagni di scuola.
Tra il 2003 e il 2004 interpreta il ruolo di Matteo Consoli nella soap opera di Rai 3, Un posto al sole. Nel 2005 è nel cast di Elisa di Rivombrosa 2, regia di Cinzia TH Torrini e Stefano Alleva, dove interpreta il ruolo di Armand Benac. Nel 2006 partecipa alla quarta edizione del reality show L’isola dei famosi, condotto da Simona Ventura, venendo eliminato nel corso della settima puntata con il 63% dei voti. Il 2007 debutta nel cinema con i film Il soffio dell’anima, regia di Vittorio Rambaldi, nelle sale nel marzo del 2009, e Matrimonio alle Bahamas, regia di Claudio Risi, con Massimo Boldi.
Nel 2008 partecipa insieme a Kate Moss al videoclip della canzone Uptown dei Primal Scream.
Nel dicembre dello stesso anno debutta in teatro con il musical La surprise de l’amour, regia di Marco Bracco. Dal gennaio del 2009 fino a settembre 2011 è nel cast principale su Canale 5 nella popolare soap opera CentoVetrine con il ruolo di Niccolò Castelli. Torna al cinema nel 2023 interpretando la vita di Zanussi e il calendario di Emanuela Del Zompo “The legend of Kaira 2024”.
Raffaello in poche righe parlaci di te.
“Ho 48 anni ho fatto l’attore per tanti anni, poi il fotografo ora imprenditore nel settore energetico”.
Un messaggio contro la violenza sulle donne.
“E’ una situazione veramente drammatica, molti uomini credono che le donne siano di loro proprietà così esce fuori molta cattiveria, sono stato molto colpito dall’ultimo femminicidio avvenuto nella mia regione vicino Padova, Giulia Cecchettin, purtroppo sta diventando molto grave la situazione”.
Come può essere fermato secondo te il femminicidio?
“Bisogna lavorare sulla formazione delle nuove generazioni, è difficile sradicare la mentalità bruta di molti individui cresciuti con un’educazione errata purtroppo le donne sono più deboli e subiscono ahimè l’azione violenta del maschio”.
Tra cinema, tv e fotografia cosa più ti rappresenta?
“Cinema e tv mi hanno dato molto anche in termini di popolarità ma mentre sul set interpreto un ruolo diretto da un regista, con la fotografia mi sento totalmente indipendente e soprattutto decido io cosa fare”.
Un aggettivo per definirti?
“Lunatico, perché sarà il mio segno zodiacale i pesci, ma sono veramente strano, passo da momenti euforici, dove sono talmente felice a momenti dove mi girano i cosiddetti cocomeri e voglio stare solo, praticamente mi isolo”.
Un aggettivo per definire Emanuela Del Zompo?
“Emanuela Del Zompo è una combattente, va oltre il sistema, ci crede fino alla fine, non molla mai e continua ad andare avanti all’infinito, è una guerriera!”.
I tuoi obiettivi di oggi?
“Vorrei essere più costante nelle cose, ho sempre molte idee per la testa a cui dovrei dare più costanza, alla fine le porto a termine ma con tempi biblici”.
Parlaci del tuo ultimo film sulla vita di Zanussi.
“E ‘stato molto bello interpretare un uomo che è partito da zero, ha dato lavoro a 16 mila dipendenti era un grande futurista, una persona che ci vedeva lontano, mi ha fatto capire tante cose, il film è stato realizzato con le migliori tecnologie e le migliori competenze e il risultato finale è molto buono, non sarà perfetto ma è stato fatto con il cuore e tanta buona volontà. Sono friulano come lui e devo dire che ci assomiglio anche per questo mi hanno scelto. Anche i suoi vestiti mi andavano perfetti, sono tanto contento di questo lavoro”.
Quando prepari un personaggio a cosa ti ispiri?
“A nessuno, leggo il copione, a parte Zanussi un personaggio esistito veramente alla fine bastava emularlo, per altri personaggi di fantasia ci metto del mio, voglio dire che io posso interpretare in una maniera mentre altri attori usano tecniche diverse, faccio del mio!”.
Nella scala dei tuoi valori cosa metti al primo posto?
“Questa è una bella domanda: l’amicizia, l’onestà, faccio fatica a rispondere…”.
Da grande farai…?
“Questa è una domanda ancora più difficile da rispondere. Ora mi sto occupando del settore energetico, mi sto buttando in questa nuova avventura che vedrà i suoi frutti l’anno prossimo, work in progress!”.

Condividi Su:
STORIE DI RADIO - Lu
Michael e Andrew Cip

redazione@gpmagazine.it

Valuta Questo Articolo
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO