06/12/2024
HomeCulturaMichela Pittari è “Il volto dei sogni”: Un’appassionante trilogia per aiutare la ricerca

Michela Pittari è “Il volto dei sogni”: Un’appassionante trilogia per aiutare la ricerca

di Mariagrazia Cucchi –

Il suo percorso come scrittrice nasce da una grave perdita: quella della madre, ma la giovane Michela Pittari, ventinovenne originaria di un piccolo paesino sulle sponde del lago Maggiore, ha saputo reagire al dolore attraverso “Il volto dei sogni”, il primo capitolo di una romantica trilogia di cui è autrice, pubblicata da F02 Studio, i cui proventi vanno alla fondazione AIRC per la ricerca.

“Sono sempre stata una grande divoratrice di libri, ma l’input che mi ha spinto a scrivere è arrivato proprio a pochi mesi dalla perdita di mia madre, quando ho sentito il forte bisogno di mettere su carta i miei pensieri su di lei. Alla fine mi sono detta: perché non trasformare tutto questo in un libro? Così, è nata da zero questa storia d’amore, all’interno della quale in ogni personaggio ho fatto rivivere qualcosa di mia madre”.

Un racconto intenso e sincero, che ruota intorno a Genny, ventenne dai capelli biondo scuro e gli occhi color cielo che frequenta l’ultimo anno di liceo classico e nella vita sogna di diventare una veterinaria. Dal momento in cui gli occhi di Genny incrociano per la prima volta e per caso quelli di Aron, la ragazza non riesce più a togliersi dalla testa l’affascinante sconosciuto, destinato a incontrarsi ancora con lei. Perché Genny e Aron sono due cuori legati da un filo invisibile, che li fa avvicinare sempre di più, fino a scoprire l’emozione di un amore in grado di far vivere sensazioni mai provate prima. Ma quando tutto appare perfetto, qualcosa spezza quel filo magico che sembrava essere indistruttibile. Senza darle nessuna spiegazione, Aron si allontana di colpo dalla vita di Genny, lasciandola sommersa da milioni di punti interrogativi, e di lacrime. Quando Genny inizierà a indagare sul motivo di una scelta così improvvisa, ciò che scoprirà la lascerà senza parole…

“Al di là della storia che racconto, per me questo libro ha un significato importante per ciò che porta con sé: sostenere la missione di AIRC per la ricerca sul cancro. È qualcosa che parte da me ma che continua in chi acquista il libro, un gesto concreto che aiuta la medicina e la scienza e, di conseguenza, la salute e la vita di tantissime persone. Devo ammettere che, a differenza di ciò che a me piace trovare dentro un libro, questo primo capitolo non ha un vero e proprio lieto fine, ma… sicuramente al termine della trilogia i lettori rimarranno soddisfatti!”.

Accanto alla storia di Genny e Aron, attraverso la quale Michela mostra tutta la sua sensibilità e quanto la dimensione letteraria la faccia sentire al posto giusto nel mondo, c’è anche la frequentazione del corso di recitazione presso la SG Academy di Germignana per diventare attrice… perché oltre ad avere tanta fantasia, la nostra Michela ha anche tantissimi sogni da realizzare!

“Questo libro è stato di grande aiuto per riuscire ad affrontare la mia perdita, perciò mi auguro che chi sta vivendo la mia stessa situazione, o l’ha vissuta, possa ricevere un input che sia d’aiuto a superare un momento tanto brutto, così come l’ho superato io”.

E allora, cari lettori, è il momento di agire: con un solo gesto, possiamo far rivivere l’amore di Michela per sua madre, vedere Genny coronare il suo sogno e aiutare la ricerca a permetterci di fare tanti, tantissimi altri sogni.

Condividi Su:
Stefano Agosto: “S
Fius Gamer: Un libro

redazione@gpmagazine.it

Valuta Questo Articolo
NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO